Tag: Albiano

Questa Mattina alla 10.30 Crolla il ponte tra Santo Stefano Magra e Albiano

La Spezia – Il crollo è avvenuto poco prima delle 10.30: il ponte sul fiume Magra che collega l’abitato di Santo Stefano Magra (in provincia della Spezia) con Albiano (che si trova in provincia di Massa Carrara) ha ceduto improvvisamente.

Due i furgoni rimasti coinvolti nel crollo, uno dei due conducenti è rimasto ferito ma non sarebbe in gravi condizioni.

La strada per arrivare al ponte è al momento sbarrata da entrambi i lati, con dispiegamento di forze carabinieri, guardia di finanza, soccorso cinofilo, croce rossa, vigili del fuoco anche con elicottero oltre che i tecnici del gas.

Si tratta del ponte che collegava le due sponde del fiume Magra nel comune di Aulla, in località Albiano Magra, in Toscana, a poche centinaia di metri dal confine con la Liguria.

mappa: dove si trovava il ponte crollato

Il ponte stradale crollato sul fiume Magra è il viadotto Albiano: al confine tra Liguria e Toscana, in località Albiano Magra (provincia di Massa Carrara), lungo la strada statale 330 che si immette sulla Cisa; è di proprietà dell’Anas da circa un anno.

Solitamente il tratto è molto trafficato, anche se in questi giorni per le misure in atto per l’emergenza coronavirus vi transitano solo pochi mezzi. Una coincidenza che ha evitato un bilancio decisamente più grave.

Aggiornamenti in tempo reale

L’uomo rimasto ferito: «Sto abbastanza bene»

Il post su Facebook di Andrea Angelotti, il corriere di Bartolini rimasto ferito: «Volevo rassicurare tutti (anche se volare da un ponte che sta crollando non è il massimo) e sto abbastanza bene… ho una frattura ad una vertebra e sono in attesa di sapere se devo essere operato o no»

Due furgoni coinvolti

Due veicoli in transito sono rimasti coinvolti nel crollo. Si tratta di due furgoni, uno della Tim e uno del corriere Bartolini, precipitati sul letto del fiume e rimasti sopra la carreggiata collassata.

Un uomo che era a bordo del mezzo della Tim si è salvato: al momento del crollo era all’imbocco del ponte ed è riuscito a mettersi in salvo.

Un altro, che era sul furgone di Bartolini, è stato soccorso: secondo le prime informazioni, avrebbe riportato ferite non gravi ed è stato trasportato all’ospedale Cisanello di Pisa con un elicottero.

Nella zona si è avvertito da subito un forte odore di gas. Tra le diverse ipotesi avanzate nei primissimi istanti sulle ragioni del crollo, oltre al cedimento strutturale, anche quella di una fuga di gas. Ma gli accertamenti sono in corso.

Video – La testimonianza: «Ho evitato il crollo per un soffio»

Forte boato

«Un boato e poi un suono come di rotolamento di massi»: è quanto raccontano di aver sentito alcuni abitanti del paese di Caprigliola, che si affaccia lungo la via Nazionale, vicino al ponte crollato. Nei dintorni, sempre secondo le testimonianze dei residenti della zona, si è anche sentito un forte odore di gas. Questo, come spiegato poi da Italgas, è stata la conseguenza della rottura di una condotta causata dal cedimento del ponte. Dalle immagini che fotografano dall’alto il ponte sembra che si sia “afflosciato” su se stesso; crollando nella sua prima parte il ponte ha poi formato delle onde di cemento lungo tutto il suo percorso e fino all’estremo opposto.

Fotogallery – Le prime immagini del ponte crollato

I vigili del fuoco, con squadre usar e cinofile e l’ausilio di un elicottero, stanno verificando l’eventuale presenza di altri veicoli e persone coinvolti nel crollo del ponte di Albiano Magra. Al momento le ricerche hanno dato esito negativo. Verifiche sono ancora in corso. Dall’alto l’elicottero ha svolto anche una verifica visiva su un tratto a valle del ponte crollato. Non è stato necessario l’impiego di sommozzatori in quanto il fiume per un lungo tratto è piuttosto in secca e l’acqua è poco profonda.

Anche i carabinieri del Comando provinciale di Massa Carrara stanno effettuando un sopralluogo e accertamenti sul crollo e a breve invieranno una prima informativa alla Procura.

Video – Il deputato Cosimo Ferri: le crepe erano state segnalate

A novembre erano state segnalate criticità

L’infrastruttura crollata questa mattina negli ultimi mesi era stata al centro di polemiche. Lo scorso 3 novembre, in particolare, a seguito di una forte ondata di maltempo che colpì gran parte della Lunigiana. Allora per il ponte di Albiano Magra, si moltiplicarono le segnalazioni da parte della cittadinanza e di molti automobilisti, che indicavano alcune criticità fra cui una crepa sul manto stradale. Gli esperti intervenuti, spiegarono tuttavia che la situazione era sotto controllo, così come la stabilità dell’infrastruttura. Ci furono anche rilievi dei tecnici dell’Anas, ma tutti gli esperti chiamati esclusero qualsiasi situazione di pericolosità, tant’è che dopo un intervento di riparazione fu dato il via libera alla circolazione.

Video – Il titolare del corriere coinvolto: «Lo sapevano tutti»

«Ho inviato ben tre lettere all’Anas negli ultimi mesi per segnalare criticità sulla stabilità del ponte ora crollato»: lo ha detto il sindaco di Aulla Roberto Valettini dopo il cedimento del ponte. «Il ponte è collassato su se stesso – ha aggiunto – la popolazione ha avvertito un forte boato. Per fortuna le limitazioni al traffico hanno evitato il peggio».

Video – Il sindaco di Aulla: «Anas ci aveva tranquillizzato»

 

Chiusa la ex strada provinciale 70, ora statale 330

La ex strada provinciale 70, ora strada statale 330, è chiusa in località Albiano Magra (km 10,500) nel comune di Aulla (Ms) in seguito al crollo del ponte sul fiume Magra. Il traffico è deviato con indicazioni sul posto. Lo rende noto l’Anas con un comunicato. Il tratto è recentemente rientrato nella competenza Anas.

Italgas: «Bloccata la fuoriuscita di gas. Tecnici al lavoro»

Il servizio di Pronto Intervento di Italgas, «attivo h24 e 7 giorni su 7 anche durante il lockdown, è tempestivamente accorso ad Albiano e ha bloccato la fuoriuscita di gas conseguente alla rottura della condotta causata dal crollo del ponte». E’ quanto comunica un portavoce della societa’ che aggiunge: «Al momento l’interruzione del servizio interessa soltanto la frazione di Caprigliola, per complessivi 500 clienti circa, per la quale sono in corso valutazioni per ripristinare le forniture attraverso l’ausilio di carri bombolai».

Video – Le immagini dal greto del fiume Magra

«Il ferito non è in pericolo di vita»

«Sono stata forse tra le prime a saperlo perche’ mi ha chiamato una mia amica che abita nei pressi del ponte. Allora ho contattato il sindaco e poi ho parlato con il vicesindaco che era in lacrime, era disperato, perche’ in un primo momento non sapevamo ancora se vi fossero vittime o meno. Alla fine e’ emerso che vi e’ solo una persona coinvolta, ferita ma non in pericolo di vita»: così all’Agi il sindaco di Santo Stefano Magra, Paola Sisti, raccontando i primi momenti dopo il crollo del ponte di Albiano che collega il comune spezzino con la Toscana. Il crollo e’ avvenuto in un periodo in cui il traffico si e’ fortemente ridotto a causa delle limitazioni agli spostamenti derivati dalle misure anticontagio da coronavirus: «Si e’ ridotto fortemente e questo e’ stato un bene – dice Sisti – perche’ altrimenti sarebbe stata una strage».

Il post della Regione Liguria

Il sindaco di Aulla: «Il ponte è collassato su stesso»

«E’ collassato su stesso»: così il sindaco di Aulla Roberto Valettini descrive la situazione del ponte che stamani è crollato nella frazione di Albiano Magra. Il sindaco ha effettuato un sopralluogo sul luogo del crollo. Il ponte è lungo circa 400 metri e alto 7-8 mtri circa. Passa sopra il fiume Magra che attualmente non ha una grande portata.

Peracchini: «Ferita grave»

«In un momento di gravissime difficoltà come quello che stiamo affrontando in tutto il Paese, il crollo del ponte di Albiano è una ferita che assume proporzioni veramente gravi e che ovviamente non interessa la sola Provincia di Massa ma tocca direttamente noi tutti: la rete dei collegamenti in quella porzione di territorio è estremamente connessa con la nostra e serve moltissime aree artigianali e residenziali della nostra Provincia»: lo afferma il presidente della Provincia della Spezia Pierluigi Peracchini. «Sono attualmente in contatto con tutte le Autorità ed esprimo sentimenti di solidarietà all’amico Sindaco di Aulla Roberto Valettini cui assicuro l’immediata e massima collaborazione della nostra Provincia. Tutta la Provincia della Spezia è partecipe allo sgomento per il gravissimo evento. Anche la nostra Polizia Provinciale e i tecnici del nostro settore Viabilità sono a disposizione dei colleghi della Provincia di Massa per il supporto negli interventi del caso».

Video – Le immagini dall’alto

Le reazioni

Paita (Iv): «Piano shock prima di altri casi»

“Il crollo del ponte di oggi altro è un fatto grave. Ormai da mesi avevamo avanzato interrogativi sul numero delle ispezioni alle infrastrutture italiane effettuate dall’Anas e presentato un’interrogazione sul tema. La vera questione è: quanti sono i ponti in Italia che rischiano di fare la stessa fine?”. Lo afferma Raffaella Paita, capogruppo di Italia Viva in Commissione Trasporti alla Camera, a proposito del crollo del ponte di Albiano (MS) sulla strada provinciale 70. “Più di un mese fa – ricorda – con un’interrogazione avevo posto il problema delle ispezioni dell’Anas. Avevamo per questo chiesto un’estensione dell’attività ispettiva e anche un monitoraggio. L’unica soluzione per impedire dei veri e propri disastri – perché se un crollo come quello di oggi si verifica con flussi di traffico normali, si rischia una carneficina – è rinnovare a tappeto le infrastrutture come previsto dal Piano Shock di Italia Viva. Il Piano Shock permetterebbe, per esempio, di realizzare finalmente, e in tempi rapidi, l’alternativa di fatto al ponte crollato già finanziata dal governo Renzi (ponte Ceparana-Santo Stefano), che permetterebbe di bypassare il ponte e anche decongestionare la circolazione delle cittadine interessate. L’episodio odierno fa sorgere anche pesantissime perplessità se sia opportuno, in caso di revoca delle concessione ad Autostrade , di affidare ad Anas la gestione della rete autostradale italiana.

Bottici (M5S): «Seguo gli sviluppi con apprensione»

La senatrice di Carrara del MoVimento 5 Stelle e Questore del Senato Laura Bottici ha commentato: «La notizia mi è arrivata durante i lavori in Commissione al Senato e mi lascia sgomenta. Seguo con apprensione la vicenda del crollo del ponte sul fiume Magra ad Albiano, frazione di Aulla nel comune di Massa Carrara. Secondo le prime notizie sarebbe rimasto ferito il conducente di un furgone, e gli auguro che le sue condizioni di salute, riferite non gravi, migliorino presto».

Donzelli (Fdi): «Chiarezza sulle responsabilità»

«Il crollo del viadotto Albiano nel Comune di Aulla in provincia di Massa Carrara è l’ennesimo disastro della gestione delle infrastrutture italiana, che se non fosse avvenuto in questo particolare momento avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia pesantissima. – ha commentato  il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli – Un fatto che, dopo il crollo del ponte Morandi e molti altri casi di incuria e fragilità, dimostra totale inadeguatezza del sistema: presenteremo un’interrogazione urgente per fare chiarezza sulle responsabilità. Serve rapidità e decisione: non si possono lasciare in mano le infrastrutture a chi mette a rischio la vita dei cittadini». «In una lettera che seguiva ad un sopralluogo del novembre scorso – sottolinea Donzelli – Anas aveva assicurato, nero su bianco, che il viadotto “non presenta al momento criticità tali da compromettere la sua funzionalità statica”. Oltre ai gravi fatti di cronaca a cui abbiamo purtroppo assistito, da varie zone della Toscana e di tutta Italia i cittadini segnalano crepe, anomalie, mancanza di manutenzione. In questo contesto che nessuno provi a correlare questo fatto all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo – conclude Donzelli – l’Italia ha bisogno di un piano serio per le infrastrutture che garantisca sicurezza ai cittadini».

La Uil: «Non si giochi con la fortuna»

I segretari generali Uil Liguria e Uil Toscana, Mario Ghini e Annalisa Nocentini, parlano di “sconcerto” per il crollo del ponte di Albiano che collega la provincia di La Spezia a quella di Massa Carrara. «Dopo la tragedia del ponte Morandi si riaffaccia, con tutta la sua drammaticità, la paura per l’incolumità delle persone, i dubbi sulla sicurezza delle nostre infrastrutture e la consapevolezza del duro percorso che si dovrà intraprendere per ripristinare il viadotto – affermano i sindacalisti -. Restiamo in attesa di comprendere la causa del cedimento e rimaniamo a disposizione di lavoratori e cittadini per quanto concerne il supporto sui due territori. Tragedia si somma a tragedia, chiediamo alle istituzioni di chiarire quanto prima i fatti e di aprire nuovamente un’unità di crisi sulle infrastrutture regionali. Non possiamo assistere inermi al crollo di opere indispensabili e necessarie per la vita quotidiana delle persone, dobbiamo avviare una rapida analisi su tutte le opere infrastrutturali del Paese perché non si può giocare con la fortuna per salvaguardare la vita dei cittadini come è accaduto oggi».

Rixi (Lega): «La manutenzione non può aspettare»

Su quanto avvenuto ad Albiano è intervenuto anche il deputato della Lega e responsabile nazionale Infrastrutture Edoardo Rixi: «La manutenzione delle infrastrutture, ponti, viadotti, gallerie e strade non può più aspettare. Il crollo del Ponte di Albiano, al confine tra Toscana e Liguria, poteva trasformarsi in tragedia, visto che in tempi normali è trafficatissimo, arteria di collegamento tra due regioni. Per fortuna, da quanto si apprende dalla stampa, è rimasta ferita in modo lieve solo una persona, a cui va il mio augurio di pronta guarigione. Il crollo di oggi non può che evidenziare l’assoluta necessità di intervento: abbiamo miliardi di euro bloccati in manutenzioni in Anas e altri gestori delle infrastrutture». «Nonostante il governo spesso citi il modello Genova, sembra invece che non abbia imparato davvero la lezione, visto che, dopo quasi due anni, vediamo ancora lavori fermi da processi burocratici troppo complicati e un sistema di controlli inefficace. Per la ripartenza post emergenza Covid lo sblocco dei cantieri delle manutenzioni, con procedure straordinarie, deve essere messo in cima all’agenda economica del Paese», conclude.

Pastorino (Leu): «Preoccupazione» 

In una nota diffusa poco dopo il crollo il deputato genovese Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu, ha commentato: «Il ponte di Caprigliola, che collega Santo Stefano Magra ad Albiano, è crollato poco fa. Apprendo questa tragica notizia confidando che, come al momento mi giungono aggiornamenti, non vi siano vittime. Al momento si è a conoscenza di un solo ferito, un corriere. Vivo con ansia e preoccupazione questa fase in cui i soccorsi sono al lavoro per accertare l’entità di questo disastro».

Bergamini (Fi): «Servono controlli urgenti»

Deborah Bergamini di Forza Italia commenta: «La notizia del crollo del ponte ad Albiano Magra, nel comune di Aulla, in provincia di Massa Carrara, è gravissima. I primi allarmi sulle condizioni relative alla stabilità dell’infrastruttura risalgono addirittura al 2013, ma caddero nel vuoto. Probabilmente perché un’eventuale chiusura del ponte avrebbe compromesso la viabilità locale con ricadute economiche importanti su tutto il territorio. Inoltre, proprio in un recente controllo, l’Anas avrebbe escluso l’ipotesi di rischi strutturali per il ponte. A tale proposito, chiederemo con la massima fermezza tutte le informazioni necessarie per accertare eventuali responsabilità». «Fortunatamente il lockdown per il Coronavirus ha evitato una strage. Si usi questo periodo di emergenza, vista la diminuzione del traffico nelle strade, per controllare la nostra rete infrastrutturale, e ripristinare le condizioni di sicurezza per i cittadini laddove ce n’è urgente bisogno», conclude.

Foto: gli scatti del ponte collassato

Uno dei due furgoni coinvolti nel crollo