Categoria: attualità

“Colpa del traditore Fini”. Berlusconi, clamorosa bomba politica dal seggio: il suo sogno (con Giorgia Meloni)

“colpa-del-traditore-fini”.-berlusconi,-clamorosa-bomba-politica-dal-seggio:-il-suo-sogno-(con-giorgia-meloni)

Sempre lui. Sempre Silvio Berlusconi, che non perde lo storico “vizio” di concedersi una battuta al seggio elettorale, un suo marchio di fabbrica. E oggi, in occasione del voto per le comunali a Milano, prima uscita pubblica per il leader di Forza Italia dopo otto mesi, non ha fatto eccezione.

Il Cav ha votato al seggio elettorale 342 allestito nella scuola elementare di via Fratelli Ruffini, nel centro di Milano. E intercettato dai cronisti ha affermato: “Sto bene, assolutamente sì. Sto aspettando i risultati degli ultimi esami, che penso siano tutti buoni, per riprendere la normale attività. È possibile che dalla prossima settimana possa tornare a Roma, finalmente dopo tanto tempo”, ha rimarcato.

Dunque, ha spiegato di aspettarsi “un buon risultato per quel che riguarda i voti alle liste dei partiti. Per quanto riguarda i candidati sindaci vedremo, saranno i milanesi a decidere“. Ma la bomba politica arriva quando gli chiedono se farebbe un nuovo Pdl: “Si, perché no? Voi sapete che il Pdl non è finito per ragioni obiettive, ma è finito per il tradimento di uno dei componenti (Gianfranco Fini, ndr)”.

E ancora, ha aggiunto: “La federazione con Matteo Salvini non l’abbiamo messa da parte. Abbiamo soltanto precisato con la Lega che occorrerebbe fare un accordo che comprendesse anche Fratelli d’Italia. Quindi dobbiamo superare questa federazione per farne una più grande”. Insomma, direttamente dal seggio un chiaro appello a Giorgia Meloni sulla federazione del centrodestra. La consueta zampata di Berlusconi.

Elezioni amministrative 2021, oltre 12 milioni al voto

elezioni-amministrative-2021,-oltre-12-milioni-al-voto

(Adnkronos) – Elezioni amministrative 2021, da oggi domenica 3 ottobre dalle 7 alle 23, e fino a lunedì 4 ottobre dalle 7 alle 15, si svolgeranno le consultazioni elettorali per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali nonché per l’elezione dei consigli circoscrizionali. Andranno al voto 1.192 Comuni, di cui 19 capoluoghi di provincia, per un numero di elettori pari a 12.147.040. L’eventuale turno di ballottaggio si terrà il 17 e 18 ottobre. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale sulle elezioni amministrative.

Le consultazioni elettorali amministrative previste nelle giornate di oggi e domani interesseranno appunto 1.192 comuni (1.154 nelle 15 regioni a statuto ordinario e 38 nella regione a statuto speciale del Friuli Venezia Giulia) per un numero di elettori pari a 12.147.040 distribuiti su 14.505 sezioni. In particolare, andranno al voto 19 capoluoghi di provincia dei quali 6 anche capoluoghi di regione: Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste. I restanti 13 capoluoghi di provincia chiamati al rinnovo sonoBenevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese.

Nelle stesse date si svolgeranno le elezioni regionali in Calabria e le elezioni suppletive della Camera dei deputati rispettivamente nella XII circoscrizione Toscana (collegio uninominale 12 – Siena) e nella circoscrizione XV Lazio 1 (collegio uninominale 11 – Roma – Quartiere Primavalle). Le operazioni di voto si svolgeranno nel rispetto delle modalità operative e precauzionali di cui al Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali dell’anno 2021 adottato dai ministri dell’Interno e della Salute in data 25 agosto 2021.

In particolare, sono questi candidati ‘big’ delle grandi città al voto. A Roma sono candidati per il centrodestra Enrico Michetti, per il centrosinistra Roberto Gualtieri, la sindaca uscente Virginia Raggi per il M5S e Carlo Calenda per Azione. A Milano il candidato di centrodestra è Luca Bernardo, per il centrosinistra il sindaco uscente Beppe Sala e, per il M5S, Layla Pavone. A Torino per il centrodestra è schierato Paolo Damilano, per il centrosinistra Stefano Lorusso, mentre per il M5S la candidata è Valentina Sganga. A Napoli Catello Maresca è il candidato del centrodestra, per Pd e M5S il candidato è Gaetano Manfredi, candidato anche Antonio Bassolino sostenuto da 5 liste civiche. A Bologna, infine, il centrodestra sostiene Fabio Battistini, mentre per Pd e M5S il candidato è Matteo Lepore, Stefano Sermenghi è invece il candidato di Bfc e Italexit mentre Dora Palumbo corre per Sinistra Unita.

Nei 19 Comuni capoluogo di provincia impegnati al voto oggi e domani, i sindaci uscenti sono otto del centrosinistra e otto del centrodestra mentre due primi cittadini appartengono al Movimento 5 Stelle. Il sindaco di Latina, Damiano Coletta, vinse le scorse elezioni con la sua lista civica Latina Bene Comune mentre questa volta corre con l’appoggio del centrosinistra. Il M5S ha governato a Roma con Virginia Raggi e a Torino con Chiara Appendino.

Sono sindaci uscenti di centrosinistra Virginio Merola (Bologna), Carlo Marino (Caserta), Giuseppe Sala (Milano), Luigi De Magistris (Napoli), Michele De Pascale (Ravenna), Andrea Gnassi (Rimini), Vincenzo Napoli (Salerno), Davide Galimberti (Varese).

I sindaci uscenti di centrodestra hanno governato a Benevento (Clemente Mastella), Grosseto (Antonfrancesco Vivarelli Colonna), Isernia (Giacomo D’Apollonio), Novara (Alessandro Canelli), Pordenone (Alessandro Ciriani), Trieste (Roberto Dipiazza), Savona (Ilaria Caprioglio) mentre a Cosenza, Mario Occhiuto, era appoggiato da una lista civica di centrodestra.

Al voto anche alcuni Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. Si tratta di Siderno, Careri, Delianuova, Palizzi e Stilo nel reggino, Casabona e Crucoli nel crotonese, Arzano nel napoletano, Cerignola nel foggiano, mentre in Sicilia urne aperte a San Biagio Platani (Agrigento), San Cataldo (Caltanissetta), Mistretta (Messina), San Cipirello (Palermo), Vittoria (Ragusa) e Pachino (Siracusa). Si tratta solo di una prima tornata elettorale per le amministrazioni commissariate visto che una nuova tornata ad hoc è stata fissata con decreto del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per il 7 novembre.

Il turno autunnale delle amministrative nei Comuni delle regioni a statuto ordinario sciolti per fenomeni di condizionamento e infiltrazione di tipo mafioso si terrà in sette enti: Orta di Atella (Caserta), Manfredonia (Foggia), Carmiano (Lecce), Scanzano Jonico (Matera), nonché Africo, San Giorgio Morgeto e Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria. L’eventuale turno di ballottaggio è già previsto nella giornata di domenica 21 novembre 2021.

Clima: 4mila persone a corteo Milano, imbrattata sede Microsoft con vernice

clima:-4mila-persone-a-corteo-milano,-imbrattata-sede-microsoft-con-vernice

Milano, 2 ott. (Adnkronos) – È terminata la manifestazione Global March for Justice contro il cambiamento climatico organizzato a Milano in concomitanza con l’ultimo giorno dei lavori della Pre Cop26. Al corteo hanno partecipato circa 4mila persone. Nel corso del corteo in piazza Baiamonti verso le 16.30, una quindicina di manifestanti del centro sociale Cantiere ha gettato della vernice nera imbrattando la sede di Microsoft e colpendo anche una squadra dei carabinieri a presidio dell’edificio.

La manifestazione era stata preceduta in mattinata da un tentativo da parte di un centinaio di manifestanti in tuta bianca, provenienti dal Climate Camp di via Cimabue, di accedere all’area del Mico, dove si stavano svolgendo i lavori dell’ultima giornata del Pre Cop 26. I manifestanti sono stati bloccati dalle forze dell’ordine. Circa 50 attivisti di Extintiction Rebellion, all’altezza dell’incrocio tra viale Eginardo e via Colleoni, avevano occupato la strada e due di loro si erano arrampicati sui semafori.

Amministrative: Lega, La7 e Tg3 contro Lega e alleati ma silenzio su condanna Lucano

amministrative:-lega,-la7-e-tg3-contro-lega-e-alleati-ma-silenzio-su-condanna-lucano

Roma, 2 ott. (Adnkronos) – “Su La7 e in alcuni Tg Rai a partire dal Tg3 si conferma la martellante campagna contro la Lega e i suoi alleati, perfino a poche ore dal voto amministrativo e in pieno silenzio elettorale, nonostante non ci siano condanne da commentare a differenza di quanto successo al candidato della sinistra in Calabria, Mimmo Lucano”. E’ quanto rilevano fonti della Lega.

Fdi: Capitanio (Lega), ‘Tg3 fa sciacallaggio e viola silenzio elettorale’

fdi:-capitanio-(lega),-‘tg3-fa-sciacallaggio-e-viola-silenzio-elettorale’

Roma, 2 ott. (Adnkronos) – “Il Tg3, incapace di fare informazione propria, ha dato dimostrazione di cosa sia lo sciacallaggio politico asservito ai partiti e in violazione del silenzio elettorale. È una vergogna che il servizio pubblico si inginocchi alla magistratura e ai montaggi televisivi anziché fare informazione”. Lo afferma Massimiliano Capitanio, capogruppo della Lega in commissione Vigilanza Rai.

Covid: tensione a corteo no green pass a Milano, quattro fermati

covid:-tensione-a-corteo-no-green-pass-a-milano,-quattro-fermati

Milano, 2 ott. (Adnkronos) – Tensione alla manifestazione no green pass di Milano. Il corteo, dopo avere percorso via Padova, ha raggiunto viale Monza, in direzione esterno città. All’altezza dell’intersezione con via Giacosa, le forze dell’ordine hanno creato uno sbarramento, intimando i manifestanti a terminare l’iniziativa, non preavvisata. Alcuni manifestanti hanno cercato il contatto, cercando, senza riuscirci, di forzare il cordone di polizia. Quattro persone che hanno affrontato con violenza lo sbarramento delle forze dell’ordine sono state fermate.

Elezioni amministrative 2021, oltre 12 milioni al voto

elezioni-amministrative-2021,-oltre-12-milioni-al-voto

(Adnkronos) – Elezioni amministrative 2021, da oggi domenica 3 ottobre dalle 7 alle 23, e fino a lunedì 4 ottobre dalle 7 alle 15, si svolgeranno le consultazioni elettorali per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali nonché per l’elezione dei consigli circoscrizionali. Andranno al voto 1.192 Comuni, di cui 19 capoluoghi di provincia, per un numero di elettori pari a 12.147.040. L’eventuale turno di ballottaggio si terrà il 17 e 18 ottobre. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale sulle elezioni amministrative.

Le consultazioni elettorali amministrative previste nelle giornate di oggi e domani interesseranno appunto 1.192 comuni (1.154 nelle 15 regioni a statuto ordinario e 38 nella regione a statuto speciale del Friuli Venezia Giulia) per un numero di elettori pari a 12.147.040 distribuiti su 14.505 sezioni. In particolare, andranno al voto 19 capoluoghi di provincia dei quali 6 anche capoluoghi di regione: Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste. I restanti 13 capoluoghi di provincia chiamati al rinnovo sonoBenevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese.

Nelle stesse date si svolgeranno le elezioni regionali in Calabria e le elezioni suppletive della Camera dei deputati rispettivamente nella XII circoscrizione Toscana (collegio uninominale 12 – Siena) e nella circoscrizione XV Lazio 1 (collegio uninominale 11 – Roma – Quartiere Primavalle). Le operazioni di voto si svolgeranno nel rispetto delle modalità operative e precauzionali di cui al Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali dell’anno 2021 adottato dai ministri dell’Interno e della Salute in data 25 agosto 2021.

In particolare, sono questi candidati ‘big’ delle grandi città al voto. A Roma sono candidati per il centrodestra Enrico Michetti, per il centrosinistra Roberto Gualtieri, la sindaca uscente Virginia Raggi per il M5S e Carlo Calenda per Azione. A Milano il candidato di centrodestra è Luca Bernardo, per il centrosinistra il sindaco uscente Beppe Sala e, per il M5S, Layla Pavone. A Torino per il centrodestra è schierato Paolo Damilano, per il centrosinistra Stefano Lorusso, mentre per il M5S la candidata è Valentina Sganga. A Napoli Catello Maresca è il candidato del centrodestra, per Pd e M5S il candidato è Gaetano Manfredi, candidato anche Antonio Bassolino sostenuto da 5 liste civiche. A Bologna, infine, il centrodestra sostiene Fabio Battistini, mentre per Pd e M5S il candidato è Matteo Lepore, Stefano Sermenghi è invece il candidato di Bfc e Italexit mentre Dora Palumbo corre per Sinistra Unita.

Nei 19 Comuni capoluogo di provincia impegnati al voto oggi e domani, i sindaci uscenti sono otto del centrosinistra e otto del centrodestra mentre due primi cittadini appartengono al Movimento 5 Stelle. Il sindaco di Latina, Damiano Coletta, vinse le scorse elezioni con la sua lista civica Latina Bene Comune mentre questa volta corre con l’appoggio del centrosinistra. Il M5S ha governato a Roma con Virginia Raggi e a Torino con Chiara Appendino.

Sono sindaci uscenti di centrosinistra Virginio Merola (Bologna), Carlo Marino (Caserta), Giuseppe Sala (Milano), Luigi De Magistris (Napoli), Michele De Pascale (Ravenna), Andrea Gnassi (Rimini), Vincenzo Napoli (Salerno), Davide Galimberti (Varese).

I sindaci uscenti di centrodestra hanno governato a Benevento (Clemente Mastella), Grosseto (Antonfrancesco Vivarelli Colonna), Isernia (Giacomo D’Apollonio), Novara (Alessandro Canelli), Pordenone (Alessandro Ciriani), Trieste (Roberto Dipiazza), Savona (Ilaria Caprioglio) mentre a Cosenza, Mario Occhiuto, era appoggiato da una lista civica di centrodestra.

Al voto anche alcuni Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. Si tratta di Siderno, Careri, Delianuova, Palizzi e Stilo nel reggino, Casabona e Crucoli nel crotonese, Arzano nel napoletano, Cerignola nel foggiano, mentre in Sicilia urne aperte a San Biagio Platani (Agrigento), San Cataldo (Caltanissetta), Mistretta (Messina), San Cipirello (Palermo), Vittoria (Ragusa) e Pachino (Siracusa). Si tratta solo di una prima tornata elettorale per le amministrazioni commissariate visto che una nuova tornata ad hoc è stata fissata con decreto del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per il 7 novembre.

Il turno autunnale delle amministrative nei Comuni delle regioni a statuto ordinario sciolti per fenomeni di condizionamento e infiltrazione di tipo mafioso si terrà in sette enti: Orta di Atella (Caserta), Manfredonia (Foggia), Carmiano (Lecce), Scanzano Jonico (Matera), nonché Africo, San Giorgio Morgeto e Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria. L’eventuale turno di ballottaggio è già previsto nella giornata di domenica 21 novembre 2021.

No green pass, protesta a Milano: 8 fermati

no-green-pass,-protesta-a-milano:-8-fermati

Milano, 2 ott. (Adnkronos) – Sono otto le persone accompagnate dalla polizia in Questura a Milano nel corso della manifestazione di protesta dei no green pass. Di questi sette sono stati fermati per resistenza a pubblico ufficiale e una per mancato preavviso della manifestazione. Alle 21.30 la manifestazione, grazie al presidio che ha fatto desistere gli ultimi partecipanti, è terminata.

Al corteo hanno preso parte circa 4mila persone. Partita attorno alle 18 da piazza Fontana, ritrovo abituale dei cortei non preavvisati del sabato pomeriggio, la manifestazione si è diretta verso piazza San Babila e corso Venezia al grido ‘libertà libertà’. All’altezza dei bastioni di Porta Venezia, un gruppo di manifestanti ha tentato di indirizzare la testa del corteo verso piazza della Repubblica, ma le forze dell’ordine sono riuscite a impedire l’azione.

L’Inter vince in rimonta, 2-1 in casa Sassuolo

l’inter-vince-in-rimonta,-2-1-in-casa-sassuolo

REGGIO EMILIA (ITALPRESS) – L’Inter soffre ma vince la quinta partita in stagione. Contro il Sassuolo la squadra di Inzaghi va sotto nel primo tempo e trova la forza di rimontare fino al 2-1 finale grazie ai gol di Dzeko e Lautaro su rigore. Sorride la coppia nerazzurra, non quella neroverde: Raspadori e Scamacca – accostati più volte ai nerazzurri – restano in panchina. Dionisi si affida a Defrel, unica punta, supportato da Boga, Djuricic e Berardi che ha già messo lo zampino in 10 reti nelle sue ultime 10 sfide contro squadre posizionate tra le prime tre in classifica. L’attaccante azzurro non si smentisce contro i nerazzurri e dopo ventidue minuti ha già siglato l’1-0 su rigore conquistato da Boga grazie ad un’incursione in area frenata irregolarmente da Skriniar. L’Inter gioca male e al 46′ esce bene da un episodio discusso: de Vrij sbaglia un retropassaggio, Defrel si impadronisce del pallone, salta Handanovic e cade dopo un colpo subito al volto. Ma per Pairetto non c’è il fallo e di conseguenza nessun provvedimento per il portiere. Nella ripresa Inzaghi cambia tutto: fuori Correa, Calhanoglu, Dumfries e Bastoni; dentro Vidal, Darmian, Dimarco e Dzeko che al primo pallone giocabile fa 1-1: cross di Perisic al 58′ e colpo di testa dell’ex Roma in tuffo alle spalle di Ferrari. Bosniaco decisivo anche al 77′ quando Consigli lo stende in area: Pairetto non ha dubbi e concede il rigore. Dagli undici metri Lautaro non sbaglia e l’Inter vola a 17 punti.
(ITALPRESS).