Tag: giordana varon

La ripresa del “su misura” e degli eventi: Giordana Varon

Essere eleganti coincide con l’avere gusto e stile. Così la stilista Giordana Varon ha esordito in una battuta video dopo essere tornata dalla settimana della moda meno di due mesi fa. Le sue collezioni sono ispirate dal mondo in cui vive, dalla natura, dagli odori, dai colori. Dalle persone che la circondano e con le quali scambia di frequente pareri, pensieri, idee.

Chiacchierando con la nostra redazione, ci ha raccontato di quando ha creato una linea di abiti pret a porter e di com’è nata la decisione di aprire uno shop on line. Adesso con l’arrivo della primavera il “su misura” è ripreso alla grande così come l’avvio di matrimoni, feste, eventi e cerimonie.

Come sarà la donna primavera-estate 2022. Abbiamo chiesto a Giordana che ci ha svelato che sarà come predominante la voglia di “rinascita” con texture molto varie a partire dal denim passando per tessuti stampati e non mancheranno tessuti brillanti arricchiti da cristalli o paillettes. Per quanto riguarda i colori saranno presenti tutti i colori pastello con in testa il verde e senza dimenticare il bianco.

Le sue creazioni sono pensate per le donne che amano esprimere se stesse attraverso gli abiti che indossano, che
sono alla ricerca di un capo che le differenzi e le faccia sentire uniche. A tal proposito, possiamo svelarvi che una giornalista ospite dell’Aperol Spritz Festival al Parco della Musica sarà vestita con un suo outfit; la kermesse si svolgerà dal 20 al 22 maggio, tre giorni ricchi di iniziative, che attraverso la musica, diffonderanno l’inimitabile mood Aperol.

<> Esclusiva a Giordana Varon

E’ di Roma e il suo mestiere è quello di fashion designer.  La sua ultima collezione ci riporta al passato, quello tra gli anni ’20 e i ’30, definiti come “Gli Anni Ruggenti” dove tutto brillava di luce propria e lo sfarzo era il padrone di casa.

Giordana, qual’è il tipo di donna cui si rivolge e da quali capi è composta la Collezione Autunno Inverno 2021 “Golden Roaring” che hai presentato all’evento “International Fashion Expo” di Milano lo scorso 22 Febbraio 2020?

La collezione è dedicata ad una donna che vuole risaltare le sue prosperità grazie a vertiginose scollature, morbidezze e sontuosità delle sue curve.

“Golden Roaring” è composta da abiti leggerissimi di chiffon nero e spalmato oro che desidera far intravedere le forme eteree di una donna abile nel lasciare il segno ovunque vada.

Gli scolli sulla schiena sono creati per giocare con il proprio corpo, in un “vedo, non vedo” indimenticabile che trova il suo culmine nella cintura in tessuto utilizzata per delineare la vita alta di chi lo indossa.

La cura del dettaglio si nota già da un primo sguardo. Le gonne fluide sono tagliate in sbieco. I particolari più voluminosi sono nella zona “spalle – braccia” con le maniche a sbuffo e a palloncino, ma molta attenzione viene data anche all’uso dei materiali come le paillettes e i lamé.

gv

Solare e determinata, sempre carica di entusiasmo e proiettata verso il futuro ci parli dei tuoi progetti recenti? Ora hai qualcosa in cantiere su cui stai lavorando?

I progetti sono tanti, ma il prossimo sarà quello di creare una collezione di abiti da sposa.

L’abito nuziale racchiude in sé il sogno che la sposa si porta dentro per tutta una vita, in attesa del magico momento. Mi piacerebbe rendere meravigliose le future spose e far viver loro un giorno memorabile con indosso l’abito dei propri sogni.

Facciamo un passo indietro per chi non ti conosce ancora…Per la precisione ci racconti la tua formazione nella Capitale?

Nel 2009 ho conseguito  il diploma presso l’Accademia  Altieri e nel 2011 decisi di approfondire i suoi studi in modellistica e sartoria presso un Accademia specializzata a Viterbo.

Negli anni ho lavorato presso vari importanti uffici stile della Capitale e nei laboratori dedicati ai ricami.

Tra le più significative, vorrei ricordare l’ esperienza trascorsa presso la Maison Gattinoni, dove ho maturato la mia esperienza nell’Alta Moda.

A marzo 2018 ho avuto la fortuna di aprire  il mio Piccolo Atelier a Roma.