Tag: webreputation

Top agenzie Web Reputation in Milano Cerca contatti su “ITALIA TOP AGENZIE”

Tra le molte agenzie di web reputation analisi in Italia troviamo la  Privacygarantita.it è un team di professionisti esperti di PR digitali, Roma, Torino, Milano, Napoli, PalermoWeb Reputation,  Il loro la loro specializzazione è di lavorare con  pubblicazioni illegali e negative, migliorando la reputazione di aziende e individui. Gli specialisti del team di Privacygarantita.it  hanno più di 12 anni di esperienza di successo nella risoluzione di situazioni di crisi con i media e le piattaforme pubbliche in Italia, nei paesi della CSI, in Europa e in Asia. La http://www.privacygarantita.it è una delle prime agenzie italiane di WEB REPUTATION assumere il pieno controllo dei risultati di ricerca per azienda e persona: rimuovi risultati negativo, saturare i primi 20 risultati di ricerca con pubblicazioni e profili positivi, anche mantenendo con la massima discrezione. privacygarantita.it lavora: Russia, Europa e Stati Uniti, in particolare Italina, Francia, Montecarlo, Germania, Svezia, Albania, Spagna.

Specializzazioni dell’agenziarimozione delle informazioni pubblicate su quotidiani online

Una delle grandi specializzazioni della Privacygarantita.it  è di Risolvere tempestivamente i problemi di reputazione online un’azienda o persona fisica che sia con strumenti legali e avvalendoci esperti nel settore come Cristian Nardi , rimuovendo risultati negativo con l’ausilio di avvocati specializzati. Compresi gli attacchi online di concorrenti e malvagi.

rafforzamento del marchio su forum e siti-recensioni

Rafforzeremo il posizionamento del marchio sui siti di recensioni Google Maps, e molti altri, sui forum generali e specializzati. Le recensioni negative sull’azienda, sul suo prodotto o “dai volti dei dipendenti” verranno rimosse in base ai risultati di un dialogo con i moderatori del sito. Lo sfondo negativo sarà oscurato dalle recensioni degli utenti dagli account live.

eliminazione delle pubblicazioni negative dalla prima 10 rilasciata da  Google

Ridurremo le pubblicazioni negative nei risultati di ricerca per le query chiave, quando la loro rimozione è impossibile o richiede budget elevati. Di conseguenza, inserendo il nome dell’azienda nella ricerca, gli utenti vedranno solo informazioni positive. Il calo medio della valutazione delle pubblicazioni negative per un mese di lavoro è di 5-7 posizioni.

lavora con google e youtube tips

Rimuoveremo le recensioni negativi in ​​Google e YouTube che danneggiano la tua reputazione. Lavoriamo con i prompt sia nelle versioni PC che mobili dei motori di ricerca. I termini di lavoro in Google – 2 mesi.

posizionamento di pubblicazioni editoriali garantite in tutto il mondo

Rafforzeremo il campo dell’informazione dell’azienda e della persona attraverso pubblicazioni di immagini garantite nei media russi e stranieri, federali e di settore. Solo quello che vuoi saprà di te. Tra i medi partner ci sono oltre 34.000 editori in 157 paesi.

promozione di articoli sulla reputazione a top  google

Porteremo le tue pubblicazioni selezionate ai primi posti nei risultati di ricerca di Yandex e Google per le principali query commerciali e di informazioni. In media, occorrono 3 settimane affinché le pubblicazioni di basso punteggio raggiungano i primi 30 e 7 settimane per i primi 10. Geografia chiave del lavoro: Russia, paesi della CSI, Europa e Stati Uniti.

Creeremo profili per aziende e alti funzionari su piattaforme di business affidabili e russe, tra cui Bloomberg, Reuters e Wikipedia. Promuoveremo profili commerciali e di reputazione di personaggi pubblici sui social network e sui canali YouTube per le imprese.

cancellare notizie da google: SE VUOI RIMUOVERE UNA NOTIZIA DA GOOGLE ECCO A CHI RIVOLGERSI

Oggi per la rubrica dedicata al business abbiamo incontrato il reputation manager Cristian Nardi, fondatore della piattaforma web che si occupa del delicato compito di rimuovere contenuti indesiderati dal WEB. Un’attività che sta diventando indispensabile per molti individui e professionisti: stiamo parlando della web reputation o meglio comunemente chiamata gestione reputazione Online. Con questa intervista vogliamo mettere a fuoco alcuni aspetti fondamentali della gestione della reputazione lasciando spazio ad un esperto in materia di rimozione di contenuti lesivi dalla rete.

Vorrei iniziare nel rivolgere a Cristian questa prima domanda: cosa è privacy garantita?

C.N Ci tengo a specificare che Privacy Garantita è stata pensata per rispondere ad un aspetto fondamentale che i greci definivano con la parola “anánki” quello che oggi traduciamo con il termine “necessità”, ed è proprio sulla base di questa necessità che nasce questo servizio, che ci ha permesso di comprendere, tra le tante cose, la complessità e le difficoltà che tanti imprenditori ed altre categorie affrontano ogni qual volta entrano in contatto con i media online. D’altronde, il nostro slogan di http://www.privacygarantita.com è “la reputazione prima di tutto”.

Quanto è importate oggi la reputazione?

C.N. Determinate, basta immaginare che un datore di lavoro o un istituto di credito prima di prendere qualsiasi decisione su un possibile candidato o finanziamento da concedere tiene molto conto di ciò viene riportato in rete: le informazioni trovate nel web potrebbero influenzare positivamente o negativamente qualsiasi scelta.

Qual è l’errore più grande che si commette quando si tenta di autogestire la propria reputazione online?

C.N. La gestione della reputazione è una cosa molto seria, improvvisarsi in questo settore non è così semplice, ci sono dinamiche ed imprevisti che possono causare danni irreparabili, oltre al fatto che sarebbe molto difficile e dispendioso in termini di tempo per qualcuno che non ha familiarità con SEO (acronimo inglese di Search Engine Optimation ovvero tutte le attività volte a migliorare il posizionamento dei risultati sui motori di ricerca nel web) o meglio ancora con strumenti legali, ecco perché in molti casi la cura migliore è la prevenzione. Voglio ricordare che essere ben posizionati nelle prime pagine di Google è strategico poichè il 96% delle persone non guarda oltre la prima pagina dei risultati, quindi, gestire la prima pagina su Google è fondamentale.

Chi dovrebbe essere interessato a contattare la vostra società?

C.N. La gestione della reputazione Online per molti aspetti riguarda tutti: privati professionisti, aziende, medici, manager, personaggi dello spettacolo ecc, poiché tutti hanno il diritto di difendere l’onore e la propria reputazione, quindi la cura dell’immagine on line in un’era così tecnologica è fondamentale. Purtroppo, c’è da dire che in Italia la tendenza è quella di correre ai ripari solo quando il danno è già stato fatto, tutto sotto gli attenti occhi dei dipendenti, dei partner e dei potenziali clienti. Cioè in altri termini quando qualcuno digita il tuo nome su Google verificando i contenuti “sfavorevoli”, la prima cosa che scatta in automatico nella mente è di evitare qualsiasi rapporto professionale con la persona lesa. In effetti la nostra azienda è nata per fare fronte a questo tipo di situazioni ed emergenze dove ad avere la peggio è l’immagine. Cerchiamo di dare informazioni accurate e aggiornate condividendo la nostra esperienza nel settore del web reputation. Nel nostro nuovo sito potete trovare i servizi ed altri approfondimenti ovvero un’ opportunità per conoscere meglio il nostro modus operandi. Basta sfogliare le pagine nella sezione CHI SIAMO per sapere chi siamo e cosa facciamo.

In che modo un’azienda o un individuo può trarre vantaggio dai vostri servizi?

C.N. Vuoi diventare un leader in un qualsiasi settore? o essere tra le prime pagine di Amazon con la vendita di un prodotto? Esiste un modo e noi possiamo farlo, questa è la nostra ricetta. Come ho detto pocanzi viviamo in un’epoca dove la presenza online sta diventato rilevante, sempre più persone utilizzano i motori di ricerca per fare business online, per offrire suggerimenti al consumatore e per avere un’idea di un qualsiasi soggetto o società.

Quanto tempo occorre per riparare ad un danno d’immagine?

C.N Ogni caso è unico e dipende dalla gravità del danno, a tutti piacerebbe che le notizie negative potessero sparire in una notte ma non è così. La maggior parte delle reputazioni online può migliorare su una tempistica di 6-12 mesi.

Qual è il miglior consiglio che potresti dare a qualcuno che inizia a muovere i primi passi verso il web reputation?

C.N Non mi sento di dare un consiglio vero e proprio, ma è fondamentale far comprendere alle persone “nel vero senso della parola” che quando si tratta di reputazione online stiamo parlando di un mondo “virtuale” dove tutto è “potenzialmente” possibile: aziende come la nostra sono specializzate nel riparare i danni subiti a seguito di una lesione dell’immagine, sotto questo punto di vista ci sono molte aziende SEO o PR che affermano di fare “gestione della reputazione” come quelle che offrono la de-indicizzazione, ovvero rimuovere completamente i risultati nei motori di ricerca. Ma in realtà quando si entra nel vivo dell’operazione le cose sono diverse e soprattutto molto delicate, in special modo se bisogna gestire i rapporti con i quotidiani Online e con le notizie riportate dalla stampa.

Coronavirus L’Abruzzo verso il contagio ZERO – la prima regione con la reputazione più alta

Tornano a salire i contagi con l’incremento dei casi totali che è quasi raddoppiato, passando dai 451 di lunedì – il numero più basso dall’inizio del lockdown – agli 813 di martedì. Un dato su cui pesa sicuramente il maggior numero di tamponi effettuati rispetto al giorno precedente e che rappresenta comunque un monito, tanto che il ministro per le autonomie Francesco Boccia è tornato a ribadire che, in caso la curva riprendesse a salire, si dovrà necessariamente provvedere a nuove chiusure localizzate. Che saranno di esclusiva competenza dello Stato: la circolare del capo di gabinetto del Viminale Matteo Piantedosi ai prefetti chiarisce che non potranno essere i governatori a decidere se aprire o bloccare i ‘confini’: gli spostamenti potranno essere limitati solo con provvedimenti statali, adottati in relazione a “specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree”.

Il bollettino quotidiano della Protezione Civile dice che 16 giorni dopo l’avvio della Fase due i casi totali sono saliti a 226.699. Ma quel che conta è l’incremento, doppio rispetto a 24 ore prima. Un dato su cui pesano i numeri della Lombardia: su 813 casi, 462 sono nella Regione più colpita, che in un giorno fa segnare anche una risalita delle vittime – 54 nelle ultime 24 ore, mentre lunedì l’incremento era stato di 24 – e degli attualmente positivi: sono 27.291, 218 più di ieri mentre lunedì c’era stato un calo rispetto al giorno precedente di 357 malati. Che la Lombardia resti un problema lo conferma anche il rapporto tra contagiati e tamponi: se in tutta Italia è di circa 2 nuovi positivi ogni centro test fatti, a Milano e dintorni è ad oltre 4 su 100.

Nel resto d’Italia, invece, il trend continua complessivamente la discesa e, almeno per il momento, non si registrano particolari ripercussioni dopo l’allentamento delle misure deciso il 4 maggio: continuano a diminuire i malati in terapia intensiva (716, rispetto a domenica 33 in meno) in tutta Italia, con i posti occupati dai pazienti Covid che sono ben lontani dalla soglia critica del 30%, i guariti sono quasi 130mila e per la prima volta dal 15 marzo i ricoverati con sintomi tornano sotto i diecimila (9.991).

Tutte le regioni restano dunque al momento a rischio ‘basso’, mentre è ‘moderato’ in Lombardia, Molise e Umbria. I dati dei prossimi giorni, che terranno conto anche delle nuove riaperture, diranno se il trend rimarrà quello attuale o se è destinato a risalire. In questo caso, ha ripetuto ancora il governo, si dovranno necessariamente richiudere aree del paese. “Col coronavirus bisognerà convivere e se ci dovessero essere problemi in una singola regione, quest’ultima dovrà chiudere perché non possiamo fermare le altre” dice Boccia ricordando che il primo check – salvo dati particolarmente critici – ci sarà il 3 giugno. Ripartirà, afferma il ministro, la mobilità tra le regioni” ma per quelle “che hanno rischio medio o basso”.

Per chi, invece, avesse un “rischio alto, questo non sarà ritenuto opportuno”. Per quella data dovrebbe però finalmente essere pronta anche ‘Immuni’, la App per il contact tracing. E’ tornato a parlarne in commissione Giustizia al Senato il commissario Domenico Arcuri spiegando che l’applicazione è in fase di test e “verrà messa a sistema e fruibile per i cittadini a cavallo della fine di maggio”. Parole identiche a quelle pronunciate 15 giorni fa alla Camera, con una sola novità: sarà l’agenzia Saatchi & Saatchi ad occuparsi, a titolo gratuito, della campagna di comunicazione per convincere gli italiani a scaricare l’applicazione. Nuove chiusure, ben prima del 3 giugno, sono invece state ipotizzate sia dal presidente del Veneto Luca Zaia sia dal sindaco di Palermo Leonluca Orlando: le immagini della zone della movida e dei mercati affollati come in tempi normali non sono piaciute ad entrambi. Ma i dati del Viminale dicono che nel primo giorno di riaperture gli italiani si sono comportati bene, visto che su 127.601 persone controllate, solo 608 sono state sanzionate.

Rimuovere informazioni personali da Google: cancellare notizie da internet

cancellare notizie
cancellare notizie web
cancellare notizie su internet
cancellare notizie google
come cancellare notizie personali da google
cancellare notizie su google
come cancellare notizie da google
come cancellare notizie su internet
come cancellare notizie da internet
come cancellare le notizie da google
cancellare notizie personali su google
eliminare notizie google
eliminare notizie da google
rimuovere notizie da google
cancellazione notizie google
eliminare notizie pagina google
come togliere notizie da google
come cancellare notizie su google
come cancellare i dati personali da google
come eliminare notizie personali su google
come eliminare notizie di tendenza google
come eliminare notizie da google
come togliere le notizie da google
come cancellare su internet
come eliminare notizie da internet
come togliere notizie da internet

 

Chiedi gratuitamente il Calcola del costo della cancellazione di informazioni lesive, ti invieremo un preventivo entro due ore dal ricevimento della vostra mail:

oppure per rimuovere notizie dal web Call. 327.9105006 Cristian Nardi Sito: www.privacygarantita.it Mail: info@privacygarantita.it

 

Togliere una notizia da Google o eliminare il proprio passato è un compito arduo ma non impossibile. Per questo motivo abbiamo chiesto il parere ad un esperto in cancellazione di notizie negative dal web che ci illustra come muoversi.

Stiamo parlando di Cristian Nardi della società di WEB REPUTATION  – RTS  consulente per molti studi legali, opera in molte città d’Italia tra cui Roma, Napoli, Abruzzo.  Fondatore della piattaforma web privacygarantita.it si occupa del delicato compito di eliminare notizie non gradite da Google. Un’attività che sta diventando indispensabile per molti privati e professionisti che richiedono a norma di leggere di rimuovere il proprio nome dalla rete.

richiesta-cancellazione-da-google-222828

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? quindi la risposta equivale al danno.  Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in baca, o meglio ancora vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente interroga la rete, uno scenario molto inquietante sotto questo punto di vista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico.

recensioni-google - Copia

Cos’è fondamentale nel vostro lavoro?

Io credo la massima riservatezza e la garanzia del risultato. C’è da dire che noi privacygarantita.it partiamo sempre da una semplice chiacchierata con il cliente, gratuita e senza impegno, cercando insieme una soluzione al problema.

In pratica come si cancella una notizia informazione dalla rete?

Ci sono diverse soluzioni, ad esempio nel caso di divulgazione di foto, video, intime e senza consenso bisogna rivolgersi subito alla Polizia Postale  oppure ad una persona esperta in reputazione che sappia come muoversi nell’immediato. Ma purtroppo in alcuni casi parliamo di procedure lunghe dove a monte prevale una vera denuncia, anche se negli ultime tempi la giurisprudenza ha fatto grandi passi avanti e in alcuni casi eccezionali come la diffusione di un video hot tramite WhatsApp la rimozione è immediata. Nell’era digitale chiunque può pubblicata una notizia in rete senza essere rintracciato. A questo proposito Google ha messo online un modulo per la richiedere la rimozione dai link non desiderato, una soluzione che non sempre funziona.

 

Per concludere come bisogna comportarsi?

la rimozione dei link non è un lavoro del tutto semplice, bisogna conoscere tecniche di SEO e di posizionamento ed esperienze nel settore legale e di diritto altrimenti si rischia di fare danni.  La mole di difficoltà che si incontrano sono molte, come gli spessi imprevisti, anche lì dove esiste la possibilità di appellarsi al diritto all’oblio, noi consigliamo di contattaci per semplice consiglio l’abbiamo fatto molte volte, siamo consapevoli dell’imbarazzo che causa questo tipo di problema, ed avvolte un consiglio può migliorare la vita.

  • rimuovere informazioni personali da google
  • eliminare url da google
  • eliminare il proprio nome da google
  • rimozione immagini da google
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • come esercitare diritto all’oblio google
  • come togliere https da google
  • rimuovere ricerca google

cancellare una notizia da internet

  • eliminare il proprio nome da google
  • eliminare url da google
  • come esercitare diritto all’oblio google
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • rimozione articoli online
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • eliminare url da google search console

cancellare una notizia da google

  • eliminare url da google
  • come cancellare url da google chrome
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • cancellarsi da google
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • diritto oblio google
  • eliminare risultati personali google

web reputation

  • Web reputation personale
  • web reputation aziendale
  • web reputation pdf
  • web reputation tools
  • web reputation tesi
  • web reputation esempi
  • aumentareweb reputation
  • web reputation ragazzi

Visualizzazione di ciò che COVID-19 fa al tuo corpo

Visualizzazione di ciò che COVID-19 fa al tuo corpo

Visualizza la versione ad alta risoluzione di questa infografica facendo clic qui

Ormai, i ricercatori e gli esperti di salute hanno acquisito una migliore comprensione della gamma di sintomi causati da COVID-19, che includono febbre, tosse secca e, naturalmente, la pericolosa infiammazione del sistema respiratorio. Molti di noi sanno che COVID-19 può essere molto più grave di un’influenza tipica, ma meno noti sono i meccanismi alla base di come il virus provoca la polmonite nelle sue vittime.

L’illustrazione informativa di oggi, del designer scientifico e animatore Avesta Rastan , illustra in dettaglio gli effetti che COVID-19 ha sui nostri polmoni, da casi moderati a gravi.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la maggior parte delle persone che contraggono COVID-19 presenta solo lievi sintomi simil-influenzali. Occasionalmente, tuttavia, l’infezione può precipitare in un grave caso di polmonite che può essere letale, specialmente per le persone anziane e quelle con condizioni mediche di base.

Ecco cosa fa COVID-19 al tuo corpo.

Infezione

Il virus, ufficialmente chiamato SARS-CoV-2, entra nel corpo, generalmente attraverso la bocca o il naso. Da lì, il virus si fa strada nelle sacche d’aria all’interno dei polmoni, note come alveoli.

Una volta negli alveoli, il virus usa le sue peculiari proteine ​​a punta per “dirottare” le cellule. La programmazione genetica primaria di qualsiasi virus è fare copie di se stesso e COVID-19 non fa eccezione. Una volta che l’RNA del virus è entrato in una cellula, vengono fatte nuove copie e la cellula viene uccisa nel processo, rilasciando nuovi virus per infettare le cellule vicine dell’alveolo.

Questo processo può verificarsi inizialmente senza che una persona sia a conoscenza dell’infezione, che è uno dei motivi per cui COVID-19 è stato in grado di diffondersi in modo così efficace.

Risposta immunitaria

Il processo di dirottamento delle cellule per la riproduzione provoca infiammazione nei polmoni, che provoca una risposta immunitaria. Man mano che questo processo si svolge, il liquido inizia ad accumularsi negli alveoli, provocando una tosse secca e rendendo difficile la respirazione.

Per l’80-85% delle persone infette da COVID-19, questi sintomi seguiranno il loro corso come farebbero con un caso di influenza.

Sintomi gravi

Nel 15-20% dei casi, la risposta del sistema immunitario all’infiammazione nei polmoni può causare una cosiddetta “tempesta di citochine” . Questa risposta in fuga può causare più danni alle cellule del corpo che al virus che sta cercando di sconfiggere, e si ritiene che sia la ragione principale del perché le condizioni di individui giovani, altrimenti sani, possono deteriorarsi rapidamente.

Se abbastanza alveoli collassano, un paziente deve essere posizionato su un ventilatore per l’assistenza respiratoria. Sia la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) sia l’edema polmonare ad alta quota (HAPE) sono stati studiati come cause.

caso grave di covid-19

In questa fase, il tensioattivo che aiuta a prevenire il collasso degli alveoli è stato diluito e il fluido contenente detriti cellulari sta compromettendo il processo di scambio di gas che fornisce ossigeno al nostro flusso sanguigno.

Nei casi più gravi, la sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS) si verifica quando il fluido ricco di proteine ​​dai polmoni entra nel flusso sanguigno, causando shock settico e insufficienza multiorgano. Questa è spesso la causa della morte per le persone che hanno ceduto a un’infezione da COVID-19.

La migliore protezione

Per fortuna, COVID-19 non è una condanna a morte per la maggior parte delle persone che vengono infettate, ma i sintomi sopra descritti non sono piacevoli. Fino a quando non viene sviluppato un vaccino , la miglior difesa consiste nell’evitare del tutto l’infezione attraverso il lavaggio frequente e accurato delle mani e l’ allontanamento fisico come raccomandato dalle autorità sanitarie.

Il Coronavirus uccide la privacy? quale finalità dei dati personali, diritto all’oblio

Il pilastro di tutele costruito dal GDPR rischia di essere scalfito da decisioni che, utilizzando l’alibi della pandemia, si traducano in scelte di controllo dei cittadini. Ecco perché serve una normativa ad hoc che tracci un perimetro entro il quale il titolare del trattamento può trattare i dati degli utenti

emergenza legata alla pandemia in atto sta mettendo a dura prova il diritto alla protezione dei dati personali consacrato dal GDPR. Il pericolo è rappresentato dalla corsa dei governi – anche quello italiano – alla ricerca di soluzioni tecnologiche che consentano di raccogliere ed utilizzare i dati personali (es. dati di geo localizzazione, dati relativi alla salute) per monitorare anche i potenziali contagiati ed arginare la diffusione del virus. Per questo è prioritario prevedere che il titolare del trattamento garantisca, by design e by default, la protezione dei dati personali e la tutela dei diritti degli interessati, in particolare del diritto alla cancellazione dei dati personali (o diritto all’oblio).

Come affermato da Franco Pizzetti, il diritto dell’interessato è un’“architrave del sistema di protezione dei dati personali costruito dalla Direttiva sulle orme della Convenzione n. 108 e, poi, transitato in tutte le leggi nazionali di attuazione”.

Usando, poi, le parole del Presidente dell’Autorità Garante, Antonello Soro, il punto di forza del diritto alla protezione dei dati personali è indubbiamente il suo “carattere fortemente dinamico. Quale diritto all’autodeterminazione informativa, si esprime in poteri d’intervento nei confronti di chiunque gestisca i dati, comporta la possibilità di fissare modalità e condizioni del trattamento, avvalendosi di forme nuove di tutela, sempre più preventiva e in forma specifica”

Nello specifico, il GDPR ha puntellato la tutela dell’interessato rafforzando diritti già previsti dal nostro Codice Privacy e introducendone nuovi. Nello stesso tempo, all’art. 23 ha previsto che, in funzione di interessi generali, sia possibile limitarne l’esercizio da parte degli interessati, come già sancito dall’art. 52 Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dall’art. 15 della Direttiva E-Privacy.

Diritti degli interessati e possibili limitazioni

Il principio ispiratore del legislatore europeo emerge dal Considerando 7: “È opportuno che le persone fisiche abbiano il controllo dei dati personali che li riguardano e che la certezza giuridica e operativa sia rafforzata tanto per le persone fisiche quanto per gli operatori economici e le autorità pubbliche”. Sulla scorta di tale principio, il GDPR riconosce all’interessato, innanzitutto, il diritto di essere informato in modo trasparente sul trattamento (artt. 12, 13 e 14), il diritto di accedere al trattamento ed ai dati personali trattati (art. 15), nonché il diritto ad essere informato in caso di violazioni dei dati personali che presentino rischi elevati per i suoi diritti (art. 34).

Il potere di controllo dell’interessato è, poi, declinato dal Regolamento in due categorie di diritti: i diritti che hanno ad oggetto il trattamento e quelli che hanno ad oggetto i dati personali.

Nella prima categoria rientrano il diritto di prestare e revocare il consenso al trattamento (art. 7), il diritto di limitare il trattamento (art. 18) e il diritto di opporsi al trattamento (art. 21).

Nella seconda, invece, il potere di controllo dell’interessato si estrinseca nel diritto di ricevere e spostare insiemi strutturati di dati personali (art. 20), nel diritto di rettificare e integrare i dati personali (art. 16) e nel diritto di ottenere la cancellazione dei propri dati personali (art. 17).

Infine, il GDPR consente all’interessato di non essere sottoposto a decisioni basate su trattamenti automatizzati dai quali derivino decisioni arbitrarie che incidono sulla sua sfera giuridica o sulla sua persona (art. 22).

Ebbene, questo pilastro di tutele costruito dal GDPR rischia di essere scalfito, se non addirittura demolito, da decisioni che, utilizzando l’alibi dell’emergenza, si traducano in scelte di controllo globale dei cittadini e, quindi, in derive anti-democratiche.

È vero, da un lato, che il GDPR consente all’art. 23 di introdurre, con una norma di legge, una limitazione ai diritti degli interessati, “qualora tale limitazione rispetti l’essenza dei diritti e delle libertà fondamentali e sia una misura necessaria e proporzionata in una società democratica” per salvaguardare, in particolare, la sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica ed altri importanti obiettivi di interesse pubblico generale.

Ma è anche vero che i valori democratici della nostra società, opportunamente richiamati dall’art. 23, rischiano di essere irrimediabilmente compromessi dall’introduzione di soluzioni tecnologiche irrispettose dei diritti fondamentali delle persone fisiche. È seriamente in pericolo, come vedremo, uno dei cardini del GDPR, ossia il diritto dell’interessato di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei propri dati personali (o diritto all’oblio).

I rischi per il diritto all’oblio

La disciplina del diritto alla cancellazione dei dati personali riflette il carattere dinamico ed elastico del GDPR, prevedendo in modo analogo il bilanciamento tra due opposti interessi: quello dell’interessato alla cancellazione e quello del titolare del trattamento all’utilizzo di quei dati.

Nello specifico, l’art. 17, paragrafo 1, del GDPR specifica che, se l’interessato chiede la cancellazione dei propri dati personali, il titolare del trattamento è obbligato alla cancellazione degli stessi, senza ingiustificato ritardo, in presenza di determinate condizioni:

  • il raggiungimento delle finalità per le quali o dati personali sono stati raccolti o altrimenti trattati (nel rispetto del fondamentale principio di cui all’art. 5, par. 1, lett. e) del GDPR secondo cui la conservazione dei dati personali deve essere limitata ad un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati);
  • la revoca del consenso e l’insussistenza di altra base giuridica per il trattamento (in applicazione dei principi di cui agli artt. 6 e 7 del GDPR secondo cui il consenso è sempre revocabile dall’interessato ed il titolare non può proseguire il trattamento se non ha – preventivamente – individuato un’altra base giuridica);
  • l’opposizione al trattamento per l’esecuzione di un interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento, o per un legittimo interesse dello stesso, e l’insussistenza di alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento; oppure l’opposizione al trattamento per finalità di marketing;
  • il trattamento illecito di dati personali;
  • l’adempimento di un obbligo giuridico;
  • la raccolta di dati personali dei minori relativamente all’offerta di servizi della società dell’informazione.

Il diritto alla cancellazione non è però incondizionatamente esercitabile dall’interessato. Infatti, il paragrafo 2 dell’art. 17 prevede che il titolare del trattamento può rifiutare la richiesta di cancellazione se il trattamento è necessario per l’esercizio del diritto alla libertà di espressione e di informazione, per l’adempimento di un obbligo giuridico previsto dal diritto dell’Unione o degli Stati membri, per motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica, a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici, oppure per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria.

Blindare i diritti per il post-emergenza

Diritto all’oblio: l’importanza storico-sociale dell’archivio hai fini di de- indicizzare

cancella-una-notizia-da-google-2048x456In determinati casi il riconoscimento del diritto all’oblio in merito alla pubblicazione di un articolo giornalistico comporta la necessità di trovare un punto di equilibrio tra gli interessi contrapposti (quelli del titolare del sito di un archivio giornalistico e quelli del titolare del dato, non più accessibile dai comuni motori di ricerca) e dovendo considerare la permanenza dell’interesse alla conservazione del dato in ragione della rilevanza storico-sociale delle notizie di stampa, la semplice deindicizzazione dell’articolo (ed il conseguente aggiornamento dei dati) può essere ritenuta una soluzione soddisfacente.

La Corte di Cassazione, prima sez. civile, con l’ordinanza n. 7559/2020 (testo in calce) in esame ritorna sulla tematica di grande interesse del riconoscimento del diritto all’oblio con particolare riferimento al giusto contemperamento tra liceità dell’archiviazione on line di articoli giornalistici per finalità storiche con l’esigenza di garantire che i fatti narrati siano contestualizzati rispetto ai successivi sviluppi delle corrispondenti vicende.

Nel caso di specie, in particolare, il ricorrente non è soddisfatto della decisione del giudice di primo grado che ha imposto la sola deindicizzazione di un articolo relativo ad un proprio congiunto ritenuto lesivo dell’immagine e fuorviante, ma pretende la cancellazione di quell’articolo dall’archivio storico del giornale.

La Suprema Corte, dopo un’attenta ed approfondita disamina della giurisprudenza in materia, respinge il ricorso e si dichiara assolutamente in linea con le argomentazioni del tribunale territoriale che esclude la violazione del diritto all’oblio sulla base di tutta una serie di argomentazioni che comportano nello specifico un bilanciamento tra i diritti del singolo e quelli della collettività.

In particolare il tribunale di Milano ritiene che una soluzione di ragionevole compromesso può essere proprio quella adottata con i provvedimenti che impongono la deindicizzazione degli articoli sui motori di ricerca generali, la cui conseguenza immediata è che l’articolo e la notizia controversa sono resi disponibili solo dall’attivazione dello specifico motore di ricerca all’interno del quotidiano. Tale semplice limitazione consente all’interessato di vedere estromesso dal dato che lo riguarda azioni di ricerca mosse da ragioni casuali o, peggio, futili. Tanto trova applicazione nell’ipotesi in cui il dato personale di cui si discute mantenga un apprezzabile interesse pubblico alla sua conoscenza, da valutarsi e da ritenersi sussistente in funzione non solo della perdurante attualità del dato di cronaca, ma anche in presenza del solo assolvimento del valore documentaristico conservativo proprio dell’archivio, sia pure integrato dagli aggiornamenti prescritti dalle Autorità intervenute in tema.

E’ fondamentale operare un bilanciamento degli interessi contrapposti – diritto al controllo del dato, diritto all’oblio del titolare dei dati personali e diritto dei cittadini ad essere informati – laddove, nel caso di specie, prevale, ex art. 21 Cost., il diritto della collettività ad essere informata con il conseguente diritto dei mezzi di comunicazione di informare in tutti ì casi in cui il dato sia trattato correttamente e permanga nel tempo l’interesse alla sua conoscenza secondo i profili indicati.

Secondo la Corte non è corretto individuare il sorgere del diritto all’oblio quale conseguenza automatica del trapasso del soggetto interessato. Allo stesso modo il mero trascorrere del tempo non comporta, ex se, il venir meno dell’interesse alla conoscenza del dato di cronaca, criterio che, se opzionato comporterebbe la non pertinenza di scopo di ogni archivio di stampa, cartaceo o informatico che sia.

L’interprete deve valutare se la compressione del diritto alla reputazione dell’interessato (definita da Cass. n. 5525 del 2012 “immagine sociale”) derivante dal perdurare del trattamento dei dati giornalistici/d’archivio comporti, in una concreta fattispecie, un sacrificio non giustificato dal corrispondente interesse alla conoscenza del dato da parte della collettività.

In altri termini, sussiste ex art. 21 Cost., un generale diritto alla conoscenza di tutto quanto in origine lecitamente veicolato al pubblico, con conseguente liceità del fine del trattamento dei dati personali contenuti in archivio; tale diritto incontra un limite, in applicazione dell’art. 11 del d.lgs. n. 196 del 2003 (l’ordinanza per ragioni di carattere temporale fa ancora riferimento alla normativa precedente) nelle fattispecie in cui la permanenza del dato nell’archivio informatico, per la sua potenziale accessibilità, non paragonabile a quella di una emeroteca, comporti un tale vulnus alla riservatezza dell’interessato da minarne in misura apprezzabile l’esplicazione dei diritti fondamentali della persona in ambito relazionale.

La Suprema Corte con riferimento al caso di specie ritiene che giustamente il tribunale milanese alla stregua dei suddetti principi, ha sottolineato che, nel caso in esame, emerge in tutta evidenza che il dato personale, derivante da attività di cronaca giudiziaria legittimamente esercitata, aveva ad oggetto l’attività imprenditoriale del defunto, azionista di riferimento di società industriali di rilievo nazionale e, in particolare, di condotte ritenute di potenziale rilievo penale, commesse al fine di mantenere/acquisire il controllo del gruppo societario. Di conseguenza nel bilanciamento dei contrapposti interessi sussiste e permane l’interesse della collettività, ed in particolare del mondo economico, di “fare memoria” di vicende rilevanti per un soggetto che si presenta come primario centro di imputazione di interessi economici considerevoli per la collettività.

In definitiva, quindi, l’avere la società editrice provveduto alla deindicizzazione ed allo spontaneo aggiornamento dell’articolo in questione è stato ritenuto dal giudice a quo come soluzione idonea a bilanciare i contrapposti interessi in gioco, conservandosi il dato pubblicato, ma rendendolo accessibile non più tramite gli usuali motori bensì, esclusivamente, dall’archivio storico del giornale ed al contempo garantendo la totale sovrapponibilità, altrimenti irrimediabilmente compromessa, fra l’archivio cartaceo e quello informatico del medesimo quotidiano, nonché il diritto della collettività a poter ricostruire le vicende che avevano riguardato il controllo dell’impresa.

Secondo la Suprema Corte le argomentazioni del tribunale territoriale sono del tutto aderenti al dettato legislativo oltre che agli orientamenti giurisprudenziali in materia (v. Cass. n. 5525/2012; Cass. n. 13161/2016) posto che ha correlato la permanenza nell’archivio storico del giornale alle particolari esigenze di carattere storico/sociale insite nelle notizie oggetto di causa.

La Corte di Cassazione ricorda, peraltro, che la protezione normativa dell’archivio giornalistico sta cominciando a formare oggetto di attenta considerazione da parte del legislatore: basti pensare a quanto sancito nel Regolamento UE n. 2016/679 in cui sono state inserite norme (art. 9, par. 2, lett. j) finalizzate alla tutela delle attività di archiviazione nel pubblico interesse di ricerca scientifica o storica o a fini statistici.

Il diritto all’oblio subisce delle limitazioni art. 17, par. 3, lett. d) nelle ipotesi in cui il trattamento dei dati sia necessario “a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici conformemente all’art. 89, paragrafo 1, nella misura in cui il diritto di cui al paragrafo 1 rischi di rendere impossibile o di pregiudicare gravemente il conseguimento degli obiettivi di tale trattamento”. L’art. 89, infine, al paragrafo 1, prende in considerazione garanzie adeguate per i diritti e le libertà dell’interessato mediante l’adozione di misure tecniche ed organizzative che possano garantire il rispetto del principio della minimizzazione dei dati. Una parte del Regolamento (il titolo VII) è poi dedicata appositamente al trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici con la finalità di garantire la conservazione di quei dati che siano decisivi per la “memoria” della società.

La Suprema Corte conclude che nella fattispecie in esame la necessità di trovare un punto di equilibrio tra gli interessi contrapposti (quelli del titolare del sito dell’archivio e quelli del titolare del dato, non più accessibile dai comuni motori di ricerca) è stata ritenuta adeguatamente soddisfatta dalla deindicizzazione, unita allo spontaneo aggiornamento dei dati da parte del titolare del sito, considerata dal tribunale milanese come misura di protezione del singolo ponderata ed efficace, mentre l’intervento di rimozione sull’archivio storico informatico si sarebbe rilevata eccessiva e penalizzante così da danneggiare il punto di equilibrio degli interessi predetti. Di conseguenza, secondo la Cassazione, il giudice di merito nel considerare la permanenza dell’interesse alla conservazione del dato in ragione della rilevanza storico-sociale delle notizie di stampa, non ha violato le norme di legge anche in ragione delle cautele concretamente adottate e volte alla deindicizzazione della notizia dai siti generalisti.

CASSAZIONE CIVILE, ORDINANZA N. 7559/2020 >> SCARICA IL TESTO IN PDF

La reputazione delle aziende cresce durante il coronavirus grazie a velocità di reazione

Quanto e come l’emergenza sanitaria in corso ha impattato la reputazione delle aziende? Un interrogativo di grande attualità a cui prova a rispondere la recente indagine redatta da Reputation Institute – leader mondiale nella misurazione e gestione a della reputazione aziendale – partendo dall’impatto che l’emergenza sanitaria ha avuto sui comportamenti delle aziende e sulla loro reputazione, secondo i cittadini italiani.

«L’analisi conferma una leadership riconosciuta, dalla maggioranza degli Italiani, alle aziende che si sono mosse meglio delle Istituzioni nella gestione di questa crisi senza precedenti», afferma Alessandro Detto, Senior Vice President Reputation Institute Italy and Switzerland. «Molte imprese si sono dimostrate determinanti nella definizione delle politiche per mettere in sicurezza le persone (dipendenti e clienti in primis), oltre a supportare la gestione dell’emergenza sanitaria con donazioni e mettendo a disposizione della collettività le proprie competenze. Un ruolo che ha rinforzato la reputazione delle aziende e che deve favorire, fin da ora, la convergenza fra le progettualità proposte dal privato e le finalità delle Istituzioni pubbliche, con l’obiettivo comune di far ripartire l’economia nazionale».

24,90€/mese con Disney+ incluso per 3mesi SOLO FINO AL 03/04Attiva ora

L’analisi di Reputation Institute rivela come, per la reputazione di una azienda, nel primo trimestre 2020 sia diventata prioritaria l’attenzione al workplace, al benessere dei dipendenti, che nel periodo gennaio-marzo cresce del 2,5%, mentre la dimensione legata ai prodotti scende del 4%.

Le aziende hanno risposto bene alle aspettative che si sono generate in un momento crisi. la vicinanza e la responsabilità che hanno dimostrato con i fatti nei confronti dei dipendenti e della società è ampiamente apprezzata: le dimensioni Citizenship (Cittadinanza), Governance (Trasparenza) e Workplace (Benessere dei propri dipendenti) sono aumentate rispettivamente di 1,9, 2,7 e 3 punti.

Dalla ricerca la reputazione delle aziende è guidata per il 45% dal suo impatto sociale, quindi, in particolar modo in questa circostanza, le aziende sono chiamate a rispondere attraverso delle iniziative che abbiano un valore sociale. Questo è un altro indice in crescita (+2,5 punti) riguarda le attività di CSR che moltissime aziende hanno attivato, insieme a erogazioni di ingenti somme per l’acquisto di materiali, dispositivi di protezione individuale o strumentazioni indispensabili per i presidi medici.

In particolare, vengono premiate le imprese che hanno attivato prontamente misure di protezione e supporto alla comunità e i loro dipendenti, come ad esempio la capacità di garantire la continuità lavorativa attraverso lo smart working.

Quest’ultimo aspetto ha avuto un forte impatto sulla Reputazione delle aziende +3,8 punti che si traduce in comportamenti positivi che crescono: +7,9% nel parlare positivamente dell’azienda, +8,1% nel dare il beneficio del dubbio che l’azienda prenda la scelta giusta in questa fase e successivamente.

Google Come esercitare diritto all’oblio per cancellare una notizia da google

Togliere una notizia da Google o eliminare il proprio passato è un compito arduo ma non impossibile. Per questo motivo abbiamo chiesto il parere ad un esperto in cancellazione di notizie negative dal web che ci illustra come muoversi.

Stiamo parlando di Cristian Nardi della società di WEB REPUTATION  – RTS  consulente per molti studi legali, opera in molte città d’Italia tra cui Roma, Napoli, BariFondatore della piattaforma web privacygarantita.it si occupa del delicato compito di eliminare notizie non gradite da Google. Un’attività che sta diventando indispensabile per molti privati e professionisti che richiedono a norma di leggere di rimuovere il proprio nome dalla rete.

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? quindi la risposta equivale al danno.  Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in baca, o meglio ancora vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente interroga la rete, uno scenario molto inquietante sotto questo punto di vista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico.

Cos’è fondamentale nel vostro lavoro?

Io credo la massima riservatezza e la garanzia del risultato. C’è da dire che noi privacygarantita.it partiamo sempre da una semplice chiacchierata con il cliente, gratuita e senza impegno, cercando insieme una soluzione al problema.

In pratica come si cancella una notizia informazione dalla rete?

Ci sono diverse soluzioni, ad esempio nel caso di divulgazione di foto, video, intime e senza consenso bisogna rivolgersi subito alla Polizia Postale  oppure ad una persona esperta in reputazione che sappia come muoversi nell’immediato. Ma purtroppo in alcuni casi parliamo di procedure lunghe dove a monte prevale una vera denuncia, anche se negli ultime tempi la giurisprudenza ha fatto grandi passi avanti e in alcuni casi eccezionali come la diffusione di un video hot tramite WhatsApp la rimozione è immediata. Nell’era digitale chiunque può pubblicata una notizia in rete senza essere rintracciato. A questo proposito Google ha messo online un modulo per la richiedere la rimozione dai link non desiderato, una soluzione che non sempre funziona.

Per concludere come bisogna comportarsi?

la rimozione dei link non è un lavoro del tutto semplice, bisogna conoscere tecniche di SEO e di posizionamento ed esperienze nel settore legale e di diritto altrimenti si rischia di fare danni.  La mole di difficoltà che si incontrano sono molte, come gli spessi imprevisti, anche lì dove esiste la possibilità di appellarsi al diritto all’oblio, noi consigliamo di contattaci per semplice consiglio l’abbiamo fatto molte volte, siamo consapevoli dell’imbarazzo che causa questo tipo di problema, ed avvolte un consiglio può migliorare la vita.

 

  • rimuovere informazioni personali da internet
  • eliminare url da internet
  • eliminare il proprio nome da internet
  • rimozione immagini da internet
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • come esercitare diritto all’oblio internet  
  • come togliere https da internet
  • rimuovere ricerca internet  

cancellare una notizia da internet

  • eliminare il proprio nome da internet
  • eliminare url da google
  • come esercitare diritto all’oblio google
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • rimozione articoli online
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • eliminare url da google search console

cancellare una notizia da google

  • eliminare url da google
  • come cancellare url da google chrome
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • cancellarsi da google
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • diritto oblio google
  • eliminare risultati personali google

web reputation

Autore  BY  Cristian Nardi

Privacy e immagine dei minori in Internet

Privacy come diritto all’autodeterminazione informativa. 
Trattamento e diffusione dei dati e dell’immagine del minore.  Riservatezza
e profilazione degli utenti in Internet. Bilanciamento costituzionale
tra diritto all’immagine e diritto di cronaca. Rischi e responsabilità
per la diffusione dell’immagine e dei dati personali in Internet

Privacy come diritto all’autodeterminazione informativa.
Diritto all’immagine, alla riservatezza, all’onore e alla reputazione
costituiscono aspetti dell’unitaria tutela del diritto fondamentale della
persona che l’Art. 2 della Costituzione definisce inviolabile e indisponibile
2, e di cui sono presidio i doveri fondamentali di solidarietà e l’impe-

Professore aggregato di Diritto dell’Informazione e Informatica Giuridica
nell’Università degli Studi di Perugia.
Cfr. D. Grimm, Autonomia e libertà – Riflessioni sulla tutela dei diritti fondamentali
e la «commercializzazione», in Nomos, 2001, p. 14, spiega che il pericolo incombente nel
periodo storico in cui nacquero i diritti della persona era costituito dalla politica, che conformava
tutta la società. Oggi la forza conformante di tanti sistemi sub sociali ed in particolare
dell’economia, impone un ripensamento dei diritti fondamentali «consolidando la
loro funzione di tutela dalla commercializzazione; i diritti fondamentali dovrebbero cioè
essere ripensati in un’ottica spiccatamente istituzionale, in quanto strumenti di garanzia
dell’autonomia dei sub sistemi sociali (come lo sport, la cultura, l’istruzione, la comunicazione)
rispetto alle logiche pervasive dell’economia, pena la riduzione della loro capacità
di prestazione ed il conseguente impoverimento del patrimonio sociale». Sulla riservatezza
cfr. A. De Cupis, Le persone celebri e il diritto alla riservatezza, in Foro it., 1953,
I, p. 1341; Id., Persone ed avvenimenti di pubblico interesse in rapporto alla pubblicazione dell’immagine, in Foro pad., 1954, I, p. 924; Id., Riconoscimento sostanziale, non verbale, del diritto alla riservatezza, in Foro it., 1963, I, p. 1299; G. Pugliese, Una messa a punto della Cassazione sul preteso diritto alla riservatezza, in Giur. it., 1957, I, 1, p. 367; Id., Il diritto alla “riservatezza” nel quadro dei diritti della personalità, in Riv. dir. civ., 1963, I, 605; A. Cataudella, La tutela della vita privata, Milano, 1972; Id., voce “Riservatezza (diritto alla)”, in Enc. giur. Treccani, XXVII,1991; T. Auletta, Il diritto alla riservatezza e “droit à l’oubli”, in Alpa, Bessone, Boneschi, Caiazza (cur.) L’informazione e i diritgno della Repubblica alla rimozione di quanto ne ostacoli il pieno sviluppo, ai sensi dell’Art. 3, comma 2, Cost.
Il riferimento alla tutela della dignità dell’uomo può sintetizzare il
contenuto del variegato panorama di strumenti approntati dagli ordinamenti,
a presidio di un valore che ad essi preesiste, e rispetto al quale
è stato significativamente scritto che la dignità rileva non come droit de
l’homme, ma come droit de l’humanité 3; è rimesso al giudice il compito
di verificare il contenuto del concetto di «dignità», e di sindacare in tali
termini la corrispondenza dell’atto di autonomia del singolo al parametro
così individuato. Si tratta di valori che costituiscono «permanenze» 4 nei diversi ordinamenti statali e nelle Carte internazionali 5, il cui ambito di rilevanza è

ti della persona, Napoli, 1983, p. 127; V. Zeno Zencovich, Una svolta giurisprudenziale
nella tutela della riservatezza, in Dir. informazione informatica, 1986, 932; M. Bessone,
G. Giacobbe (cur.), Il diritto alla riservatezza in Italia e in Francia, Padova, 1988; M.
Dogliotti, S. Boccaccio, Il diritto alla riservatezza negli orientamenti della giurisprudenza,
in Nuova giur. civ. comm., 1989, II, p. 351; G. Giacobbe, voce “Riservatezza (diritto
alla)”, in Enc. dir., XL, Milano, 1989, p. 1243; G. Ferri, Diritto all’informazione e diritto
all’oblio, in Riv. dir. civ., 1990, I, 801; A. Orestano, La tutela della riservatezza negli ordinamenti della giurisprudenza, in Riv. crit. dir. priv., 1991, 443; G. Finocchiaro, Una
prima lettura della legge 31 dicembre 1996, n. 675, “Tutela delle persone e di altri soggetti
rispetto al trattamento dei dati personali, in Contratto e impresa, 1997, 229 ss.; C. Cossu,
Dal caso Soraya alla nuova legge sulla tutela della riservatezza, in Contr. e impr., 1998,
pp. 49 e ss.; V. Franceschelli, La tutela della privacy informatica, problemi e prospettive,
Milano, 1998; C. M. Bianca, Tutela della privacy. Note introduttive, in Nuove leggi civ.
comm., 1999, p. 2; A. Bevere, A. Cerri, Il diritto di informazione e i diritti della persona.
Il conflitto della libertà di pensiero con l’onore, la riservatezza, l’identità personale, Milano, 2006; G. Ballarani, Profili giuridici dell’informazione, cronaca, critica e satira, in Giust. civ., 2007, II, pp. 409 e ss.; R. Acciai (cur.), Il diritto alla protezione dei dati personali. La disciplina sulla privacy alla luce del nuovo Codice, Rimini, 2004.
3 Cfr. B. Jorion, La dignité de la personne humaine, cit., p. 214. 4 Cfr. A. Sassi, Equità e interessi fondamentali nel diritto privato, Perugia, 2006, p. 93 ss., il quale sottolinea (p. 94) il rilievo preminente dei diritti fondamentali della persona, e la delicatezza imposta all’intervento giudiziale ed interpretativo sulla materia, che «si esplica attraverso un procedimento sostanzialmente equitativo, in cui la funzione delle c.dd. “permanenze”, principi e clausole generali (quali il diritto alla vita, alla salute, alle libertà
fondamentali o le clausole generali di buona fede oggettiva e di ingiustizia del danno)
assume carattere peculiare, di tutela degli interessi fondamentali in gioco». V. anche
A. Palazzo, Permanenze del diritto civile, in Diritto e processo, 2010, pp. 479 e ss.
5 Con riferimento alla riservatezza del minore cfr. l’art. 16 della Convenzione di
New York, del 1989, sui diritti del fanciullo, ratificata dallo Stato italiano con l. n. 176

ampliati i termini coi quali venne originariamente disegnata la privacy 9,
come «diritto di godere la vita, di essere lasciati soli», esigenza di libertà
personale che si oppone alle intrusioni non autorizzate, alla curiosità e
alla critica della propria vita privata. Lo sviluppo delle tecnologie informatiche
e telematiche ha reso rilevante ogni dato riferibile ad una persona,
perché utilizzabile a fini di parametrazione commerciale, politica e in
genere informativa, tanto che ciascuno rischia di perdere il controllo delle
informazioni su di sé, e soprattutto dell’uso che altri ne possono fare,
accumulandole, trattandole e trasmettendole.
Discutere di privacy come diritto all’autodeterminazione, che si
specifica nell’accesso, rettificazione, aggiornamento, cancellazione, e divieto
di trasmissione o diffusione di questi dati, se non in forza del consenso
del titolare, significa far emergere un nuovo «soggetto sociale», che
governa il suo «corpo elettronico», le proprie informazioni 10.
Recentemente 11 la stessa Corte Costituzionale ha ritenuto illegittima
la legge del Land Renania Settentrionale – Westfalia che consentiva
accessi occulti ai sistemi informatici degli utenti per monitorarne i contenuti,
attraverso le cosiddette «perquisizioni on line», e di raccogliere dati
sulla navigazione in rete. La pronuncia si segnala per l’emersione di un
nuovo diritto, quello alla riservatezza e integrità dei sistemi telematici,
necessario a tutelare il cittadino da accessi non autorizzati al proprio sistema
informatico, non solo con riguardo a dati riferibili alla propria persona
ma anche rispetto a file o altri elementi non aventi alcun rapporto
con l’attività comunicativa.
9 Cfr. S. D. Warren, L. D. Brandeis, Right to privacy, in Harvard Law Review,
1890, pp. 193 e ss.: «ognuno ha diritto di essere lasciato in pace, di proteggere quella che
è la sfera più intima, così come ha diritto di proteggere e difendere all’altrui invasione la
sua proprietà privata».
10 Cfr. S. Rodotà, La vita e le regole, Tra diritto e non diritto, Milano, 2009, p. 85.
L’A. sottolinea anche i rischi di falsificazione che possono interessare i chip elettronici in
cui sono immagazzinati dati personali relativi all’identità, alla salute o alla situazione finanziaria,
di cui si propone l’inserimento sottopelle, e si sperimenta l’uso anche su bambini,
in forma di ciondolo da portare al collo. Ciò aumenterebbe la vulnerabilità individuale
e sociale, oltre e reificare la persona, controllata a distanza da un «guinzaglio elettronico».
11 Bundesverfassungsgericht, 27 febbraio 2008, 1 BvR 370/07, 1 BvR 595/07, di
cui è possibile leggere il testo, per esteso, all’indirizzo Internet http://www.bundesverfassungsgericht.
de/entscheidungen/rs20080227_1bvr037007.html (sito web visitato il 12
settembre 2012)
237
Privacy e immagine dei minori in Internet
L’accesso non consentito dal titolare è pertanto solo eccezionalmente
ammissibile, se disciplinato con legge, per la repressione o l’accertamento
dei reati, cui è finalizzata l’intercettazione. Il legislatore ordinario
è tenuto a ispirarsi al criterio di proporzione tra lesione di tale diritto fondamentale
ed esistenza di rischi concreti per un bene di rango primario,
quale la vita, l’incolumità fisica, la libertà personale, la sussistenza dello
Stato, ferma la necessità di motivato provvedimento autorizzatorio giudiziale.
Inoltre, devono essere previste misure idonee ad evitare, sia durante
la fase di acquisizione delle informazioni sia durante la successiva
valutazione, la raccolta o l’utilizzo di dati relativi alla sfera più intima e
privata delle persone.
Il principio di cautela impone che, ove risulti tecnicamente impossibile
filtrare i dati irrilevanti, debbano essere previste idonee cautele nella
fase di valutazione, fino all’immediata cancellazione dei dati in oggetto.
L’autodeterminazione, che si esprime nel consenso, è il discrimine
tra attività lecite e lesive della persona 12, e presuppone la corretta informativa
su origine dei dati e modalità del loro trattamento, fermo il principio
di precauzione.
Ed è interessante notare come l’autodeterminazione cosciente e informata
assimila la disciplina del consenso al trattamento dei dati personali
e quella del consenso al trattamento medico sanitario proposto sulla
propria persona: in entrambe si assiste all’attrazione della capacità decisionale
all’essenza stessa della persona umana, significativamente fondata
sulla dignità e sulla libertà; in entrambe il consenso non è valido se
non libero, meditato e fondato su un’adeguata, completa, informazione;
in entrambe il consenso prestato per il passato non vincola per il futuro,
ed è sempre revocabile.
2. Trattamento e diffusione dei dati e dell’immagine del minore.
In particolare, il consenso al trattamento dei dati, alla loro diffusione
e comunicazione e allo sfruttamento anche economico ed alla diffusione
dell’immagine del minore costituisce esercizio della potestà geni-
12 Sia consentito il rinvio, per più ampi riferimenti anche bibliografici, a S. Stefanelli,
Autodeterminazione e disposizioni sul corpo, Perugia, 2011, passim.
238
Stefania Stefanelli
toriale, ispirato alla tutela degli interessi del beneficiario; per tale ragione
meritano apprezzamento le posizioni che argomentano dall’art. 108,
l. n. 633/1941 la capacità del minore sedicenne ad esprimere validamente
tale consenso 13, dovendosi ricondurre al generale criterio di apprezzamento
della capacità di discernimento la capacità di assumere tale decisione
anche in età più giovane, alla pari di quanto si è scritto a proposito
dell’autodeterminazione nell’esercizio dei diritti fondamentali, ed a
quello dell’ascolto del minore che impronta la responsabilità genitoriale
nell’età del paidocentrismo.
In una materia così delicata, perché attiene all’espressione della persona
nelle comunicazioni che ne realizzano la partecipazione sociale, non
si può prescindere dall’attribuire valore alla volontà del soggetto interessato,
titolare dei diritti assoluti che vengono in considerazione, anche se
questi non abbia capacità di agire: in merito al minore di età, ad esempio,
la dottrina ha dimostrato l’esistenza nel sistema attuale di un diritto all’ascolto,
dovendo essere consultato, talora con effetti vincolanti, in questioni
di particolare rilevanza concernenti essenzialmente la sua persona
e le situazioni familiari che possono riguardarlo 14, e, del resto, in questa
direzione sembrano muoversi, in deroga al disposto dell’art. 2 c.c., non
solo i provvedimenti legislativi interni, ma anche le fonti internazionali
degli ultimi decenni, che mostrano sempre maggiore considerazione per
il minore, preoccupandosi essenzialmente che il soggetto abbia la maturità
adeguata alle decisioni chiamato a prendere 15.
L’esercizio dei diritti e delle libertà fondamentali, anche in applicazione
del fondamentale principio di eguaglianza sostanziale tra i soggetti
di diritto (art. 2 Cost.), è poi tradizionalmente ricondotto nell’alveo del-
13 Cfr. A. Scalisi, Famiglia e diritti del minore, in Famiglia, persone, successioni,
2006, 815 ss.
14 Cfr. le fondamentali pagine di A. Palazzo, La filiazione, cit., p. 544 ss., ed ivi
riferimenti anche ad altre realtà, quali quella francese (l. 2002-305, 4 aprile 2002), inglese
(Children Act, 1991; Family Act, 1996) e tedesca (§ 1626 BGB).
15 Del resto, la formulazione delle norme relative alla capacità delle persone fisiche
contenute nel codice civile attuale risentono di un approccio patrimonialistico della questione:
v. almeno P. D’Addino Serravalle, Questioni biotecnologiche e soluzioni normative,
Napoli, 2003, p. 22 ss.; E. Salvaterra, Capacità e competence, in P. Zatti, E. Palermo,
L. Lenti, I diritti in medicina, in Trattato di biodiritto a cura di S. Rodotà e P.
Zatti, cit., pp. 341 e ss.
239
Privacy e immagine dei minori in Internet
la capacità di intendere e di volere, ritenendosi irrilevante la capacità di
agire dell’interessato 16.
Il principio, del resto, è alla base della formulazione degli artt. 12 e
13, l. 22 maggio 1978, n. 194 (Norme per la tutela sociale della maternità
e sull’interruzione volontaria della gravidanza), che mostrano la rilevanza
della volontà della donna minorenne o interdetta in una materia così delicata
e importante: nella fattispecie, l’intervento del giudice è volto, attraverso
un procedimento sostanzialmente equitativo, ad appurare l’esistenza
in capo all’incapace di agire della consapevolezza e ponderazione
della scelta compiuta. Del resto, alla volontà dell’incapace di agire viene
attribuita in questo campo rilevanza attribuita dal giudice delle leggi, il
quale, più volte chiamato a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale
dell’art. 12, l. n. 194/1978, ha sottolineato come la decisione di interrompere
la gravidanza sia rimessa soltanto alla responsabilità della donna,
non potendosi configurare quale potestà codecisionale l’intervento
del giudice tutelare, nell’ipotesi in cui non vi sia l’assenso degli esercenti
la potestà o la tutela sulla minore, o vi siano pareri difformi da parte di
costoro, o ancora sussistano seri motivi che impediscano o sconsiglino la
loro consultazione 17.
16 Osserva A. Pizzorusso, Delle persone fisiche. Artt. 1-4, in Comm. cod. civ. Scialoja-
Branca a cura di F. Galgano, Bologna-Roma, 1988, pp. 149 e ss., come l’esercizio
dei diritti assoluti e quindi, di regola, l’esercizio dei diritti fondamentali della persona,
non comporti alcun problema di capacità di agire; ciò consente al minore e all’infermo di
mente di avvalersi delle libertà civili e politiche per il cui esercizio non siano stabiliti limiti
specifici; il limite all’esercizio di tali diritti deve essere individuato soltanto nella regola
generale della capacità naturale. Nel medesimo senso, v. almeno P. Barile, Il soggetto privato
nella Costituzione italiana, Padova, 1953, p. 36; G. Abbamonte, Età (dir. pubbl.), in
Enc. dir., XVI, Milano, 1967, p. 94 ss.; P. Stanzione, Capacità e minore età nella problematica
della persona umana, Napoli, 1975, p. 307 ss.; S. Panunzio, Capacità. II) Diritto
pubblico, in Enc. giur., V, Roma, 1988, p. 3; di recente il tema è affrontato da G. La Forgia,
Il consenso del minore «maturo» agli atti medico-chirurgici: una difficile scelta d’equilibrio
tra l’auto e l’eterodeterminazione, in Fam. e dir., 2004, pp. 413 e ss.
17 Afferma in proposito Corte cost. (ord.), 15 marzo 1996, n. 76, in Giust. civ.,
1997, I, p. 41, con nota di F. Giardina, L’ultimo atto di una storia senza fine: l’incostituzionalità
dell’art. 12 della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza: «deve ribadirsi
che il potere autorizzatorio del giudice tutelare è previsto (quando si verifichino le condizioni
di cui al secondo comma dell’art. 12 della l. n. 194/1978) a garanzia della consapevolezza
circa i beni di rilievo costituzionale consistenti nella tutela della vita del concepito
e della vita e della tutela della donna (sentenza n. 27 del 1975) e della serietà della
240
Stefania Stefanelli
3. Riservatezza e profilazione degli utenti in Internet.
La frontiera più avanzata del Behavioral targeting advertising system,
tecnica pubblicitaria che utilizza informazioni raccolte attraverso un web
browser sulle pagine visitate o le ricerche effettuate da un utente al fine di
selezionare i messaggi promozionali da trasmettergli, con la certezza che
incontrino i suoi interessi, è costituita dai cookies e dai web beacons, i quali
tuttavia, a differenza dei primi, non possono essere disabilitati dall’utente
e sono per tale ragione massimamente insidiosi 18, anche perché possono
essere inseriti come programmi accessori nei più social network, motori
di ricerca e blogs, che di inserzioni pubblicitarie fanno il proprio mercato
loro valutazione e ponderazione (ordinanza n. 293 del 1993; sentenza n. 109 del 1981),
e quindi anche a garanzia del rispetto delle procedure che la legge ha previsto a tale scopo,
in un sistema che prefigura interventi di sostegno e di solidarietà da parte dei servizi
sociali per superare le cause che potrebbero portare all’interruzione della gravidanza (art.
2, primo comma, e art. 5, primo e secondo comma, della l. n. 194/1978)». In precedenza,
cfr. Corte cost., 25 maggio 1987, n. 196, in Foro it., 1988, I, c. 758, con nota di E.
Rossi, L’obiezione di coscienza del giudice; i concetti espressi sono stati di recente ribaditi
da Corte cost. (ord.), 4 dicembre 2002, n. 514, in Giur. cost., 2002, p. 4252. Cfr. anche
E. I. Ioriatti Ferrari, Tutela della vita nel contesto della gravidanza, in Aa.Vv., Il governo
del corpo, II, in Trattato di biodiritto a cura di S. Rodotà e P. Zatti, op. cit., pp. 1605 e
ss.; K. Summerer, Libertà della donna e tutela del nascituro. Il conflitto materno-fetale nella
prospettiva del diritto penale, ivi, pp. 1623 e ss.; B. Pezzini, Inizio e interruzione della
gravidanza, ivi, pp. 1655 e ss.
18 Cfr. S. Stabile, Le nuove frontiere della pubblicità e del marketing su internet, in
Dir. Industriale, 2009, 5, 482: «I web beacons (anche detti web bugs, web tags, pixel tag,
1×1 gif e clear gif) sono “tracciatori di pagine viste” che consentono di determinare se una
certa pagina web è stata visualizzata o meno e, in caso affermativo, conteggiare il numero
di utenti che l’hanno vista e che hanno avuto accesso a certi “cookies”. Qualsiasi immagine
elettronica che compare in una pagina web, compreso quindi anche un banner pubblicitario,
può fungere da web beacon. In particolare, anche i network pubblicitari che mettono
online i banner sulle pagine dei siti utilizzano i web beacons nei loro messaggi pubblicitari.
In sostanza, un web beacon è un’immagine grafica (come ad esempio, anche, un
web bug, un pixel tag o una clear gif) posta all’interno di una pagina web (o all’interno di
un messaggio e-mail) con la specifica funzione di monitorare l’attività di un utente Internet
(come, ad esempio, con quali modalità e quando una determinata pagina web è visitata
o un messaggio e-mail letto)». Cfr. anche M. Viggiano, “Navigazione” in Internet e
acquisizione occulta di dati personali, in Dir. informazione e informatica, 2007, pp. 347 e
ss.; S. Grjva Zabert, Trattamento dei dati personali e tutela della privacy nelle comunicazioni
elettroniche, in Contratti, 2002, pp. 1069 e ss.; V. Caridi, La tutela dei dati personali
in Internet: la questione dei logs e dei cookies alla luce delle dinamiche economiche dei dati
personali, Diritto informazione informatica, 2001, pp. 763 e ss.
241
Privacy e immagine dei minori in Internet
principale, in quanto risultano particolarmente appetibili per le imprese
perché tendenzialmente capaci di raggiungere solo ed esattamente i consumatori
«bersaglio», nel medesimo momento cui sorge in essi il desiderio
di acquisto 19.
Mancando qualsiasi preventiva informazione sul trattamento dei
dati così raccolti, e difettando soprattutto il consenso alla loro trasmissione
all’inserzionista pubblicitario appare evidente la violazione della disciplina
dettata dal T.U. Privacy, come rilevato dalla Federal Trade Commission
statunitense nel dettare, nel 2007, i Principles on Behavioral Advertising,
a mente dei quali i dati sensibili e quelli relativi alle attività online
dei minori, in particolare i bambini, incidentalmente raccolti da un
sito, non devono essere utilizzati per scopi di behavioral advertising se il
consumatore non ha espresso il proprio consenso in modo esplicito a ricevere
tale genere di comunicazione commerciale personalizzata 20.
19 Il meccanismo è chiarito dall’esempio tratto da S. Stabile, op. loc. cit.: «Una
forma di behavioral advertising opera in questo senso: un consumatore o utente Internet
accede ad un sito web che fornisce servizi di agenzia di viaggio e cerca un volo per New
York. Il consumatore non acquista alcun biglietto e più tardi visita il sito web di un giornale
locale per leggere un articolo che parla della sua squadra di baseball preferita. Mentre
è sul sito del giornale, il consumatore riceve una pubblicità da una compagnia aerea che
promuove voli su New York: con certezza il sito web che fornisce servizi di viaggio ha un
accordo con un “network advertiser” – cioè una società specializzata in sistemi di behavioral
advertising – che consente di inviare pubblicità di questo genere al consumatore. Ma
cosa è accaduto: il network advertiser ha inviato al computer del consumatore un cookie o
un bug che ha raccolto informazioni relative alle pagine visitate dal consumatore, le pubblicità
che il consumatore ha visto e con che frequenza ciascuna pubblicità gli è apparsa.
Poiché il sito web del giornale è anch’esso parte del network quando il consumatore visita
il sito web del giornale, il network advertiser riconosce il cookie o il bug che proviene dal
sito dal sito dell’agenzia di viaggi come proprio e identifica il consumatore interessato ai
viaggi per New York, quindi gli invia pubblicità di compagnie aree che propongono voli
su New York». Facebook ha introdotto una opzione di condivisione dei propri dati allo
scopo di «pubblicità sociali», attraverso Facebook Beacon, disattivabile dall’utente attraverso
il controllo delle proprie impostazioni sulla privacy e sulle applicazioni autorizzate ad
accedere ai propri dati, a seguito delle polemiche insorte a seguito di un celebre caso, il cui
una signora aveva scoperto sul social network il regalo di anniversario preparatole dal marito:
E. Nakashima, Feeling Betrayed, Facebook Users Force Site to Honor Privacy, 30 novembre
2007, in Internet all’indirizzo http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/
2007/11/29/AR2007112902503_pf.html (sito web visitato il 10 settembre 2012).
20 Federal Trade Commission, Behavioral Advertising, Moving the Discussion Forward
to Possible Self-Regulatory Principles, http://www.ftc.gov/os/2007/12/P859900stmt.pdf,
242
Stefania Stefanelli
Il testo di riferimento è la Direttiva 2009/136, il cui considerando
66 è appunto riferito ai sistemi di tracciamento 21, e modifica l’art. 5,
comma 3, della Direttiva 2002/58, introducendo la previsione per cui
«gli Stati membri assicurano che l’archiviazione di informazioni oppure
l’accesso a informazioni già archiviate nell’apparecchiatura terminale di
un abbonato o di un utente sia consentito unicamente a condizione che
l’abbonato o l’utente in questione abbia espresso preliminarmente il proprio
consenso, dopo essere stato informato in modo chiaro e completo,
retrieved 4 gennaio 2012: «Stakeholders express concern about the use of sensitive data
(for example, information about health conditions, sexual orientation, or children’s activities
online) to target advertising, particularly when the data can be traced back to a particular
individual»; http://www.ftc.gov/opa/2007/12/principles.shtm, retrieved 4 gennaio 2012;
F. Gilbert, Beacons, Bugs and Pixel tags: Do You Comply with the FTC Behavioral Marketing
Principles and Foreign Law Requirements?, in Journal of Internet Law, May 2008.
I siti web che raccolgono dati personali di minori di età inferiore ai tredici anni devono
conformarsi al Children’s Online Privacy Protection Act, emanato nel 1998 dalla FTC, in
http://www.coppa.org/coppa.htm e http://www.ftc.gov/bcp/conline/pubs/buspubs/coppa.htm, visitati
in pari data. Si vedano anche le guidelines adottate con atto di autoregolamentazione del
4 gennaio 2011 da alcune tra le maggiori companies interessate all’uso dei detti strumenti
di Behavioral Advertising, tra cui Google, Yahoo, Microsoft, IBM, Realmedia, Advertising.
com, impegnandosi in particolare a segnalare con un’apposita icona le pubblicità
comportamentali presenti sulle loro pagine: cfr. http://www.networkadvertising.org/networks/
Web_Beacons_rev_11-1-04.pdf (sito web visitato il 3 ottobre 2012).
21 Direttiva 2009/136/CE del 25 novembre 2009, in Gazzetta ufficiale dell’Unione
europea, del 18 dicembre 2009, L337/11, Considerando 66: «Possono verificarsi tentativi
da parte di terzi di archiviare le informazioni sull’apparecchiatura di un utente o di
ottenere l’accesso a informazioni già archiviate, per una varietà di scopi che possono essere
legittimi (ad esempio alcuni tipi di marcatori, “cookies”) o implicare un’intrusione ingiustificata
nella sfera privata (ad esempio software spia o virus). Conseguentemente è di fondamentale
importanza che gli utenti siano informati in modo chiaro e completo quando
compiono un’attività che potrebbe implicare l’archiviazione o l’ottenimento dell’accesso
di cui sopra. Le modalità di comunicazione delle informazioni e di offerta del diritto al rifiuto
dovrebbero essere il più possibile chiare e comprensibili. Eccezioni all’obbligo di comunicazione
delle informazioni e di offerta del diritto al rifiuto dovrebbero essere limitate
a quei casi in cui l’archiviazione tecnica o l’accesso siano strettamente necessari al fine
legittimo di consentire l’uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall’abbonato
o dall’utente. Il consenso dell’utente al trattamento può essere espresso mediante l’uso
delle opportune impostazioni di un motore di ricerca o di un’altra applicazione, qualora
ciò si riveli tecnicamente fattibile ed efficace, conformemente alle pertinenti disposizioni
della direttiva 95/46/CE. L’esecuzione di detti requisiti dovrebbe essere resa più efficace
tramite i maggiori poteri conferiti alle autorità nazionali competenti».
243
Privacy e immagine dei minori in Internet
a norma della direttiva 95/46/CE, tra l’altro sugli scopi del trattamento.
Ciò non vieta l’eventuale archiviazione tecnica o l’accesso al solo fine di
effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione
elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un
servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato
o dall’utente a erogare tale servizio».
Il termine per il recepimento della Direttiva è scaduto il 29 maggio
2011; la Commissione ha inviato lettere di avviso formale a diversi Stati,
tra cui l’Italia, domandando informazioni sul ritardo, al quale potrebbe
conseguire una procedura di infrazione con ricorso alla Corte di Giustizia
europea.
4. Bilanciamento costituzionale tra diritto all’immagine e diritto di cronaca.
La giurisprudenza ha da tempo segnato i limiti 22 imposti al diritto
di cronaca dal rispetto dei diritti fondamentali delle persone coinvolte
nella notizia, sintetizzabile nei requisiti di veridicità, pertinenza, e continenza:
la notizia diffusa deve rispondere ad utilità sociale, intesa come
sussistenza di un interesse pubblico alla conoscenza della notizia, essere
oggettivamente vere in relazione all’attendibilità e veridica della fonte
dell’informazione, sempre che la forma espositiva sia corretta, chiara e
conforme allo scopo divulgativo, evitando il sottinteso sapiente, gli accostamenti
suggestionanti di fatti tesi a degradare l’immagine dell’interessato
o di altre persone estranee, l’artificiosità sistematica di sproporzioni o
drammatizzazioni e le celate insinuazioni 23.
È assolutamente condivisibile l’opinione secondo cui «un minore
coinvolto in fatti di cronaca, e/o in qualsiasi altra forma di comunicazione
mediatica, sia come soggetto attivo sia come vittima passiva, si trova
spesso a vivere una doppia violenza: quella insita nell’esperienza reale
vissuta, e quella rappresentata dalla intrusione dei mezzi di informazio-
22 Cass. Civ., sez. I, 18 ottobre 1984, n. 5259, in Foro it., 2712 ss.; Cass. Pen., sez.
unite, n. 23 ottobre 1984, n. 8959, ivi, 1984, II, 531 ss., sono ricordate per aver tracciato
il «decalogo del giornalista», sui cui si veda V. Pezzella, La diffamazione. Responsabilità
civile e penale, Torino, 2009, pp. 254 e ss.
23 Cfr. A. Scalisi, op. loc. cit.
244
Stefania Stefanelli
ne nella sua vita privata, talora negli aspetti più intimi e riposti» 24, ed in
tal senso si muovono anche le indicazioni diffuse dall’Autorità Garante
per la protezione dei dati personali 25, per le quali «È vietata la diffusione
di informazioni che, anche indirettamente, permettano il riconoscimento
di minori coinvolti in fatti di cronaca, a maggior ragione quando abbiano
subito violenze o molestie sessuali. Renderli identificabili potrebbe
far loro rivivere in pubblico i traumi subiti e pregiudicarne l’armonico
sviluppo della personalità».
Ulteriori prescrizioni derivano dall’art. 114, comma 6, c.p.p., che
introduce il divieto di pubblicazione delle generalità e dell’immagine dei
minorenni che siano testimoni, persone offese o danneggiati da reato fino
al raggiungimento della maggiore età; così l’art. 13, d.p.r. n. 448/1988,
recante disposizioni del procedimento penale a carico dei minorenni, vieta
la pubblicazione e la divulgazione, con qualsiasi mezzo, di notizie idonee
a consentire l’identificazione del minorenne a qualsiasi titolo coinvolto
nel procedimento, disciplina rafforzata con l’introduzione dell’art. 734
bis c.p., in materia di pedofilia e pedopornografia 26.
L’art. 50, d.lg. n. 196/2003, Testo unico sui dati personali, richiamando
l’art. 13, d.p.r. n. 448/1988, dispone che «il divieto di pubblicazione
e divulgazione con qualsiasi mezzo di notizie o immagini idonee a
consentire l’identificazione di un minore si osserva anche in caso di coinvolgimento
a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in
materie diverse da quella penale».
Altrettanto prevede il Codice deontologico della professione giornalistica,
art. 7: «Il diritto del minore alla riservatezza deve essere sempre
considerato come primario rispetto al diritto di cronaca e di critica; qualora
per questioni di rilevante interesse pubblico e fermo restando i limiti
della legge, il giornalista decide di diffondere notizie o immagini riguar-
24 Cfr. L. Recrosio, Diritto alla riservatezza e integrità psicologica, in Consiglio
Regionale Piemonte, Guida per la tutela della riservatezza del minore, Torino, 2006, pp.
43 e ss.
25 Notiziario settimanale, anno VI, del 4-10 ottobre 2004, n. 229, Minori e diritto
di cronaca, in http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1055267, retrieved il
4 gennaio 2012.
26 Cfr. S. Peron, La diffusione di immagini di un processo penale: limiti e condizioni,
in Responsabilità civ. previdenza, 2011, pp. 407 e ss.
245
Privacy e immagine dei minori in Internet
danti minori, dovrà farsi carico della responsabilità di valutare se la pubblicazione
sia davvero nell’interesse oggettivo del minore, secondo i principi
ed i limiti stabiliti dalla Carta di Treviso», aggiornata da ultimo con
deliberazione del 26 ottobre 2006 27.
La convergenza tra fonti nazionali, internazionali e di autonomia
privata è palese, e merita approfondimento con particolare riguardo alle
pronunzie che hanno fatto applicazione dei richiamati principi in controversie
riguardanti la pubblicazione dell’immagine di minori, a scopo
di cronaca o di esercizio della libertà di pensiero, anch’essa costituzionalmente
garantita.
Quanto al concetto di «interesse pubblico» alla conoscenza della
notizia, a fronte di alcune più risalenti posizioni che ne confondevano
la valenza con il fatto latu sensu interessante per il pubblico 28 si sono affermate
interpretazioni più rigorose, anche sulla scia di importati arresti
della Corte Europea dei diritti dell’Uomo 29 secondo i quali «nella ricer-
27 Deliberazione Garante per la protezione dei dati personali n. 49/2006, in G.U.
n. 264 del 13 gennaio 2006, con riferimento agli articoli 7; art. 12, il quale prevede che il
rispetto delle disposizioni contenute nel predetto codice di deontologia costituisce condizione
essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali; art. 139 che
disciplina la procedura di cooperazione tra il Garante e il Consiglio nazionale dell’Ordine
dei giornalisti ai fini della formazione, modificazione o integrazione del predetto codice
di deontologia.
28 Contro le quali si leggano le belle pagine di V. Zeno Zencovich, Alcune ragioni
per sopprimere la libertà di stampa, Bari, 1995; A. Mantelero, Il diritto alla riservatezza
nella l. 675 del 1996: il nuovo che viene dal passato, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 2000,
973 ss. Cfr. Trib. Roma, ord. 27 novembre 1996; Trib. Roma, ord. 20 otrobre 1996 e
Trib. Roma, ord. 8 novembre 1996, in Giust. civ., 1997, I, 1979; Pret. Roma, 7 novembre
1986, in Giur. merito, 1987, I, 1190; in Dir. informazione e informatica, 1987, 671, e
in Giur. it., 1989, I, 2, 488; Pret. Roma, 25 maggio 1985, in Dir. autore, 1986, 181, e in
Dir. informazione e informatica, 1985, 988; Pret. Roma, 6 maggio 1983, in Dir. autore,
1984, 78; in Temi romana, 1983, 403; in Giust. civ., 1984, I, 2320 ed in Foro it., 1984,
I, 299; Pret. Roma, 25 gennaio 1979, in Dir. autore, 1979, 69.
29 Corte Eur. dir. uomo, 24.6.2004, causa Traja-Von Hannover c. Germania, in
Danno e resp., 2005, p. 275, con nota di T.M. Ubertazzi, La privacy di Carolina, che
sanziona l’interpretazione l’art. 8 Convenzione EDU adottata dalle Corti tedesche, che
avevano ritenuto «legittima la pubblicazione di foto o la narrazione di fatti anche al di
fuori dell’esercizio del ruolo pubblico della persona ritrattata, perché quest’ultima, in
quanto nota, riveste sempre più agli occhi del pubblico un ruolo di modello, e suscita
di conseguenza un interesse alla conoscenza di fatti relativi anche alla sua vita quotidiana.
In questo quadro le Corti avevano perciò ritenuto sussistere un interesse del pubbli246
Stefania Stefanelli
ca dell’equilibrio tra la protezione della vita privata e la libertà d’espressione
l’elemento determinante deve scaturire dal contributo che le foto e
gli articoli pubblicati apportano al dibattito d’interesse generale», e non
può considerarsi «contributo ad un qualsiasi dibattito d’interesse generale
per la società» la pubblicazione di foto che abbiano «per unico oggetto
la soddisfazione della curiosità di un determinato pubblico nei riguardi
della vita privata di una persona, benché nota» 30.
Nella specie, nel caso riguardante la pubblicazione su un giornale
scandalistico della foto di un minore, ripreso in una spiaggia assieme al
padre e ad una nota attrice, allo scopo di pubblicizzare la notizia della relazione
tra i due adulti, la Corte di Cassazione 31 ha rigettato l’assunto dei
co alla conoscenza di foto ed immagini della vita di tutti i giorni di Carolina di Monaco;
avevano osservato che quest’ultima aveva un interesse a vedere tutelata la propria riservatezza
solo in luoghi privati». La Corte Europea ritiene, in contrario, che il bilanciamento
tra diritto alla riservatezza e libertà di informazione debba essere risolto nel senso per
cui questo prevale solo quando vengano diffuse immagini relative al ruolo pubblico del
personaggio. Così Corte Eur. dir. uomo, 4 aprile 2001, causa Tammer c. Estonia; e Corte
Eur. dir. uomo, 11 aprile 2000, causa News Verlags GmbH & Co- KG c. Austria, tutte
pubblicate in Internet all’indirizzo http://www.echr.coe.int/ECHR (sito web visitato
il 3 ottobre 2012).
30 Cfr. Cass. sez. III civ. 16 maggio 2008, n. 12433, in Il Foro italiano, 2008, fasc.
11 pp. 3215 e ss., con nota di M.P. Serra, lesione del diritto all’immagine di persona nota:
risarcimento del danno.
31 Cass. Civ., Sez. III, 05 settembre 2006, n. 19069, cit.; in Annuali diritto d’autore,
2008, pp. 1193 e ss.; in Responsabilità civile previdenza, 2007, pp. 815 e ss., con nota
di L. Gaudino, Dell’immagine, del “luogo pubblico” e della tutela del minore; cfr. anche A.
Cirillo, Riservatezza ed immagine, in Legalità e giustizia, 2006, pp. 199 e ss.; P. Ziviz,
Lesione del diritto all’immagine e risarcimento del danno, nota a Trib. Genova 14 dicembre
1999, in Resp. civ. previdenza, 2000, pp. 710 e ss.; B. Lena, Le incertezze della Cassazione
su privacy del minorenne e diritto di cronaca: tutela rafforzata della riservatezza o prevalenza
dell’utilità della notizia?, in Famiglia e diritto, 2007, pp. 138 e ss.; A. Balti, Diritto all’immagine
e responsabilità del fotografo, nota a Cass. sez. I civ. 1 settembre 2008, n. 21995,
in Famiglia, Persone e Successioni, 2010, pp. 266 e ss. In sintesi, l’atto con cui si rinuncia
al diritto all’immagine o lo si cede ad altri senza limiti è nullo, ex art. 1343 e 1346 c.c., al
pari dell’atto autorizzativo alla diffusione che non indichi limiti alla utilizzabilità; in questo
caso i limiti possono essere dedotti in via interpretativa, attraverso il criterio dell’uso
prevedibile del ritratto, al tempo in cui è stato scattato. La responsabilità del fotografo e
del terzo che ha pubblicato il ritratto è extracontrattuale; il danneggiato che domandi tutela
del proprio diritto all’immagine è tenuto a dimostrare unicamente l’avvenuta divulgazione
di un proprio ritratto fotografico; grava sul fotografo la prova che la divulgazione
della fotografia è avvenuta con il consenso del soggetto effigiato o in presenza di una
247
Privacy e immagine dei minori in Internet
giudici di appello, ritenendo che la notorietà dell’attrice non coinvolge il
minore, che non ha scientemente o volontariamente consentito a rendere
pubblico il suo rapporto con la persona nota, trattandosi piuttosto per
lui di una «notorietà involontaria o subita» 32.
Non rileva, altresì, il fatto che la fotografia sia stata scattata in un
luogo pubblico, posto che tale requisito non è alternativo a quello della
sussistenza dell’interesse pubblico all’art. 97 della l. n. 633/1941 (l. diritto
di autore), ma soprattutto in considerazione del fatto che la diffusione
dello scatto attraverso la stampa importa una lesività ben diversa e maggiore
rispetto alla visione della propria immagine da parte dei presenti nel
luogo pubblico medesimo 33.
La norma citata può dunque essere interpretata nel senso per cui
è legittima la riproduzione fotografica di eventi svolti in luoghi pubblici
sempre che sussista l’utilità sociale alla conoscenza degli stessi, ovvero
una finalità artistica, purché «la persona ritratta è parte non essenziale
di un paesaggio più vasto, di cose o di persone, sì che l’immagine di
essa sia quasi inevitabilmente la conseguenza della fissazione del più vasto
paesaggio» 34: in altri termini, il ricorso alla circostanza spaziale dello
scatto in luogo accessibile al pubblico non giustifica la divulgazione del
scusante ex art. 97 l. dir. aut. Se la diffusione lesiva è stata effettuata da un terzo, il fotografo,
per affermare la propria estraneità all’illecito, dovrà dimostrare o di non avere ceduto
le fotografie al divulgatore, che se ne sarebbe quindi fraudolentemente appropriato,
o di averle commercializzate specificando i limiti posti dal ritrattato alla loro diffusione.
32 Sulla notorietà cfr. Pret. Roma, 2 gennaio 1985, in Giur. it., 1985, I, 2, p. 479,
in Dir. informazione informatica, 1985, p. 710; Pret. Roma, ord. 15 luglio 1986, ivi,
1986, p. 926; Pret. Roma, 6 maggio 1983, cit.; con riferimento alla “notorietà riflessa”
Trib. Milano, 24 maggio 1956, in Foro it., 1956, I, p. 1203; Trib. Napoli, 19 maggio
1989, in Dir. aut., 1990, p. 382. Con riferimento alle immagini riprese in luoghi pubblici
Trib. Napoli, 26 giugno 2001, in Dir. inf., 2001, p. 887; Trib. Torino, 14 febbraio
1996, ivi, 1996, p. 251; App. Roma, 29 novembre 1993, ivi, 1994, p. 299; Trib. Milano,
16 aprile 1984, in Rass. dir. civ., 1985, II, p. 1106; App. Milano, 6 aprile 1984, in
Dir. autore, 1985, p. 522; Pret. Prato, 2 aprile 1976, ivi, 1978, p. 238.
33 Così App. Roma, 29 novembre 1993, in Dir. informazione informatica, 1994,
pp. 299 e ss.; Trib. Milano, 16 aprile 1984 in Rass. dir. civ., 1985, II, p. 1106; App. Milano,
6 aprile 1984, in Dir. autore, 1985, p. 522; Pret. Prato, 2 aprile 1976, ivi, 1978,
p. 238.
34 Trib. Torino, 14 febbraio 1996, in Dir. informazione informatica, 1996, pp.
251 e ss.
248
Stefania Stefanelli
ritratto per scopi di lucro, correlati alla soddisfazione della curiosità sulla
vita di soggetti più o meno noti 35.
5. Rischi e responsabilità per la diffusione dell’immagine e dei dati personali
in Internet.
Ciò vale, a maggior ragione, per la diffusione dell’immagine (fissa
o in movimento) attraverso la rete Internet, poiché qualsiasi utente ha
la possibilità di memorizzarla su proprio supporto hardware e rinnovare
in qualsiasi tempo ed in qualsiasi luogo la lesione del diritto all’immagine,
alla riservatezza, all’onore ed alla reputazione della persona coinvolta,
senza che possano avere alcuna pratica utilità le misure del sequestro preventivo
cautelare delle pubblicazioni lesive 36, sebbene applicabili astrattamente
anche al contenuto di siti Internet 37.
Il riferimento è alla ben nota vicenda che ha condotto alla condanna
di Google Italy s.r.l. per il delitto di trattamento illecito dei dati personali
del minore (art. 167, d. lgs. 192/2003), affetto da autismo, che appariva
in un video girato da alcuni compagni di scuola mentre lo oltraggiavano
per la sua condizione di minorità, e diffuso sulla nota piattaforma 38.
35 Trib. Roma 12 marzo 2004, in Danno e responsabilità, 2005, fasc. 8-9 p. 881,
con nota di B. Tassone, Diritto all’immagine: fra uso non autorizzato del ritratto e lesione
della privacy, ritiene che, ove l’immagine sia stata ripresa durante una manifestazione
sportiva e sia successivamente diffusa senza che vi sia alcun nesso di pertinenza rispetto
all’evento, risulti integra la violazione non solo del diritto all’immagine di matrice codicistica,
ma anche del diritto alla privacy, essendo il ritratto di un soggetto da considerarsi a
tutti gli effetti quale dato personale.
36 R.D.L. 31 maggio 1946, n. 561.
37 Cassazione sez. V penale n. 7155/11 del 10 gennaio 2011, depositata il 24 febbraio
2011, sulla base dell’equiparazione a qualsiasi altro strumento di manifestazione del
pensiero atto alla diffusione, sempre che sussista il fumus commissi delicti, ed il pericolo di
aggravamento delle conseguenze del reato, a cagione del mantenimento in rete delle frasi
oggetto del procedimento penale.
38 Trib. Milano, 12 aprile 2010, in Corriere del merito, 2010, 960, con nota di L.
Beruschi, Caso Google: libertà d’espressione in internet e tutela penale dell’onore e della riservatezza;
in Diritto di famiglia e delle persone, 2010, pp. 1826 e ss., con nota di G. Cassano,
Google v. Vividown: responsabilità “assolute” e fine di internet?, anche in Vita notarile,
2010, pp. 579 e ss.; in Corriere giuridico, 2010, 8, all.1, 5, con nota critica di G. Cas249
Privacy e immagine dei minori in Internet
Costituisce dato personale «la sola evidenziazione visiva dello stato
di minorità del soggetto costituisce condotta colpevole del reato in questione,
così come avverrebbe se si mostrasse in un video una particolare
preferenza sessuale di un soggetto» 39; potrebbe sostenersi, in contrario la
non identificabilità del titolare di quei dati attraverso le informazioni diffuse
con il video 40, ma il giudicante pare aver aderito all’opposta tesi che
considera sufficiente ad integrare il requisito posto dall’art. 4, comma 1,
sano, A. Contaldo, Diritti della persona, internet e responsabilità dei soggetti intermediari;
in Riv. diritto industriale, 2010, II, pp. 347 e ss., con nota di V. Franceschelli, Sul
controllo preventivo del contenuto dei video immessi in rete e i provider: a proposito del caso
Google/Vivi Down; in Il Diritto informazione informatica, 2010, pp. 645 e ss., con nota
di G. Sartor, M. Viola de Azevedo Cunha, Il caso Google-ViviDown tra protezione dei
dati e libertà di espressione on-line; ivi, 2010, pp. 829 e ss., con nota di F. Di Ciommo,
Programmi filtro e criteri di imputazione/esonero della responsabilità on line. A proposito della
sentenza Google/Vivi Down; in Rivista penale, 2010, pp. 102 e ss., Riflessioni a margine
di un convegno sul caso Google/Vivi Down; in Giur. merito, 2010, pp. 2232 e ss., con nota
di V. Pezzella, Google Italia, diffamazione e riservatezza: il difficile compito del provider
(e del giudice); in Resp. civile e previdenza, 2010, pp. 1568 e ss., con nota di G. Bigiolacchi,
(Dis)orientamenti giurisprudenziali in tema di responsabilità degli internet provider
(ovvero del difficile rapporto tra assenza di obblighi di controllo e conoscenza dell’illecito);
in Diritto industriale, 2010, pp. 329 e ss., con nota critica di S. Alvanini, La responsabilità
dei services providers; in Giur. merito, 2010, pp. 2232 e ss., con nota di V. Pezzella,
Google Italia, diffamazione e riservatezza: il difficile compito del provider (e del giudice).
Cfr. anche, a proposito dell’azionabilità della tutela cautelare offerta dagli artt. 14 – 17
del d.lgs. n. 70/2003 contro il provider consapevole e, perciò, responsabile della presenza
di materiali lesivi dei diritti di terzi sui propri servers, Trib. Bari, ord. 13 giugno 2006,
in AIDA, 2007, pp. 904 e ss., con nota di A. Tosato, in tema di responsabilità del provider
e di diritto al ritratto.
39 In senso contrario, G. Corrias Lucente, La Pretesa responsabilità degli intermediari
di contenuti in internet, in F. Cardarelli, S. Sica, V. Zeno Zencovich (cur.),
Il codice dei dati personali. Temi e problemi, Milano, 2005, p. 94; R. Petruso, La responsabilità
civile degli e providers nella prospettiva comparatistica, in Europa e diritto privato,
2011, 4, pp. 1175 e ss., in cui si legge anche una approfondita critica del sistema italiano
di denuncia e sanzione dell’illecito, e della responsabilità del fornitore dell’accesso al
mezzo attraverso il quale l’illecito si realizza, con riguardo al sistema nordamericano e a
quello anglosassone, da cui prendono le mosse le disposizioni di derivazione comunitaria.
40 Cfr. M. Atelli, M. Mazzeo, Le definizioni del Codice dei dati personali, in V.
Cuffaro, R. D’Orazio,V. Ricciuto (cur.), Il Codice del trattamento dei dati personali,
Torino, 2007, pp. 34 ss.; S. Fadda, Art. 4, in G. Cassano, S. Fadda, Codice in materia
dei dati personali, commento articolo per articolo al T.U. sulla privacy, Milano, 2004; Cass.
civ., sez. III, 5 giugno 2009, n. 12997, in Ced Cassazione, RV 608520.
250
Stefania Stefanelli
lett. b), del Codice privacy, l’identificabilità indiretta, attraverso la correlazione
degli elementi diffusi con altre informazioni a disposizione del
soggetto raggiunto dalla diffusione dei dati, circostanza questa probabile
nel caso di specie, trattandosi di filmato molto popolare, che nel periodo
successivo alla sua immissione, era stato visualizzato dagli utenti del
sito almeno 5.500 volte ottenendo il primo posto nella classifica dei «video
più divertenti» e il ventinovesimo in quella dei «video più scaricati».
Il content provider è stato condannato in considerazione dell’omessa
informativa agli utenti del sito circa la necessità di reperire, preventivamente
alla pubblicazione, il consenso dei soggetti terzi ritratti, posto che
il provider deve assolvere l’obbligo di trattamento con il consenso dell’interessato,
previsto dal combinato disposto degli artt. 167 e 23 del Codice
della privacy, mediante «una corretta e puntuale informazione, da parte
di chi accetti e apprenda dati provenienti da terzi (il provider) ai terzi che
questi dati consegnano. Lo impone non solo la norma di legge (art. 13,
D.lgs. citato) ma anche il buon senso». E, in particolare, «non costituisce
condotta sufficiente ai fini che la legge impone, “nascondere” le informazioni
sugli obblighi derivanti dalla legge sulla privacy all’interno di “condizioni
generali di servizio” il cui contenuto appare spesso incomprensibile,
sia per il tenore delle stesse che per le modalità con le quali vengono
sottoposte all’accettazione dell’utente» 41.
41 La Corte di Giustizia Europea, 25 ottobre 2011, procedimenti riuniti C‑509/09
e C-161/10, in http://www.eurlex.eu, ha interpretato l’art. 5, punto 3, del Regolamento
CE del 22 dicembre 2000, n. 44/2001, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento
e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, nel senso per
cui, in caso di asserita violazione dei diritti della personalità per mezzo di contenuti messi
in rete su un sito Internet, la persona che si ritiene lesa ha la facoltà di esperire un’azione
di risarcimento, per la totalità del danno cagionato, o dinanzi ai giudici dello Stato membro
del luogo di stabilimento del soggetto che ha emesso tali contenuti, o dinanzi ai giudici
dello Stato membro in cui si trova il proprio centro d’interessi. In luogo di un’azione
di risarcimento per la totalità del danno cagionato, tale persona può altresì esperire un’azione
dinanzi ai giudici di ogni Stato membro sul cui territorio un’informazione messa in
rete sia accessibile oppure lo sia stata. Questi ultimi sono competenti a conoscere del solo
danno cagionato sul territorio dello Stato membro del giudice adito. L’art. 3 della direttiva
del 8 giugno 2000, 2000/31/CE, relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società
dell’informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno («direttiva
sul commercio elettronico»), deve essere interpretato nel senso che esso non impone
un recepimento in forma di norma specifica di conflitto. Nondimeno, per quanto at251
Privacy e immagine dei minori in Internet
Il dolo specifico, consistente nello scopo di trarre profitto dalla diffusione
illecita è integrato, nella forma del dolo eventuale, dall’accettazione
della probabilità del conseguimento dei benefici economici che Google
ricava dagli annunci pubblicitari collegati ai video pubblicati nel proprio
sito, specie per un video tanto spesso visualizzato 42.
Il richiamo alle posizioni espresse dall’Avvocato Generale nella procedura
decisa dalla Corte di Giustizia dell’Unione 43, a proposito dell’interesse
economico del provider alla diffusione dei contenuti illeciti, dei
quali ha avuto modo di prendere conoscenza, è evidente.
Tanto posto, va chiarito che il consenso alla apprensione dell’immagine
attraverso il fatto concludente del «mettersi in posa», ossia
nell’accettare che la propria immagine possa essere ripresa e memorizzata,
subisce limiti temporali 44, esclude l’utilizzazione per scopo di
tiene all’ambito regolamentato, gli Stati membri devono assicurare che, fatte salve le deroghe
autorizzate alle condizioni previste dall’art. 3, n. 4, della direttiva 2000/31, il prestatore
di un servizio del commercio elettronico non sia assoggettato a prescrizioni più rigorose
di quelle previste dal diritto sostanziale applicabile nello Stato membro di stabilimento
di tale prestatore. Conforme la giurisprudenza interna sulla diffamazione a mezzo internet,
per cui v. Cass., sez. I pen., 27 dicembre 2000, n. 4741, in Riv. pen., 2001, 156 ss.
42 Parte della dottrina ritiene configurabile anche la responsabilità degli imputati
per concorso nella diffamazione in forma commissiva, «non essendoci dubbi che il provider,
diffondendo il video in questione, abbia fornito un contributo causale rispetto alla
commissione del delitto di diffamazione da parte degli utenti: il problema che viene in
considerazione è quello di accertare – sempre al di là di ogni ragionevole dubbio – che il
provider fosse effettivamente a conoscenza del contenuto offensivo del video in questione
e che, inoltre, avesse la consapevolezza di cooperare alla realizzazione del fatto tipico,
con tutte le difficoltà che, come abbiamo visto, un tale accertamento comporta». Così L.
Beruschi, op. loc. cit.
43 Cause riunite cause C-236/08, Google France v. Louis Vuitton Malletier,
C-237/08 Google France v. Viaticum Luteciel, e C-238/08 Google France v. CNRRH, «Google
ha un interesse diretto a che gli utenti di Internet selezionino i collegamenti degli annunci
pubblicitari (a differenza di quanto accade per i risultati naturali presentati dal motore
di ricerca)». La relazione onerosa esistente tra Google e gli inserzionisti farebbe perdere
al motore di ricerca sia il ruolo di veicolo neutro di informazioni sia la stessa possibilità
di avvalersi del regime di irresponsabilità fissato all’art. 14 della direttiva 2000/31.
44 Cfr. T. M. Ubertazzi, Dubbi sulla revocabilità del consenso all’utilizzazione
dell’immagine, nota