Categoria: attualità

CON BIDEN TORNERÀ L’AMERICA DELLE BOMBE E DELLE GUERRE PREVENTIVE?

con-biden-tornera-l’america-delle-bombe-e-delle-guerre-preventive?

L’insediamento della Presidenza Biden è stato festeggiato con un tripudio quasi corale da parte dell’informazione italiana. “Bentornata America” è il titolone euforico apparso sulla prima pagina de La Stampa. Ma di quale America parlano i giornalisti nostrani?

Trump: una presidenza a conflitti zero

Perché la presidenza Trump, per quanto curiosa e criticabile, ha comunque segnato un evento unico nella storia contemporanea: il ritiro della presenza militare americana nel mondo. Accordo di pace storico con la Corea del Nord, accordo di pace in Afghanistan per un progressivo ritiro delle truppe e infine la scelta di ritirare la presenza americana anche dalla Siria.

Alla luce di questo, quel “Bentornata America” può essere quindi interpretato come il ritorno dell’interventismo americano nel mondo. E infatti leggendo i nomi che comporranno la squadra presidenziale questo cambio di tendenza sembra confermato.

I missili difensivi secondo Kamala Harris

Un segnale era arrivato dalla nuova vice presidente Kamala Harris, incensata dai media nostrani come esempio di nuova svolta inclusiva nella politica americana. Ed era stata la stessa Kamala Harris a dire chiaramente nel novembre scorso quale sarebbe dovuta essere la politica americana, in particolare nel Medio Oriente.

Se l’Iran continuerà a lanciare missili balistici e armando il fanatismo terrorista di Hezbollah dobbiamo sostenere Israele. Mentre Hamas mantiene il controllo di Gaza e lancia missili dalla frontiera sud di Israele, dobbiamo appoggiare Israele. La nostra relazione di difesa è decisiva per entrambe le nazioni, per cui l’appoggio e l’impegno degli Stati Uniti per Israele si tradurrà in 38 miliardi di dollari di aiuti militari durante la prossima decade. Ed è per questo che appoggio il finanziamento da parte di Israele inclusi i sistemi Arrow, David Siling e Iron Drome. Il sistema missilistico di difesa che salva le vite.

Nessun accenno a soluzioni diplomatiche, nessun accenno al dialogo, benché meno all’inclusione.

Anzi, si promettono miliardi di dollari per aumentare la spesa militare in Israele, aprendo quindi ad un’escalation militare nella zona, e i missili vengono definiti come sistema salva vite. Un linguaggio che fa tornare alla mente quell’America interventista che si è avventurata in conflitti infiniti e dannosi, come quelli dell’Afghanistan e dell’Iraq. Kamala Harris è però in buona compagnia nella squadra che accompagnerà Biden per i prossimi 4 anni.

Antony Blinken l’interventista

Chi si occuperà direttamente di politica estera sarà infatti Antony Blinken, il nuovo segretario di Stato. La rivista americana Politico non ha dubbi nell’etichettare Blinken come interventista.

Nel suo ruolo sotto l’amministrazione Obama, Blinken spinse per un maggiore coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra in Siria. È stato anche uno stretto collaboratore di Biden quando l’allora senatore sostenne l’intervento americano in Iraq nel 2003. Blinken crede che la diplomazia debba essere “integrata dalla deterrenza” e che “la forza possa essere un complemento necessario per una diplomazia efficace.

Uso della forza, ricorso alla deterrenza, insomma i presupposti della nuova presidenza non sembrano molto incoraggianti per il futuro di diverse aree del mondo, tra cui il Medio Oriente e il Nord Africa. “Bentornata America” quindi, l’America delle bombe e delle guerre preventive che sinceramente non ci mancava.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.630 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Grazie, semplicemente grazie di esserci!

Viva il pensiero liberamente espresso!

“Possono tagliare tutti i fiori, ma non potranno fermare la primavera” – Pablo Neruda

Bravissimi ! Continuate a dire la verita’ e avremo un mondo migliore.


Mi piace l’idea di dare una mano alle piccole aziende : )

Grazie per il vostro preziosissimo lavoro

Elon Musk sull’RNA: “È come un programma del computer”

elon-musk-sull’rna:-“e-come-un-programma-del-computer”

Come dimenticare le forti parole del presidente brasiliano, Bolsonaro, quando attaccò la mancanza di responsabilità per le reazioni avverse, prevista nel contratto del vaccino Pfizer!

E se il vaccino ti trasforma in un caimano? Il problema è tuo” aveva dichiarato. Sì magari si è trattata di un’affermazione eccessiva eppure Bolsonaro non è l’unico ad aver ‘posto l’accento’ sugli effetti dell’RNA.

Elon Musk, oggi l’uomo più ricco del mondo, è spesso ospite negli studi tv e nelle prime pagine dei giornali. Nelle interviste Musk non perde mai l’occasione di dire la sua su temi attuali. Vi ricorderete le dichiarazioni sull’emergenza Covid, in particolare sul vaccino: “Né io né la mia famiglia ci sottoporremo al vaccino contro il Coronavirus quando verrà distribuito. Non sono e non siamo a rischio”.

Adesso Elon Musk si esprime anche sull’RNA. Qualche mese fa il fondatore di Tesla, durante un evento, ha cominciato a parlare delle svolte tecnologiche che abbiamo davanti, in campo medico: ” Ci saranno tante svolte sul fronte della medicina. In particolare riguardo all’RNA sintetico. Fondamentalmente puoi fare qualsiasi cosa con l’RNA/DNA sintetico è come un programma del computer”.  

Sono chiare le parole di Musk. Il fondatore di Tesla ha una visione del DNA come un software!

Subito dopo afferma anche che, con sforzo non troppo eccessivo, sempre con l’RNA si possa fermare l’invecchiamento o renderlo reversibile: “Puoi in sostanza fare qualsiasi cosa avendo la giusta sequenza di DNA. Se vuoi puoi trasformare qualcuno in una farfalla avendo la giusta sequenza di DNA…i bruchi lo fanno”.  

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.557 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Viva il pensiero liberamente espresso!

“Possono tagliare tutti i fiori, ma non potranno fermare la primavera” – Pablo Neruda

Bravissimi ! Continuate a dire la verita’ e avremo un mondo migliore.


Mi piace l’idea di dare una mano alle piccole aziende : )

Grazie per il vostro preziosissimo lavoro

sempre la verità


mai schiavi

Sempre al fianco dell’informazione senza vincoli, contro ogni censura!

La verità è sempre se stessa quando non indossi una maschera. Oscar

#IOAPRO SCENDE IN PIAZZA – Giustino D’Uva #Byoblu24

#ioapro-scende-in-piazza-–-giustino-d’uva-#byoblu24

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

TG BYOBLU24 | 22 GENNAIO 2021 | EDIZIONE 19:00

tg-byoblu24-|-22-gennaio-2021-|-edizione-19:00

22-01-2021

Apriamo il tg parlando della bozza del piano pandemico 2021-2023. Un piano che si concentra soprattutto su una situazione definita di “scarsità delle risorse sanitarie”. Ma chi è davvero complice di questo disastro sanitario?

Uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science spiega che SARS COV2 potrebbe regredire a “fastidiosa malattia della prima infanzia”. La previsione è stata fatta sulla base dei dati epidemiologici e immunologici di altri virus e coronavirus che ancora oggi stanno circolando, come ad esempio Sars e Mers.

Elon Musk, da poco è diventato l’uomo più ricco al mondo, superando Jeff Bezos di Amazon. Ascoltiamo le dichiarazioni di Musk riguardo l’mRNA.

In Israele ci sarebbero stati 12 mila contagiati da Covid-19 tra i vaccinati con la prima e la seconda dose del vaccino Pfizer Biontech. Vediamo da vicino la situazione in Israele, dove il lockdown durerà fino al 31 gennaio.

L’entrata alla Casa Bianca di Joe Biden segna un deciso cambio di passo nella politica estera americana. La squadra presidenziale sarà infatti composta da diversi personaggi che nel tempo hanno espresso posizioni decisamente interventiste. Tornerà quindi l’America delle guerre preventive?

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.217 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Sempre al fianco dell’informazione senza vincoli, contro ogni censura!

La verità è sempre se stessa quando non indossi una maschera. Oscar

A tutto lo staff di Byobku: Il vostro lavoro è eccellente ed indispensabile per il risveglio delle coscienze.


Grazie per quello che fate

RITENGO giusto sostenere un’informazione libera, non allineata al pensiero unico dominante.

RICERCATORI USA: SARS-COV2 POTREBBE REGREDIRE A “FASTIDIOSA INFLUENZA”

ricercatori-usa:-sars-cov2-potrebbe-regredire-a-“fastidiosa-influenza”

La notizia rassicurante arriva dai ricercatori della Emory University e della Penn State University, negli Stati Uniti: il Covid-19 potrebbe trasformarsi, nel tempo, in una fastidiosa malattia della prima infanzia perdendo l’aggressività di oggi.

Gli studiosi, che hanno pubblicato il loro modello sulla prestigiosa rivista “Science”, pensano che nei prossimi dieci anni SarsCoV2 potrebbe diventare endemica, essere cioè presente costantemente tra la popolazione continuando a circolare a bassi livelli e causando sintomi modesti. Quello che già accade con la Sars, la Mers e altri coronavirus i cui dati epidemiologici e immunologici hanno rappresentato la base di questa nuova ricerca.

“Ci stiamo muovendo in un territorio inesplorato”, ammette il biologo Ottar Bjornstad della Penn State University che spiega come, una volta raggiunto lo stato endemico, il tasso di letalità di SARS-COV-2 potrebbe scendere al di sotto dell’influenza stagionale. Quanto tempo ci vorrà rimane però una incognita.

Necessaria la trasformazione in “malattia endemica”

Il passaggio da malattia pandemica a malattia endemica è fondamentale, perché questo accada è importante che si raggiunga prima possibile una immunità di gregge, spiegano i ricercatori.

Sulla questione, intervistata da Radio Radio, è intervenuta anche la dottoressa Maria Rita Gismondo, Direttore Responsabile di Microbiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano: “I coronavirus ci hanno già dato un’esperienza – ha detto – ne abbiamo quattro che circolano dando quello che è il comune raffreddore. È molto probabile che circolando nella popolazione umana si abitui alla convivenza e noi ci abituiamo alla convivenza con il virus”.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.217 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Sempre al fianco dell’informazione senza vincoli, contro ogni censura!

La verità è sempre se stessa quando non indossi una maschera. Oscar

A tutto lo staff di Byobku: Il vostro lavoro è eccellente ed indispensabile per il risveglio delle coscienze.


Grazie per quello che fate

RITENGO giusto sostenere un’informazione libera, non allineata al pensiero unico dominante.

PIANO PANDEMICO 2021-2023. LA SCARSITÀ DI RISORSE SANITARIE COME ASSIOMA E VACCINI EFFICACI

piano-pandemico-2021-2023.-la-scarsita-di-risorse-sanitarie-come-assioma-e-vaccini-efficaci
piano pandemico

È uscita la nuova bozza del piano pandemico 2021-2023 aggiornata al 18 gennaio.

Non è presente alcun riferimento a protocolli di cura efficaci e tempestivi, come quelli sperimentati con successo sul campo e redatti dai medici in prima linea o da Ippocrateorg, che prevedono l’utilizzo dell’idrossiclorochina in presenza di determinati sintomi e sotto il controllo medico. Purtroppo si tratta di una mancanza che non ci stupisce: le cure contro il covid19 sono un vero tabù per gli organi sanitari ufficiali, come il comitato tecnico scientifico e il Ministero della salute, nonché per larga parte dell’informazione ufficiale.

Il contesto di scarsità di risorse sanitarie

Il piano pandemico affronta il problema della scarsità delle risorse del sistema sanitario nazionale, che incide negativamente in una pandemia, visto che, si legge nel testo, medici e operatori sanitari potrebbero essere costretti a prendere “decisioni cliniche eticamente impegnative”: in poche parole decidere quale paziente curare e quale no.

La versione dell’11 gennaio prevedeva che si sarebbero dovuti curare in via preferenziale “i pazienti con maggiori probabilità di trarre benefici”.

Questo punto è stato cambiato. La nuova e ultima versione prevede che il medico deve agire in scienza e coscienza “valutando caso per caso”. Gli interventi devono basarsi sulle “evidenze scientifiche ed essere proporzionati alle condizioni cliniche”.

Chi sono i responsabili del “contesto di scarsità di risorse sanitarie”?

Ciò che stupisce maggiormente è che il piano pandemico parla di contesto di scarsità delle risorse sanitarie, come se questo fosse la cosa più normale del mondo. Il disastro sanitario e le carenze delle strutture ospedaliere, frutto di anni di tagli imposti da politiche neoliberiste di austerità, sono ormai date per scontate.

Certo, ovviamente, non spetta al piano pandemico affrontare annosi problemi economici, eppure, per uscir fuori dal contesto di scarsità delle risorse, basterebbe una banca centrale italiana che svolga la funzione per cui è stata creata: stampare moneta per incrementare le terapie intensive, i posti letti e il numero di medici e operatori sanitari.

Vaccini efficaci? Secondo il BMJ, mica tanto!

Il piano affronta poi il capitolo dei vaccini, definiti testualmente come le “misure preventive più efficaci, con un rapporto rischi/benefici particolarmente positivo”.

Viene dunque completamente ignorato lo studio del professor Peter Doshi, editorialista di punta del British Medical Journal che parla di un’efficacia dei vaccini di Pfizer e Moderna tra il 19% e il 29%.

Per non parlare poi del riferimento al rapporto tra rischi e benefici del vaccino!

Vorremmo sapere su quali basi lo affermano i redattori del piano, visto che gli stessi scienziati reclamano più dati grezzi per pronunciarsi sulla sicurezza dei vaccini e che le stesse case farmaceutiche, come Moderna, hanno detto che i dati saranno pubblici solo alla fine del 2022, cioè quando sarà terminata la fase di controllo.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.052 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

A tutto lo staff di Byobku: Il vostro lavoro è eccellente ed indispensabile per il risveglio delle coscienze.


Grazie per quello che fate

RITENGO giusto sostenere un’informazione libera, non allineata al pensiero unico dominante.

Resistenza ad oltranza. E verità.

LO SPETTACOLO È FINITO

lo-spettacolo-e-finito

di Adalberto Gianuario

Tra i settori maggiormente provati dall’anno appena trascorso si può senza’altro annoverare quello dello spettacolo: concerti, teatri, cinema hanno subito un tracollo senza precedenti per via di restrizioni che, a partire dagli stessi operatori, sono state percepite come incomprensibili, come ha riferito ai nostri microfoni il regista Moni Ovadia:

Io, quello che riguarda la cultura non riesco a capirlo in nessun modo, anche perchè poi ci sono settori che continuano a lavorare. Allora perchè penalizzare gli uni o gli altri? Mi sembra tutto fatto in modo generico e per non correre rischi.

Secondo i dati resi noti da Cinetel, il calo degli incassi nei cinema per l’anno 2020 ha raggiunto il -71,3%, numeri drammatici che raggiungono addirittura il -93% se si prende in considerazione il solo periodo che va dal primo giorno di chiusura delle sale alla fine dell’anno.

Teatri vuoti, ma il festival di Sanremo si fa

Se poi si tiene conto che, un po’ per via delle tecnologie di fruizione domestica, un po’ per via dei servizi di streaming, in Italia negli ultimi anni si è registrato uno stillicidio di sale cinematografiche, non è difficile prevedere che molti cinema non riaccenderanno mai più i propri proiettori.

Per quanto riguarda il teatro poi, i dati comunicati a novembre scorso dall’INPS mostrano un quadro ancora più fosco di quello del cinema, con un calo del fatturato addirittura del 97% nel 2020. Tuttavia, esistono delle eccezioni alle chiusure indiscriminate, ad esempio il prossimo festival di Sanremo, come ci dice Moni Ovadia:

Poi di colpo senti dire una cosa incomprensibile: facciamo il Festival di Sanremo col pubblico. Ma come? I teatri vuoti per mesi e mesi e poi si fa un festival con la presenza di pubblico? Per quale ragione?

È molto semplice, perché molto probabilmente ci sono interessi, allora questo non è giusto per l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge. Allora io dico: la cultura ci fa sentire una comunità nazionale e questo aiuta una società, non la demolisce”.

Artisti costretti a riadattare il lavoro su internet

Nel frattempo, il governo inglese ha lanciato una campagna che invita gli artisti dello spettacolo a riciclarsi nel mondo di internet. Un suggerimento che gli operatori d’oltremanica, con alle spalle magari anni di esperienza, di studio, di prove, di gavetta hanno trovato irricevibile e offensivo.

Tuttavia, è un ormai un dato di fatto che, anche in Italia, un numero enorme di professionisti è ormai costretto a ripiegare su altri lavori, quando è possibile. Sono il 27% di tutto il comparto del settore secondo l’INPS, in particolare giovani. Lo ha detto anche Michele Placido, intervenuto due giorni fa in Senato:

Voi capite che qui ci sono futuri attori, futuri, registi, futuri scultori, futuri creatori della nostra bellezza che in questo momento sono fermi, e non è solo un problema di mantenimento. Molti di loro adesso si arrangiano facendo i camerieri dove è permesso servire un caffè oppure le pulizie in un supermercato. Un generazione umiliata. Non so in quale altro paese civile potrebbe succedere tutto questo.

Mentre i “piccoli” piangono, le multinazionali incassano

Ormai abbiamo appreso che una delle regole di questa crisi è che mentre in molti piangono, in pochi ridono, e spesso anche molto. E il mondo dello spettacolo non fa eccezione. Se dunque diversi cinema, teatri, piccole produzioni, compagnie, gruppi musicali e orchestre saranno costrette a chiudere e a riciclarsi in altri lavori, i giganti dello streaming on line festeggiano incassi e quotazioni da record.

Un fenomeno che ha tanto il sapore di “Grande Reset“, auspicato dal World Economic Forum e dal Fondo Monetario Internazionale.

Netflix, il gigante californiano che accorpa produzione e distribuzione cinematografica on line, ha infatti appena comunicato i dati relativi al 2020, e sono da capogiro. 37 milioni di nuovi abbonati solo nell’anno appena trascorso e una quotazione in borsa che, tra luglio e ottobre scorso, ha toccato il proprio massimo storico: 575 dollari. Davvero un ottimo risultato se si pensa che all’esordio in borsa nel 2013 una singola azione Netflix valeva appena 13 dollari.

Una singola, gigantesca multinazionale che produce centinaia di film e serie televisive in quasi tutte le lingue del mondo e le distribuisce sulla propria piattaforma, rendendo di fatto superflue le sale cinematografiche. E’ questo lo spettacolo della nuova normalità?

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€81.052 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

A tutto lo staff di Byobku: Il vostro lavoro è eccellente ed indispensabile per il risveglio delle coscienze.


Grazie per quello che fate

RITENGO giusto sostenere un’informazione libera, non allineata al pensiero unico dominante.

Resistenza ad oltranza. E verità.

LA LOMBARDIA DICE NO AL PATENTINO DI IMMUNITÀ PER I VACCINATI

la-lombardia-dice-no-al-patentino-di-immunita-per-i-vaccinati

Il Consiglio regionale della Lombardia ha detto no al patentino di immunità. A larga maggioranza (16 voti favorevoli, 41 contrari e 7 astenuti), l’Aula ha bocciato la mozione presentata dalla consigliera dei Lombardi Civici Europeisti Elisabetta Strada che chiedeva di impegnare la giunta regionale ad introdurre una certificazione di avvenuta vaccinazione anti Covid consentendo, solo ai vaccinati, di partecipare ad eventi pubblici come concerti, partite di calcio o anche di poter liberamente prendere i mezzi pubblici o ancora frequentare cinema e palestre

“L’obiettivo era quello di contribuire a limitare l’epidemia e incentivare il più possibile le persone a vaccinarsi – ha spiegato dopo il voto Elisabetta Strada – Avevo ottenuto personalmente il parere positivo dell’assessore Moratti, ma invece in Aula il sottosegretario Fabrizio Turba ha sbugiardato il suo assessore. La nuova giunta si presenta nel peggiore dei modi”.

“Non possiamo porre nei ghetti chi non vuole vaccinarsi”

In Aula tutto il centrodestra ha votato compatto contro la mozione, determinante il ruolo giocato dalla Lega fortemente contraria all’idea di un patentino di immunità per i vaccinati anti Covid.


“L’idea di questo patentino ricorderebbe un marchio da dare alle persone, cosa che noi non vogliamo assolutamente fare. Ricordo che vaccinarsi è su base volontaria e quindi noi non possiamo porre nei ghetti chi non vuole farlo”, ha detto il consigliere regionale della Lega Massimiliano Bastoni.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€80.662 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

IL SURREALE GIURAMENTO DI JOE BIDEN – Fulvio Grimaldi #Byoblu24

il-surreale-giuramento-di-joe-biden-–-fulvio-grimaldi-#byoblu24

Byoblu ha incontrato Fulvio Grimaldi per commentare il varo della nuova amministrazione americana. Mentre il nuovo presidente USA prestava giuramento sulla scalinata di Capitol Hill, Donald Trump lasciava la Casa Bianca con un consenso più solido che mai e un’immagine rafforzata di baluardo contro l’establishment globalista: “ha subito una persecuzione che lo ha quasi reso un martire, e i martiri hanno assunto spesso, nel corso della storia, il peso di guide morali. Al contrario, il neo presidente Joe Biden è una figura scadente, con tutti gli scandali che coprono lui e la sua famiglia. La sua cerimonia di inaugurazione ha assunto i contorni di una restaurazione, paragonabile a quella del 1815, quando le grandi potenze europee si riunirono per ristabilire il loro dominio sui popoli”.

Nel frattempo, a parte pochissime eccezioni, la stampa mondiale saluta l’insediamento di Biden come un “ritorno alla democrazia”. Se si vanno però a leggere i curricula delle figure chiave della nuova amministrazione la percezione che se ne ricava è tutt’altro che rassicurante. Il nuovo segretario di Stato, Antony Blinken, è stato un vigoroso sostenitore delle “Primavere Arabe”, come riporta lo stesso Barack Obama nella sua autobiografia, ed è stato anche a favore dell’intervento militare americano contro Bashar al-Assad, che poi Obama si rifiutò di compiere. Janet Yellen, segretaria al tesoro, ha invece incassato 7 milioni di euro solo negli ultimi mesi, grazie ai suoi interventi alle convention delle principali banche e fondi speculativi del mondo.

“Pur con tutti i suoi difetti, Donald Trump si è messo di traverso rispetto all’agenda del Grande Reset e del Nuovo Ordine Mondiale. Assistiamo a una divisione che ormai spacca in due non solo gli Stati Uniti ma il mondo intero. Con le forze della globalizzazione che vogliono arrivare a una riconfigurazione della società, a una omologazione indiscriminata e una de-identificazione dell’essere umano, secondo i desiderata degli oligarchi di Davos, della Trilateral e di altri organismi oscuri”, conclude Grimaldi.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€80.662 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

I 100 ANNI DEL PARTITO COMUNISTA ITALIANO. CHE COSA RIMANE DI QUELL’ESPERIENZA?

i-100-anni-del-partito-comunista-italiano.-che-cosa-rimane-di-quell’esperienza?
I 100 ANNI DEL PARTITO COMUNISTA ITALIANO. CHE COSA RIMANE DI QUELL'ESPERIENZA?

Chissà se quel 21 gennaio 1921 i convenuti al teatro Goldoni di Livorno avrebbero mai immaginato che il partito che stavano fondando sarebbe diventato la forza politica comunista più grande del mondo occidentale.

Benché la storia del PCI si sia interrotta dopo settant’anni dalla fondazione, quando al congresso di Rimini del 31 gennaio 1991 la mozione di Achille Occhetto e Massimo D’Alema ha dato il via alla creazione di quello che diventerà il Partito democratico della sinistra, oggi il PCI festeggerebbe i suoi 100 anni.

Dei primi anni, quando il partito si chiamava Partito comunista d’Italia, si ricordano le figure di Antonio Gramsci e Palmiro Togliatti. I due daranno un’identità al comunismo italiano. Il primo sul fronte filosofico e culturale, il secondo, soprannominato “il migliore”, fu l’artefice della partecipazione dei comunisti alla stesura della Costituzione italiana e ai primi governi del dopoguerra.

Le scelte di Togliatti, che prospettava una “via italiana al socialismo”, non tardarono a provocare opposizioni all’interno del partito. La più rumorosa fu quella di Pietro Secchia, esponente della linea dura, quella che si opponeva a qualunque compromesso con la Democrazia cristiana e considerava la lotta armata una necessità per l’istaurazione del comunismo in Italia.

La linea istituzionale e quella rivoluzionaria continuarono a coesistere nel partito fino al ’68 e per tutti gli anni Settanta, quando il terrorismo di destra e di sinistra insanguinò l’Italia e il Partito comunista si trovò non di rado sotto i riflettori, accusato di avallare, seppur in maniera non esplicita, le azioni dei terroristi, in particolare delle Brigate rosse.

Nel frattempo, dal 1972, si inaugura l’era di Enrico Berlinguer, probabilmente il segretario più amato dai militanti comunisti. Il nuovo segretario si contraddistingue da subito per le sue scelte provocatorie. Da un lato il compromesso storico, ovvero un’alleanza politica con la DC di Aldo Moro che avrebbe dovuto portare i comunisti al governo, cosa che di fatto non avvenne, anche a causa della morte di Aldo Moro, allora presidente del partito, ufficialmente ucciso dalle Brigate rosse, ma su cui ancora oggi si addensano numerosi dubbi.

Dall’altro l’eurocomunismo, un avvicinamento tra i partiti comunisti occidentali per la creazione di un’alternativa socialista all’influenza sovietica. La cosa non fece piacere alla nomenklatura sovietica che vedeva in questa mossa un tentativo inaccettabile di allontanamento dall’ortodossia marxista-leninista.

I progetti di rinnovamento politico e morale di Berlinguer si arrestano con la sua improvvisa scomparsa nel 1984, un evento molto sentito che si tradurrà nel famoso sorpasso alla Democrazia cristiana durante elezioni europee del 1984, quando il partito comunista ottenne il 33,3%, quasi 12 milioni di voti.

Alla fine degli anni Ottanta, con il crollo dell’Unione sovietica, si impone un serrato dibattito all’interno del partito. Continuare con il comunismo, oppure aprirsi ad altre suggestioni? La seconda ipotesi prende il sopravvento non senza tribolazioni interne. Dal congresso del 1991 infatti il partito si spacca ed emergono il Partito democratico della sinistra e Rifondazione comunista.

La fine del comunismo fu per molti militanti il crollo di un mito, la fine di un’epoca. Che cosa rimane oggi di quell’esperienza?

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€79.837 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Byoblu sarà il canale d’informazione più seguito di tutta Italia!

Abbiamo bisogno di gente come voi.

Mai mollare; c’è la giustizia dalla ns parte ….

Complimenti per il lavoro che fate !

Tenete duro! Siamo con voi.

Sono molto preoccupato per la deriva autoritaria che ci tocca vivere.


Pur troppo mi ha toccato vivere sotto una dittatura militare in… Leggi tutto

Siete fantastici andate avanti così.