FÒREMA, GESTIONE DEI BANDI: DIECI MILIONI DI EURO PER GLI IMPRENDITORI VENETI

    0
    1

    Bilancio 2022, continua a crescere l’ente di formazione con sede a Padova, fatturato a 7,7 milioni di euro (+10%). Oltre 26 mila persone formate nel corso dell’anno, aumentano anche le ore erogate per i corsi. La tendenza: sempre più richieste in ambito green e innovazione. Il direttore generale, Matteo Sinigaglia: “Il Governo rinnovi le misure dedicate all’industria 4.0 e alla trasformazione sostenibile”

     

    Ogni azienda che si rivolge a Fòrema ha la possibilità di accedere ad agevolazioni economiche per sostenere i progetti di formazione e consulenza. La società di formazione dell’ecosistema confindustriale veneto nel corso dell’ultimo anno ha messo in campo la capacità tecnica di realizzare i progetti e di indirizzare le scelte strategiche di crescita delle aziende facendo ottenere circa dieci milioni di euro di contributi pubblici ad un migliaio di imprenditori, che hanno sviluppato progetti molto differenti tra di loro.

    “Riteniamo che nel bilancio della nostra attività questo sia il valore più importante”, dichiara il direttore generale, Matteo Sinigaglia. “Stiamo restituendo al territorio quei contributi pubblici di cui tanto si parla e che spesso vanno persi. Penso ad esempio al Pnrr e a quanti soldi siano potenzialmente a disposizione delle imprese per rendere il nostro tessuto industriale più competitivo. Ma anche ai bandi connessi all’industria 4.0: sono stati leva abilitante per cambiare molte nostre aziende che dal tornio analogico sono passate alla filiera dell’automotive con strumenti digitali di controllo della produzione. Erano deduzioni fiscali, aiutavano solo chi voleva veramente far crescere la propria azienda. Tali misure dovrebbero essere riproposte”. 

    Per Fòrema il core business è la formazione: mettendo i partecipanti ai vari corsi tutti insieme formerebbero un paese di medie dimensioni. Sono infatti 26.368 le persone che durante il 2022 hanno seguito corsi di formazione organizzati da Fòrema. Tra corsi in presenza e in remoto, aggiornamenti e iniziative ad hoc l’anno si è concluso con un nuovo record: nel 2021 furono 24.314 (+14% sul 2020), un dato che segna dunque una nuova crescita del 9% di chi si rivolge a Fòrema per trovare una nuova occupazione o per entrare nel mondo del lavoro con le skill necessarie. In tutto, sono state erogate più di quarantamila ore (precisamente 41.641) in corsi di vario genere, con una crescita del 7,5%. Grazie a questi numeri, per Fòrema il 2022 si chiude con un fatturato a 7,7 milioni di euro, con un balzo in avanti del 10% rispetto all’anno scorso (quando si era già registrato un +12% sui 6,3 milioni del 2020). 

    Per quanto riguarda i trend e le aree di interesse delle aziende che si rivolgono a Fòrema, va evidenziato che sempre più ci si sta focalizzando sulla Lean & digital transformation (+33% sull’anno prima) pur mantenendo alto l’interesse per le soft skills (+12%) e per la sicurezza (+10%). Un discorso a parte merita il tema della sostenibilità, che ha fatto registrare un +26% anche grazie ad una accelerazione dovuta alla crisi energetica. Visti gli aumenti dei costi, infatti, molte aziende si sono dovute preoccupare di formare i propri dipendenti. Un caso su tutti è quello dell’energy manager, figura specializzata nel controllare i flussi e i costi dell’energia in un’azienda, macchinario per macchinario. Una professione praticamente inesistente prima della guerra in Ucraina, che invece adesso è tra le più ambite nelle aziende. Fòrema ne ha formati un centinaio, ma le richieste continuano ad arrivare. 

    “Altro ambito di estremo interesse nel corso dell’anno è stato quello della formazione tecnica in ambito digital”, spiega Sinigaglia. “I corsi per formare gli “hacker buoni”, ossia quei tecnici informatici capaci di respingere gli attacchi dei pirati del web hanno generato un piccolo esercito di 400 persone che adesso stanno mettendo le loro competenze nel difendere le aziende on line. Tra le altre attività portanti dell’anno di Fòrema, la decisione di avviare il progetto per la collana “Strategie”, una serie di pubblicazioni dedicate ai manager. Ma proseguono anche le survey con le quali l’ente padovano indaga nel mondo del lavoro per scoprire i nuovi trend e per poi realizzare le proposte formative ad hoc per le aziende. “Va detto che notiamo sempre più l’esigenza di fornire piccole pillole di formazione on line per le aziende, composte da corsi anche di soli 5 minuti su un argomento specifico che i lavoratori possono guardare quando preferiscono”. 

    Il tutto dai 1.700 metri quadri nel centro direzionale “La Cittadella”, sull’asse dove si stanno localizzando le aziende più innovative del Padovano. Un investimento da 2,5 milioni di euro portato a termine nel 2021 e che garantirà all’azienda di acquisire valore e di ridare forma agli spazi dove oggi lavorano i 48 dipendenti guidati dal consiglio di amministrazione presieduto da Enrico Del Sole e composto dall’amministratore delegato Luca Passadore e dal direttore generale Matteo Sinigaglia e che adesso sta valutando progetti green friendly di alcuni studi di architettura per rivoluzionare gli spazi aziendali.

     

     

    FÒREMA – Nata a Padova nel 1983 in seno all’Associazione degli Industriali con l’obiettivo di formare i propri associati, dal 2012 ha iniziato a concentrarsi nella formazione esperienziale applicata allo sviluppo delle persone e alla lean production. Dopo la separazione da Niuko (la Srl costituita nel 2014 da Confindustria Padova e Confindustria Vicenza), completata nel 2019, e il conferimento della società ad Assindustria Venetocentro, oggi Fòrema si basa sul lavoro di sessanta professionisti, chiamati a proporre e gestire corsi e attività di consulenza con focus su salute, sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro, ambiente (HSE), sviluppo organizzativo e  metodologia lean nelle smart factory, soft skills e formazione esperienziale, servizi per il lavoro. Fòrema lavora in partenariato con molteplici enti pubblici, in particolare segue progetti per la scuola, gli ITS e l’Università di Padova. Questi sono i numeri che la rendono una delle maggiori società di formazione del sistema Confindustria in Italia. Nel corso del 2022 sono state 26.368 (+9% sul 2021) le persone che hanno seguito corsi di formazione (nel 2021 furono 24.314; +14% sul 2020). In tutto, sono state erogate 41.641 ore in corsi di vario genere, con una crescita del 7,5% sul 2021. Grazie a questi numeri, per Fòrema il 2022 si chiude con un fatturato a 7,7 milioni di euro, con un balzo in avanti del 10% rispetto all’anno scorso (quando si era già registrato un +12% sui 6,3 milioni del 2020).  Fòrema, che ha sede negli uffici di proprietà collocati nel centro direzionale “La Cittadella” di Padova, nel 2022 ha fatturato 7,7 milioni di euro (+10% sul 2021); occupa 45 persone e collabora con decine di professionisti. Il consiglio di amministrazione è guidato dal direttore generale Matteo Sinigaglia, ed è composto da Roberto Baldo, responsabile attività finanziate, Giada Marafon, responsabile progetti a mercato, Anna Cracco, responsabile commerciale e Andrea Sanguin, responsabile amministrazione, finanza e controllo. Presidente è Enrico Del Sole.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.