Tag: londra

Urgente ricovero per Boris Johnson colpito dal coronavirus

LONDRA – Boris Johnson è stato ricoverato in ospedale per test dieci giorni dopo aver detto di essere risultato positivo al coronavirus. Lo ha fatto sapere Downing Street: “Questo è un passo precauzionale, poiché il primo ministro continua ad avere sintomi persistenti di coronavirus dieci giorni dopo essere risultato positivo”.

Il premier, dopo la prima settimana di quarantena, giorno in cui avrebbe già potuto uscire, ha annunciato che avrebbe osservato altri 7 giorni di isolamento. I sintomi non erano ancora passati.

Anche la sua fidanzata incinta, Carrie Symonds, ieri ha dichiarato su Twitter di aver avuto sintomi da coronavirus: “Non ho bisogno di fare il test. Ora sto bene”

Anc

Londra, un uomo si schianta con la propria auto contro fuori al Parlamento.

L’intera zona intorno a Westminster è stata isolata, la polizia perquisisce il veicolo. Pedoni feriti. Secondo testimoni l’auto si è andata a schiantare deliberatamente

LONDRA – Un uomo è stato arrestato dopo che la sua auto si è schiantata contro le barriere che circondano il Parlamento di Westminster, nel centro di Londra. L’uomo è stato trascinato incolume fuori dall’auto, la polizia in forze ha circondato l’auto e l’ha perquisita. L’uomo appariva tranquillo, vestito con jeans e un giubbotto nero.

Secondo le prime informazioni, ci sarebbero delle persone che sono rimaste ferite nell’impatto ma nessuno in condizioni critiche. Si tratterebbe sia di ciclisti che di pedoni. Il Parlamento è in questi giorni chiuso, ma la zona è molto trafficata e piena di passanti e turisti che in questi giorni affollano la capitale britannica. L’area di Westminster è una delle principali mete di attrazione di Londra.

Londra, i poliziotti circondano l’auto che si è appena schiantata al Parlamento

I feriti hanno ricevuto i primi soccorsi sulla strada, subito dopo l’arrivo delle numerose ambulanze, insieme a decine di auto della polizia. Intorno al luogo dell’impatto nei primi momenti sono state viste persone coperte da teli termici a cui venivano prestate cure e assistenza. Alcuni erano in evidente stato di shock e da loro sono arrivate le prime testimonianze.

Lo schianto è avvenuto alle 7.37 locali, (8,37 italiane). Secondo i testimoni, l’auto ha imboccato una strada chiusa che conduce alla zona protetta di Westminster e deliberatamente, ad alta velocità, si è schiantata contro le barriere. “Mi è sembrato che agisse deliberatamente – ha detto un passante, Ewalina Ochab, intervistata dall’agenzia Ap – Stavo camminando sull’altro lato della stanza e ho sentito un gran rumore, persone gridare. Ho visto un’auto grigia arrivare a grande velocità e correre lungo le barriere e forse anche sul marciapiede”.

Nelle zone circostanti, tra Millbank, Parliament Square e Victoria Tower, è stato approntato un cordone di sicurezza. Anche la stazione della metropolitana di Westminster è stata chiusa.

La zona intorno al Parlamento è diventata particolarmente sensibile – tanto che sono state erette le barriere di protezione contro cui si è andata a schiantare l’auto stamattina – dopo l’attacco compiuto proprio con un’automobile sul ponte di Westminster nel marzo dell’anno scorso, in cui quattro persone rimasero uccise.

Londra, panico a Oxford Circus nel giorno del Black Friday. Poi l’annuncio della polizia: “Falso allarme”

La fermata è stata chiusa, così come quella di Bond Street, i passeggeri evacuati. Agenti coi megafoni: “Riparatevi al chiuso”. Infine Scotland Yard ha annunciato di non aver trovato tracce di sparatoria. Nessuna vittime, solo una donna ferita nella calcaLa fermata è stata chiusa, così come quella di Bond Street, i passeggeri evacuati. Agenti coi megafoni: “Riparatevi al chiuso”. Infine Scotland Yard ha annunciato di non aver trovato tracce di sparatoria. Nessuna vittime, solo una donna ferita nella calca

LONDRA – Per un’ora e mezza è stato il panico nel cuore di Londra. Auto della polizia e agenti sono intervenuti in forza alle 16,38 per diverse segnalazioni di colpi di arma da fuoco nella stazione della metropolitana di Oxford Circus, una delle più affollate della città, oggi invasa da migliaia di cittadini a caccia di saldi per il Black Friday.

Sul posto sono arrivati agenti di polizia armati. “La polizia sta rispondendo alla notizia di un incidente nella stazione di Oxford Circus”, ha spiegato la London Metropolitan Police su Twitter. Il caos si è diffuso in un lampo, come le notizie. E la gente ha cominciato a scappare. “Riparatevi al chiuso”, dicevano gli agenti coi megafoni.

Scotland Yard ha iniziato a twittare di stare “investigando un incidente” che riguarda “un passeggero”. Non ha escluso terrorismo, è intevenuta in forze invece, come se lo fosse. E questo ha visto la gente.

Solo poco dopo si è fatta largo l’ipotesi di un colossale falso allarme: non sono state prove di sparatorie né sono segnalate vittime, ha segnalato la polizia. Solo una donna è rimasta leggermente ferita mentre tentava di scappare, strattonata dalla folla.

Ma per 90 minuti, prima che le stazioni di Oxford Circus e Bond Street riaprissero, è stato il caos. La polizia che bloccava la zona. Media online che parlavano di un incendio, di un regolamento di conti fra gang, il Daily Mail addirittura di un camion sulla gente. Qualcuno aveva udito spari   di fronte ai grandi magazzini Selfridges, nelle vicinanze, che sono stati chiusi ed evacuati.

I video girati dalle persone sul luogo mostravano decine di passeggeri in fuga dalla stazione, le luci delle ambulanze, tante, pronte al peggio. Cittadini in lacrime, grida, persone che abbandonavano per strada le buste dello shopping. E in rete venivano descritti agenti con pistole alla mano che correvano tra i negozi.

Saldi saltati, e la polizia ora assicura comunque di aver lasciato sul posto alcuni agenti supplementari. E invita chiunque noti qualcosa di sospetto a chiamare immediatamente il 999.

Londra, Oxford Circus: la polizia urla alle persone di mettersi al riparo