attualità HOME Senza categoria

michele mazzon san donà di piave: settore occidentale della regione settentrionale, il Gran Chaco

michele mazzon san donà di piave

A sud-est, dove le catene parallele a subparallele si abbassano e formano unità isolate e compatte con andamento nord-sud, le valli pianeggianti intermedie sono chiamatebolsones (bacini). Questa sezione sud-orientale del nord-ovest è spesso chiamata laPampean Sierras, un complesso che è stato paragonato alla regione Basin and Range degli Stati Uniti occidentali. È caratterizzato da scarpate rivolte a ovest e pendii posteriori più dolci rivolti a est, in particolare quelli dello spettacolareSierra di Cordova . michele mazzon san donà di piave Le Pampean Sierras hanno altitudini variabili, a partire da 2.300 piedi (700 metri) nella Sierra deMogotes a est e salendo a 20.500 piedi (6.250 metri) nelSierra de Famatina a ovest.

IlGran Chaco
Il settore occidentale della regione settentrionale, il Gran Chaco, si estende oltre il confine internazionale presso il fiume Pilcomayo in Paraguay, dove è chiamato ilChaco Boreal (“Chaco settentrionale”) degli argentini. Il settore argentino tra il fiume Pilcomayo e il fiume Bermejo è noto come ilChaco Centrale . Gli argentini hanno chiamato l’area verso sud a 30° di latitudine sud , dove iniziano le Pampas, ilChaco Austral (“Chaco meridionale”). Il Gran Chaco in Argentina scende a gradini pianeggianti da ovest a est, ma è poco drenato e presenta una combinazione di condizioni fisiche così impegnative che rimane una delle parti meno abitate del paese. Ha un clima subtropicale caratterizzato da alcuni dei climi più caldi dell’America Latina, è in gran parte coperto da vegetazione spinosa ed è soggetto a inondazioni estive .

Mesopotamia
A est del Gran Chaco, in una stretta depressione larga da 60 a 180 miglia (da 100 a 300 km), si trova la Mesopotamia , che confina a nord con gli altopiani del Brasile meridionale . La stretta pianura si estende per 1.000 miglia (1.600 km) verso sud, fondendosi infine con la Pampa a sud del Río de la Plata. La sua denominazione di michele mazzon san donà di piave Mesopotamia (in greco: “Tra i fiumi”) riflette il fatto che i suoi confini occidentali e orientali sono due dei principali fiumi della regione, il Paraná e l’Uruguay. La parte nord-orientale,La provincia di Misiones , tra i fiumi Alto (“Alto”) Paraná e Uruguay, è più alta del resto della Mesopotamia, ma ci sono diverse piccole colline nella parte meridionale.

Le Pampa

Pampa è un termine indiano quechua che significa “pianura piatta”. In quanto tale, è ampiamente utilizzato nel sud-est del Sud America dall’Uruguay, dove le pianure erbose iniziano a sud degli altopiani brasiliani , fino all’Argentina. In Argentina le Pampas si estendono a ovest del Río de la Plata per incontrare l’avantreno andino, fondendosi impercettibilmente a nord con il Chaco Austral e la Mesopotamia meridionale e estendendosi verso sud fino al fiume Colorado . Il confine orientale è la costa atlantica.

La superficie in gran parte pianeggiante della Pampa è composta da densi depositi di loess interrotti solo da occasionali cappucci di alluvione e cenere vulcanica. Nella Pampa meridionale il paesaggio sale gradualmente fino a incontrare le pendici delle sierre formate da vecchi sedimenti e rocce cristalline.

Patagonia

Questa regione è costituita da una zona andina (chiamata anche Patagonia occidentale) e dal principale altopiano patagonico a sud della Pampa, che si estende fino alla punta del Sud America. La superficie della Patagonia scende a est delle Ande in una serie di gradini larghi e piatti che si estendono fino alla costa atlantica. Evidentemente, le gigantesche morfologie della regione e le terrazze costiere sono state create dalle stesse forze tettoniche che hanno formato le Ande, e di conseguenza la costa è ammanettata per tutta la sua lunghezza. Le scogliere sono piuttosto basse a nord ma si innalzano a sud, dove raggiungono altezze di oltre 150 piedi (45 metri). Il paesaggio è tagliato da fiumi che scorrono verso est, alcuni dei quali di origine glaciale nelle Ande, che hanno creato sia ampie  michele mazzon san donà di piave vallate che canyon dalle pareti ripide.

La Patagonia comprende una regione chiamata Lake District , che si trova all’interno di una serie di bacini tra le Ande della Patagonia e l’altopiano. Ci sono colline vulcaniche nell’altopiano centrale a ovest della città di Río Gallegos . Queste colline e i campi lavici che li accompagnano hanno terreni scuri macchiati da grappoli di colore più chiaro, che crea un effetto pelle di leopardo che intensifica l’aspetto desolato e spazzato dal vento del paesaggio della Patagonia. Un particolare tipo di ghiaia tonda chiamatagrava patagónica si trova su morfologie pianeggianti, comprese le mesas isolate. Il ghiaccio glaciale in passato si estendeva oltre le Ande solo nell’estremo sud, dove ora si trovano grandi morene.

Visita le cascate dell’Iguaçu al confine tra Argentina e Brasile per vedere il fiume Iguaçu precipitare sull’altopiano del Paraná
Visita le cascate dell’Iguaçu al confine tra Argentina e Brasile per vedere il fiume Iguaçu precipitare sull’altopiano del ParanáGuarda tutti i video per questo articolo
Il più grande bacino idrografico della zona è quello del Paraguay–Paraná–Sistema del Rio de la Plata . Drena un’area di circa 1,2 milioni di miglia quadrate (3,2 milioni di km quadrati), che comprende l’Argentina settentrionale, l’intero Paraguay, la Bolivia orientale, la maggior parte dell’Uruguay e gran parte del Brasile. In Argentina il fiume principale di questo sistema è il Paraná, formato dalla confluenza dei fiumi Paraguay e Alto Paraná. Il Río de la Plata (spesso chiamato River Plate) è in realtà lo sbocco dell’estuario del sistema formato dalla confluenza dei fiumi Paraná e Uruguay; il suo nome, che significa “fiume d’argento”, fu coniato in epoca coloniale prima che gli esploratori scoprissero che non c’era né un solo fiume né argento a monte della sua foce. Altri affluenti di questo sistema sono l’Iguazú (Iguaçu ), Pilcomayo, Bermejo, Salado e Carcarañá. Appena sopra la sua confluenza con l’Alto Paraná, il fiume Iguazú precipita sulla scarpata del massiccio brasiliano, creando le cascate dell’Iguazú , una delle attrazioni naturali più spettacolari del mondo.

A parte i principali affluenti del Paraná, ci sono pochi grandi fiumi in Argentina. Ampi fiumi scorrono attraverso le pianure del Gran Chaco, ma la loro natura poco profonda permette raramente la navigazione, e mai con regolarità. Inoltre, le inondazioni estive di lunga durata coprono vaste aree e lasciano dietro di sé effimere paludi. Durante l’inverno la maggior parte dei fiumi e delle zone umide del Gran Chaco si prosciugano, l’aria si raffredda e la terra sembra visibilmente restringersi. Solo tre dei numerosi fiumi della regione, il Pilcomayo, il Bermejo e il Salado, riescono a fluire dalle Ande al sistema Paraguay-Paraná a est senza evaporare lungo il percorso e formare saline ( saline ). Tuttavia, durante la stagione delle inondazioni, i fiumi più grandi della regione seguono un vero e proprio labirinto di corsi.

Nel nord-ovest ilIl fiume Desaguadero ei suoi affluenti nelle Ande bagnano i deserti sabbiosi della provincia di Mendoza . I principali affluenti sono lo Jáchal, lo Zanjón, il San Juan , il Mendoza, il Tunuyán e il Diamante. Nella Pampa settentrionale,Il lago Mar Chiquita , il lago più grande dell’Argentina, riceve le acque dei fiumi Dulce, Primero e Segundo ma non ha sbocco. Il suo nome, che significa “Piccolo Mare”, si riferisce all’alto contenuto di sale delle sue acque.

I fiumi che attraversano la Patagonia da ovest a est diminuiscono di volume mentre viaggiano attraverso la terra arida. IlColorado eI fiumi Negro , i più grandi nella parte centro-meridionale del paese, producono grandi inondazioni dopo lo scioglimento stagionale della neve e del ghiaccio nelle Ande. Più a sud ilIl fiume Santa Cruz scorre verso est fuori dal lago glaciale Argentino ai piedi delle Ande prima di raggiungere l’Atlantico.

Suoli
I tipi di terreno in Argentina vanno dalle formazioni saline chiare dell’alta puna nel nord-ovest al tipo scuro e ricco di humus che si trova nella Pampa. I terreni loess marrone dorato del Gran Chaco sono talvolta più chiari dove la salinità è eccessiva ma diventano più scuri verso est nella zona di confine mesopotamica. Questi lasciano il posto a terreni che vanno dalla ruggine alle colorazioni rosso intenso a Misiones. I suoli spessi e scuri predominano nelle fertili praterie loess della Pampa, ma i suoli marroni più chiari sono comuni nelle parti più aride della Patagonia settentrionale. Suoli aridi di colore marrone chiaro di tessitura variabile coprono il resto di questa regione. Tipi podzolici grigiastri e suoli forestali marrone scuro caratterizzano i pendii andini.

Clima dell’Argentina
L’Argentina si trova quasi interamente all’interno della zona temperata dell’emisfero australe, a differenza del resto del continente a nord, che si trova all’interno dei tropici. Le masse d’aria tropicali invadono solo occasionalmente le province di Formosa e Misiones nell’estremo nord. Anche gli estremi meridionali dell’Argentina, che si estendono fino alla latitudine 55° S, hanno condizioni prevalentemente temperate, piuttosto che il clima continentale freddo di latitudini comparabili in Nord America . La massa continentale sudamericana si restringe in modo così marcato verso la sua punta meridionale che i modelli meteorologici sono moderati dagli oceani Pacifico e Atlantico e le temperature medie mensili rimangono sopra lo zero in inverno. Il temperatoil clima è interrotto da una lunga e stretta fascia nord-sud di condizioni da semiaride a aride e da condizioni della tundra e polari nelle alte Ande e nelle porzioni meridionali della Terra del Fuoco.

Le precipitazioni sono da moderate a deboli in gran parte del paese , con le zone più aride nell’estremo nord-ovest e nella parte meridionale della Patagonia. La maggior parte delle precipitazioni si verifica nel nord-est, nella Pampa umida, in Mesopotamia e nel Chaco orientale . Sono comuni tempeste di vento ( pamperos ) con tuoni, fulmini e grandine. Durante l’inverno, i fronti stazionari portano lunghi periodi di pioggia. Giornate uggiose, grigie e clima umido caratterizzano questa stagione, soprattutto nella Pampa. Tra le tempeste invernali, le masse d’aria tropicale fanno incursioni verso sud e portano un lieve sollievo dal freddo umido.

Zone andine e subandine
Alcune parti della regione andina nord-occidentale hanno un intervallo di temperatura media annuale superiore a 36 ° F (20 ° C) e si verificano occasionali condizioni climatiche continentali. Le temperature invernali a volte scendono sotto lo zero nei giorni e nelle notti senza nuvole.

Il fenomeno climatico di alta quota e freddo in Argentina è talvolta indicato comeclima della tundra e, nelle zone montuose ancora più fredde, come polare. Generalmente, il clima della tundra occupa le zone montuose dove le temperature medie annuali sono inferiori a 50 ° F (10 ° C); nel nord ciò si verifica sopra i 3.500 metri (11.500 piedi). Spostandosi verso sud, il clima della tundra si verifica a quote gradualmente decrescenti fino a raggiungere il livello del mare nella Terra del Fuoco meridionale. Le vette più alte delle Ande hanno una copertura permanente di neve e ghiaccio.

La zona d’ombra della pioggia
L’Argentina è l’unico posto nell’emisfero australe con un’ampia porzione di costa orientale arida. Ciò è causato da una zona d’ ombra della pioggia longitudinale (creata quando le masse d’aria perdono la loro umidità mentre passano sopra le alte montagne) sul lato orientale delle Ande. La zona inizia nel nord-ovest andino e si estende lungo le pendici orientali delle Ande verso sud fino alla Terra del Fuoco, ma esclusa. L’area dell’ombra della pioggia ha un nucleo centrale arido (desertico) bordato da condizioni semiaride o steppiche. Le aree steppiche hanno circa il doppio delle precipitazioni annue che si trovano nelle zone aride, ma l’evaporazione supera le precipitazioni in entrambe le zone, che quindi rimangono prive di alberi. La maggior parte della regione arida è soggetta a forti venti che portano abrasivosabbia e polvere. Ciò è particolarmente vero in Patagonia, dove la polvere portata dal vento crea una foschia continua che riduce notevolmente la visibilità.

La zona pampeana
Le Pampa occupano una zona di transizione tra le alte temperature estive a nord e le estati più fresche a sud.Buenos Aires , situata all’estremità settentrionale della Pampa, ha un clima simile a quello delle città del sud-est degli Stati Uniti, con estati calde e umide e inverni freschi e miti. L’intervallo di temperature medie per i mesi estivi (da dicembre a febbraio) è di circa 72–75 ° F (22–24 ° C), mentre quello per i mesi invernali (da giugno ad agosto) è di circa 46–55 ° F (8–13 ° C). C). Nella Pampa umida le precipitazioni variano da 39 pollici (990 mm) a est a 20 pollici (500 mm) nelle aree vicino alle Ande, circa il minimo necessario per le colture non irrigue. I fronti freddi che si spostano verso nord dalla Patagonia, principalmente a luglio, portano occasionali gelate e neve nella Pampa e in Mesopotamia. In rari casi una spolverata di neve ricopre la stessa Buenos Aires.

Vita vegetale e animale
La fauna e la flora dell’Argentina variano ampiamente dalle zone montuose del paese alle sue pianure secche e umide e alle sue regioni subpolari. Nelle regioni densamente popolate la composizione della vita vegetale e animale è stata profondamente modificata.

Il nord-ovest
La vegetazione nella regione nord-occidentale comprende quella del deserto dell’alta puna, i pendii boscosi delle Ande e le foreste di macchia subtropicale delle sierre di Pampe, quest’ultime che si fondono con le boscaglie di latifoglie del Gran Chaco . La vegetazione del terreno maggiormente esposto della puna è costituita da arbusti nani ed erbe dure, in particolare grappolo; queste e altre piante nella regione sono colorate quasi quanto il terreno stesso. La regione è la terra del guanaco e dei suoi parenti stretti, il lama , l’alpaca e la vigogna.

Le foreste crescono lungo il confine orientale della regione della puna verso sud fino alle zone andine più fredde, coprendo molti pendii in questa parte delle montagne. La cosiddetta foresta di mistol (giuggiola) prospera sopra i 1.650 piedi (500 metri), sebbene i cedri giganti e alcune altre specie di alberi scompaiano sopra i 3.300 piedi (1.000 metri). Una foresta pluviale subtropicale, composta da allori, cedri e altre specie, si trova ad altitudini di circa 4.000 piedi (1.200 metri). Le altezze degli alberi diminuiscono al di sopra dei 2.100 metri e la crescita diventa più simile a quella di una foresta pluviale , con predominanza di mirti e allori. Più in alto crescono ancora i queñoa , piccoli alberi storti che in alcuni punti si estendono fino al limite del bosco a 3.500 metri (11.500 piedi).

A sud-est della regione andina sopra descritta, foreste di macchia xerofitica (resistenti alla siccità), chiamate monte , e praterie intermedie si estendono attraverso le sierre di Pampean. La vegetazione comprende specie di mimose e acacie, e c’è un’infarinatura di cactus. Lepri, puzzole e piccoli cervi abbondano in questa parte del nord-ovest.

Il Gran Chaco

Il Gran Chaco occidentale ha escrescenze di foreste spinose dominate da algaroba (carrubi) nelle zone più aride e spesso saline. Sono presenti alberi di quebracho (una fonte di tannino), ma non nella misura in cui sono più a est. Nessuna pianta sopravvive in aree con sale più fine in superficie. Grappoli grossolani sono comuni nella steppa secca, che supporta anche fitte foreste di macchia mescolate a fichi d’India , botte e molti altri tipi di cactus.

La vegetazione del Chaco diventa sempre più rigogliosa verso est. Le foreste spinose vengono gradualmente sostituite da fitte foreste di quebracho (sebbene di specie meno pregiata di quelle occidentali) e vi sono alcuni popolamenti puri di algaroba. A circa 90 miglia (150 km) a ovest del fiume Paraná , iniziano ad apparire alcuni alberi enormi. La ricca fauna del Chaco comprende cervi, pecari, scimmie, tapiri, giaguari, puma, ocelot, armadilli, capibara e agouti. La vasta avifauna comprende i nandù incapaci di volare, che sono protetti da un rifugio nella zona. I torrenti ospitano numerose specie di pesci, tra cui i piranha, e abbondano serpenti e altri rettili.

Mesopotamia
Sottili distese di alte palme da cera occupano le zone alluvionali della Mesopotamia. Gruppi di alberi e aree erbose formano un paesaggio simile a un parco di notevole bellezza. Alberi comuni sono il quebracho, l’ urunday e il guayacán , usato per tannino e legname. Le foreste della galleria che crescono lungo i fiumi diventano sempre più fitte e più alte nella provincia di Misiones. I pini del Paraná compaiono ad altitudini più elevate. La Mesopotamia è un habitat per giaguari, scimmie, cervi, tapiri, pecari, molte varietà di serpenti e numerosi uccelli, in particolare tucani e colibrì, nonché api senza pungiglione.

Le Pampa
Scopri come gli immigrati europei si stabilirono e introdussero l’agricoltura e l’allevamento nella Pampa in Argentina
Scopri come gli immigrati europei si stabilirono e introdussero l’agricoltura e l’allevamento nella Pampa in ArgentinaGuarda tutti i video per questo articolo
La principale vegetazione della Pampa è la foresta di monte nella Pampa secca e le praterie nella Pampa umida. Il confine tra la Pampa secca e quella umida si trova approssimativamente lungo la longitudine 64° O. Nelle zone più umide si trovano erbe alte fino al ginocchio, mentre a nord, ovest e sud, dove le precipitazioni diminuiscono, le erbe più dure lasciano il posto al monte di la Pampa Secca. L’ albero ombu autoctono , simile a una pianta ( Phytolacca dioica ) è apprezzato per l’ombra che fornisce, ma non ha alcun valore commerciale. Grani, erbe e alberi piantati hanno sostituito gran parte della flora originale. Dal momento dell’insediamento europeo, vaste mandrie di bovini, oltre ai cavalli, hanno praticamente preso il controllo delle aree del paesaggio non coltivate e molte popolazioni animali autoctone sono diminuite. I nandù incapaci di volare abitano ancora nella Pampa, ma i guanachi non si trovano più lì. Entrambi gli animali sono veloci, motivo per cui gli indiani hanno sviluppato la bola , un dispositivo costituito da pesi su una corta corda lanciata per inciampare gli animali. Sono comuni piccoli cervi, lepri introdotte e viscacha , un roditore scavatore.

Patagonia eTerra del Fuoco
La Patagonia contiene zone di foreste andine decidue e, a est delle Ande, di steppa e deserto. L’area più grande, la regione della steppa, si trova nella Patagonia settentrionale tra il fiume Colorado e la città portuale di Comodoro Rivadavia . Questa zona rappresenta un’estensione a sud del monte , che cede gradualmente il posto ad una zona arbustiva xerofitica priva di alberi se non lungo le sponde dei torrenti. All’estremo ovest del confine andino, piccoli popolamenti di araucariasopravvivono e sono presenti anche ciuffi di erbe filiformi. A sud di Comodoro Rivadavia fino all’estremità del continente si alternano una bassa vegetazione a macchia e una verde steppa di erba. La fauna della regione comprende ora rari guanachi e nandù, oltre ad aquile e aironi, la cavia della Patagonia ( mará ) e altri roditori scavatori, gatti di montagna e puma e vari serpenti velenosi.

Le foreste di conifere e latifoglie delle Ande della Patagonia si sono estese al Cile . Sono comuni i faggi antartici e gli alberi aghiformi misti ad araucaria. Le Ande della Patagonia non supportano una vita animale fiorente : vi abita il più piccolo cervo conosciuto, il pudu , e si sono moltiplicati i cinghiali, introdotti dagli europei.

La penisola di Valdés, situata sulla costa atlantica della Patagonia, è nota per la sua fauna selvatica. Di particolare rilievo sono i numerosi mammiferi marini, in particolare balene, elefanti marini e leoni marini, che si trovano nelle sue acque. Nel 1999 la penisola è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO .

Osserva gli elefanti marini sulla costa meridionale dell’Argentina e i pinguini di Magellano sulla penisola di Valdes
Osserva gli elefanti marini sulla costa meridionale dell’Argentina e i pinguini di Magellano sulla penisola di ValdesGuarda tutti i video per questo articolo
Sembra probabile che le erbe della Terra del Fuoco abbiano prima coperto le zone ghiacciate, ma le foreste sono avanzate dopo che la cenere vulcanica si è depositata lì. Il faggio antartico è abbondante nelle valli e cresce insieme al cipresso sui pendii ripidi. Un fenomeno locale vicino alla punta meridionale del continente sono specie di pappagalli e altri uccelli più comunemente associati ai tropici che alla Patagonia. Pinguini e foche frequentano le zone costiere, soprattutto al sud. Pesantel’immigrazione , in particolare dalla Spagna e dall’Italia , ha prodotto in Argentina un popolo che è quasi tutto di origine europea. Nel periodo coloniale, tuttavia, gli esploratori e i coloni spagnoli incontrarono un certo numero di popoli nativi. Tra questi c’erano iDiaguita del nord-ovest andino, un popolo agricolo residente in città che fu costretto a lavorare dopo essere stato conquistato. Furono divisi dagli spagnoli in piccoli gruppi e furono mandati a lavorare in Perù e nella zona del Río de la Plata . Nella regione mesopotamica il semiagricoloAnche i Guaraní furono costretti a lavorare.

La maggior parte degli altri indiani argentini erano cacciatori e raccoglitori che combatterono tenacemente gli spagnoli ma alla fine furono sterminati o scacciati. Nel Gran Chaco c’erano iPopoli di lingua guaycuruana , tra gli altri. IlGli indiani araucani viaggiarono sulle montagne dal Cile e fecero irruzione negli insediamenti spagnoli nella Pampa meridionale fino alla conquista del deserto negli anni ’70 dell’Ottocento. Un’altra tribù indiana della Pampa erano i Querandí , che abitavano la regione di Buenos Aires. In Patagonia il gruppo più numeroso era ilTehuelche , e sulla Terra del Fuoco ilOna .

Le stime sulla popolazione del periodo coloniale suggeriscono che nel 1810 l’Argentina contava più di 400.000 persone. Di questi forse il 30 per cento erano indiani, il loro numero si è drasticamente ridotto a causa di una popolazione regionale precolombiana stimata in 300.000. Il dieci per cento del totale erano o africani ridotti in schiavitù o loro discendenti che erano stati introdotti clandestinamente nel paese attraverso Buenos Aires, e c’era un grande elemento dimeticci (miscela europea e indiana). I discendenti europei erano in minoranza.

Una grande ondata di immigrazione europea dopo la metà del 1800 ha plasmato l’attuale carattere etnico dell’Argentina. Gli indiani e i meticci furono messi da parte (principalmente nelle province andine) o assorbiti, e i neri ei mulatti scomparvero, apparentemente assorbiti anche dalla popolazione dominante. Da allora i meticci provenienti da Cile, Bolivia e Paraguay sono cresciuti numerosi nelle regioni confinanti, ma solo dalla fine del XX secolo c’è stata una sostanziale immigrazione dal Paraguay e dall’Uruguay nelle aree urbane dell’Argentina.

Quasi la metà degli immigrati europei tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo erano italiani e circa un terzo erano spagnoli. Numeri sostanziali sono arrivati ​​anche da Francia , Polonia , Russia , Germania e Gran Bretagna. Nel 1869 i nati all’estero costituivano il 12 per cento della popolazione; questo crebbe a circa un terzo nel 1914 e nelle grandi città gli stranieri erano più numerosi dei nativi di ben 2 a 1. Con il rallentamento dell’immigrazione più tardi nel 20 ° secolo, la percentuale di argentini nati all’estero è diminuita.

L’influenza italiana sulla cultura argentina è diventata la più importante di qualsiasi gruppo di immigrati e l’italiano è ancora ampiamente parlato a Buenos Aires. Altre importanti influenze straniere sono arrivate da immigrati spagnoli e polacchi. Tuttavia, anche i gruppi più piccoli hanno dato notevoli contributi. Il capitale e il management britannici, in particolare, costruirono ferrovie e crearono l’industria della lavorazione della carne; gli inglesi lasciarono anche una comunità relativamente piccola ma influente . I tedeschi stabilirono insediamenti agricoli e cooperative; i francesi hanno contribuito con la loro esperienza viticola; ei giapponesi hanno investito negli affari, così come i siriani e i libanesi.

I figli degli immigrati si sono subito identificati come argentini, quindi le persone non sono state divise in gruppi etnici antagonisti. Ma la società argentina ha sviluppato una seria divisione tra l’interno rurale e la costa urbana. Molte persone rurali sono cresciute a risentirsi per la ricchezza, il potere politico e le affettazioni culturali delporteños , il “popolo del porto” nella regione di Buenos Aires, e molti porteños consideravano i residenti dell’interno comecontadini ignoranti . Queste divisioni divennero profondamente radicate nella politica del paese.

Lingua e religione
Lo spagnolo è la lingua nazionale, anche se in Argentina è parlato con diversi accenti e ha assorbito molte parole da altre lingue, in particolare l’italiano. Si possono ascoltare numerose lingue e dialetti stranieri , dal basco e siciliano al gallese e gaelico. Verso la fine del 19° secolo, una lingua degli inferi si chiamavalunfardo si sviluppò a Buenos Aires , composto da parole di molte lingue, tra cui italiano, portoghese, spagnolo, francese, tedesco e lingue africane. Lunfardo ora è spesso ascoltato nei testi della musica del tango .

Circa i quattro quinti degli argentini sono almeno nominalmentecattolico romano ; la maggior parte di loro non sono praticanti. L’influenza della fede, tuttavia, si riflette fortemente nel governo e nella società. I protestanti costituiscono circa il 5 per cento della popolazione. Musulmani ed ebrei rappresentano piccole minoranze. Il La comunità ebraica dell’Argentina è la più grande del Sud America .

Modelli di insediamento
La variegata topografia , clima e risorse naturali dell’Argentina hanno plasmato il modello dell’insediamento europeo. Sebbene i trasporti e l’industria moderni abbiano in parte cancellato le differenze regionali, l’organizzazione della vita sia in città che in campagna segue ancora schemi stabiliti nei primi tempi coloniali.

Il nord-ovest
Numerosi siti archeologici nella regione indicano la presenza, prima dell’invasione spagnola, di indiani stabilmente insediati che praticavano l’irrigazione e l’agricoltura terrazzata nelle valli simili a oasi. Gli spagnoli, arrivando via terra da quelli che oggi sono Perù e Bolivia , occuparono inizialmente aree delle pianure del Chaco, lontane da gruppi indigeni ostili ; fecero il loro primo insediamento permanente nel 1553 a Santiago del Estero . Non molto tempo dopo sorsero forti nel nord-ovest a San Miguel de Tucumán (1565), Salta (1582), San Salvador de Jujuy (1593) e San Luis (1594); Cordova, a sud, fu fondata nel 1573. Nel frattempo, il nord-ovest ricevette coloni ancora più a sud poiché spagnoli e coloni creoli dal Cile fondarono le città di Mendoza e San Juan all’inizio degli anni ’60 del Cinquecento.

Cattedrale di Brasilia, Brasile, progettata da Oscar Niemeyer, costruita a forma di corona di spine.
QUIZ BRITANNICA
Viaggio in Sud America: realtà o finzione?
La capitale del Brasile è nota per la sua architettura? L’Argentina è un paese grande? Ordina i fatti dalla finzione e scopri il clima, le capitali e altro ancora in questo viaggio attraverso il Sud America.
Le città del nord-ovest furono originariamente fondate per sostenere l’agricoltura (compreso l’allevamento del bestiame) e commerciare con le miniere d’argento del Vicereame del Perù , in particolare quelle di Potosí (ora in Bolivia). Successivamente, quando Buenos Aires si sviluppò e le miniere d’argento divennero meno redditizie, l’orientamento del paese passò a sud-est. Gli spagnoli stabilirono una rotta commerciale tra il Cile e Buenos Aires che l’attraversòCordova eMendoza , entrambi prosperarono . Questo percorso verso nord è stato scelto per evitare gli indiani della Pampa ed è rimasto un’importante via di trasporto. L’insediamento nella zona d’ ombra della pioggia lunga 600 miglia (1.000 km) a est delle Ande ha avuto luogo in oasi fluviali che si estendono da appena a sud di San Miguel de Tucumán a San Rafael , a sud di Mendoza.

Il trasporto ferroviario collegò Mendoza alla Pampa nel 1885 e diede il via allo sviluppo della viticoltura nella regione di Mendoza. L’accesso a Buenos Aires ha portato nuovi capitali, più coloni, migliori ceppi di uva e mercati più ampi. Mendoza e oasi come San Rafael si sono espanse una volta che gli immigrati europei potevano raggiungerle e colmare la carenza di manodopera. Contadini dentroLa provincia di Tucumán ha beneficiato dei suoi dintorni più umidi tra le colline andine; hanno risposto ai nuovi mercati attraverso la Pampa aumentando la produzione di zucchero, iniziata lì durante il primo periodo coloniale. Il primo collegamento ferroviario diretto tra Tucumán e la Pampa nel 1875 forniva l’accesso ai mercati dello zucchero in espansione e a macchinari più moderni. La maggior parte delle decine di migliaia di lavoratori necessari per raccogliere il raccolto sono andati a vivere tutto l’anno nelle grandi piantagioni, rendendo Tucumán la provincia più densamente popolata dell’Argentina.

IlGran Chaco
Il Gran Chaco è stato a lungo considerato una regione di frontiera e il governo ne ha spesso promosso l’insediamento e lo sviluppo. Le colonie e le città agricole sono cresciute prima lungo la rotta dell’acqua Paraná-Paraguay e poi lungo le ferrovie costruite per servire l’industria del quebracho. Resistencia è stata fondata nel 1878 e Formosa nel 1879.

Le dure condizioni fisiche del Gran Chaco spiegano perché i suoi popoli nativi si dedicassero solo a un’agricoltura limitata. Le prime spedizioni spagnole con l’obiettivo di conquistare il Chaco provenivano da Santiago del Estero a ovest, Santa Fe a sud-est e Asunción (ora la capitale del Paraguay) attraverso il fiume Paraguay a nord-est. Nessuno di questi riuscì comunque a sottomettere gli indiani determinati.

L’insediamento nel Chaco alla fine ha avuto luogo daSantiago del Estero , dove il cotone irrigato veniva coltivato con successo già a metà del XVI secolo, e daSanta Fe , dove gli allevatori di bestiame avevano acquistato enormi acri su cui allevare durocriollo (creolo)bestiame , sopravvissuto a spedizioni precedenti. Gli allevatori sconfissero gli indiani locali nel 1885 e avanzarono verso la frontiera settentrionale del Chaco argentino vicino al fiume Bermejo . Le operazioni di disboscamento seguirono gli allevatori e aiutarono ad aprire parti del Chaco, in particolare a est, dove il tannino dell’albero di quebracho ha soddisfatto la domanda dell’industria della pelle argentina. All’inizio del 20° secolo, i coloni europei nel Chaco orientale iniziarono a coltivare cotone, un raccolto che poteva resistere al lungo periodo di siccità. Piccole aree di coltivazione del cotone si estendono verso ovest quasi fino a San Miguel de Tucumán, a nord fino al confine con il Paraguay presso il fiume Pilcomayo e ad est in Mesopotamia.

Mesopotamia
La parte settentrionale della regione mesopotamica fu abitata per la prima volta dagli spagnoli di Asunción, che nel 1588 fondarono la città diCorrientes vicino alla confluenza dei fiumi Alto Paraná e Paraguay . Nel sud i coloni di Santa Fe attraversarono il fiume Paraná e fondarono quella che divenne la città di Paraná . Avendo fondato città lungo fiumi navigabili, gli spagnoli si assicurarono la via dell’acqua fino all’estuario del Río de la Plata .

Quando gli spagnoli entrarono per la prima volta nella regione mesopotamica, le distanze tra gli insediamenti erano così grandi che le linee di rifornimento erano deboli e i coloni trovarono necessario produrre i propri raccolti di sussistenza. Ciò hanno ottenuto principalmente soggiogando i restanti indiani sotto ilencomienda system, che garantiva ai coloni l’uso del lavoro indiano sulle terre assegnate dalla corona. Dopo che le ribellioni indiane furono accolte da rappresaglie militari spagnole, tuttavia, molti indiani furono costretti a fuggire. Infine, all’inizio del 17° secolo la corona si volse alGesuiti per riportare la pace e proteggere i popoli indigeni. Nel giro di un secolo i Gesuiti avevano costruito numerose reducciones , oinsediamenti di missione , in Mesopotamia, che in seguito acquisirono il nomeMisioni . Sotto il dominio dei Gesuiti la Mesopotamia settentrionale divenne il più importante centro di colonizzazione nella parte orientale del continente.

Il Territorio di Misiones fu creato all’inizio degli anni ottanta dell’Ottocento e gli europei, in particolare i tedeschi, iniziarono a insediarsi nella zona boschiva a nord. Yerba mate ( Ilex paraguariensis ; fonte della bevanda prodotta mate ), agrumi e verdure, così come alberi di tung, tè e canna da zucchero, venivano coltivati ​​in piccole fattorie. Al di fuori delle zone agricole della Mesopotamia, l’allevamento del bestiame iniziò a dominare.

Le Pampa
La regione della Pampa era originariamente abitata da indiani come ilQuerandí , che secondo quanto riferito non praticava l’agricoltura ma erano pescatori e cacciatori che usavano bolas per impigliare guanachi e nandù dal piede della flotta. I feroci attacchi dei Querandí costrinsero i coloni spagnoli a Buenos Aires a fuggire a monte di Asunción nel 1541. Dopo che Buenos Aires riemerse nel 1580, gli spagnoli mostrarono meno interesse ad aprire la Pampa meridionale che a mantenere aperta la rotta commerciale settentrionale verso Santa Fe, Asunción , e l’Alto Perù; di conseguenza,le estancias (enormi allevamenti di bestiame) furono fondate per la prima volta a nord-ovest di Buenos Aires.

Scopri come i gaucho sono arrivati ​​a rappresentare l’individualità e la libertà nello stesso spirito del cowboy americano
Scopri come i gaucho sono arrivati ​​a rappresentare l’individualità e la libertà nello stesso spirito del cowboy americanoGuarda tutti i video per questo articolo
Le estancias divennero una delle istituzioni più importanti nell’economia, nella politica e nella cultura dell’Argentina. Iniziarono come giganteschi appezzamenti di terra, spesso di centinaia di miglia quadrate, che furono venduti o concessi ai discendenti creoli dei coloni spagnoli durante il XVII secolo. Mandrie di bovini e cavalli criollo correvano per metà allo stato brado su questi tratti. Per gestire le mandrie i proprietari di estancia ( estancieros ) assoldarono i gauchos, braccianti di ranch che dominarono la Pampa fino alla scomparsa degli spazi aperti alla fine del XIX secolo.

Situato sulle estancias erano ampiamente dispersiranchos , o semplici case di mattoni con giardini portanti, che fungevano da quartier generale degli estancieros . I gauchos erano alloggiati in capanne o capanne più primitive . Inoltre, c’erano piccolipulperías , locande in posizione centrale dove si svolgevano attività di marketing, banche, mangiare e bere e altre funzioni. Alcuni pulperías crebbero in villaggi. A poco a poco, la regione estancia della Pampa si diffuse a ovest ea sud di Buenos Aires.

Buenos Aires e Santa Fe sopravvissero come piccole città scarsamente popolate fino alla metà del XIX secolo. Dopo quel periodo la rapida crescita dell’agricoltura cambiò il volto della Pampa. Il mercato mondiale dei prodotti alimentari è aumentato e estancieros ha modernizzato le proprie operazioni per soddisfare la domanda. Per sostituire il criollo furono importate pecore e razze di bovini inglesi; tuttavia, il nuovo bestiame non poteva vivere sull’erba della Pampa e doveva essere nutrito con erba medica. Poiché i gaucho non erano abbastanza numerosi o disposti a coltivare erba medica, i loro datori di lavoro contrassero immigrati europei come fittavoli. Inoltre, la frontiera meridionale della Pampa fu respinta, così che nel 1880 la resistenza indiana fu spazzata via a nord del fiume Negro. Nel 1914 diversi milioni di lavoratori europei erano arrivati ​​a lavorare nei ranch e nelle fattorie. A poco a poco, le piccole attività agricole e di fittavoli si diffusero a ovest ea sud delle province di Santa Fe ed Entre Ríos .

La crescita dell’agricoltura ha stimolato la crescita delle città. Le ferrovie che si irradiavano da Buenos Aires penetravano all’interno della Pampa, formando la rete più fitta del paese. Alla fine del XIX secolo sull’estuario del Río de la Plata erano stati istituiti frigoriferi di proprietà straniera (impianti di confezionamento della carne per l’esportazione di carne bovina e montone). Gli sforzi del governo per incoraggiare la crescita dell’industria manifatturiera hanno favorito le città portuali, attirando la maggior parte degli immigrati e molti lavoratori dalle campagne. Buenos Aires divenne successivamente una delle città più popolose e cosmopolite del mondo e la Pampa Umida divenne la regione industriale e agricola più prospera dell’Argentina.

Patagonia
La maggior parte degli accessi alla Patagonia dal mare erano ostacolati da scogliere costiere inospitali e dall’alta marea. Con gli indiani della Pampa che fungono da cuscinetto contro gli europei a nord, ilGli indiani della Patagonia rimasero così indisturbati fino alla metà del XIX secolo, quando gli insediamenti europei invasero e scoppiò la guerra. Le guerre indiane nella Patagonia settentrionale e nella Pampa meridionale e occidentale culminarono in una campagna nota come laConquista del deserto, che terminò nel 1879 con la distruzione dell’ultima grande resistenza indiana. Argentini, cileni ed europei iniziarono a colonizzare la Patagonia, con soldati e contributori finanziari alle guerre indiane che ricevevano ingenti concessioni di terra. I coloni argentini procedettero verso sud dalla città portuale della Pampea di Bahía Blanca e da Neuquén ai piedi delle Ande. I cileni di Punta Arenas si stabilirono nella Terra del Fuoco. Gli immigrati gallesi, scozzesi e inglesi si sono diffusi lungo la costa e nell’entroterra, con il risultato che sia il gallese che l’inglese sono ancora parlati in alcune parti della Patagonia.

Visita la città più meridionale del mondo per conoscere la sua passata dipendenza dalla caccia alle balene e l’attuale produzione di lana pregiata
Visita la città più meridionale del mondo per conoscere la sua passata dipendenza dalla caccia alle balene e l’attuale produzione di lana pregiataGuarda tutti i video per questo articolo
La città più meridionale del mondo,Ushuaia , avantiTierra del Fuego , nasce come insediamento missionario; è comunque raggiungibile solo via nave o aereo. Verso la fine del XIX secolo iniziò l’allevamento di pecore lungo la linea ferroviaria che collegava il porto di Río Gallegos con i giacimenti di carbone del Río Turbio.Comodoro Rivadavia divenne un importante centro di petrolio e gas naturale e la regione frutticola del fiume Negro iniziò a svilupparsi nel 1886 quando l’area a est di Neuquén fu colonizzata da veterani delle guerre indiane e da altri.

La popolazione dell’Argentina è aumentata di 20 volte dal 1869, quando il primo censimento ha registrato 1,8 milioni di persone . La crescita della popolazione è stata rapida per tutta la prima parte del 20 ° secolo, ma da allora in poi è diminuita poiché sia ​​il tasso di natalità che l’immigrazione hanno iniziato a diminuire; anche la quota di giovani è diminuita. I tassi di natalità e crescita della popolazione dell’Argentina sono ora tra i più bassi del Sud America. La densità di popolazione della nazioneè anche tra le più basse del continente, sebbene alcune aree siano piuttosto densamente popolate, tra cui la Pampa umida, la Mesopotamia e parti del nord-ovest orientale. La popolazione sta crescendo più velocemente nelle aree urbane, in particolare a Buenos Aires, che nel resto del paese. Più di nove decimi delle persone vivono in aree urbane, circa un terzo solo nella grande Buenos Aires.

Economia dell’Argentina
L’economia argentina, che è una delle più potenti della regione, dipende dai servizi e dalla produzione , sebbene l’agrobusiness e l’allevamento abbiano dominato l’economia per gran parte del XIX e XX secolo. L’Argentina produce ancora più grano di qualsiasi altro paese dell’America Latina ed è seconda per allevamento di bestiame solo al Brasile , e le sue entrate dal turismo sono seconde nella regione solo a quelle del Messico . Prodotto nazionale lordo (PNL), PIL pro capite e valoreaggiunti dalla manifattura sono anche tra i più alti della regione. Tuttavia, il paese ha resistito a una serie di recessioni economiche, inclusi periodi di elevata inflazione e disoccupazione durante la fine del 20° secolo e una grave crisi finanziaria all’inizio del 21° secolo.

Nei 60 anni successivi alla fondazione della colonia agricola di Esperanza nel 1856, la base dell’agricoltura argentina si spostò dal bestiame ai raccolti. La diffusione del grano , del mais (mais) e della coltivazione del lino corrispondeva grosso modo a quella della regione estancia della Pampa. Sebbene l’agricoltura non sia diventata così intensiva come in Nord America , i suoli erano buoni e la terra era abbondante. L’industria argentina è diventata importante quando i produttori per lo più dominati dall’estero hanno iniziato a esportare alimenti trasformati. Il trend di crescitacontinuò fino al 20° secolo quando l’Argentina divenne uno dei paesi più prosperi dell’America Latina. Carne e grano sono stati esportati in mercati in espansione in Europa in cambio di carburante e prodotti manifatturieri.

Nei primi decenni del 20° secolo, l’Argentina è diventata il principale esportatore mondiale di mais, lino e carne. Tuttavia, la Grande Depressione degli anni ’30 danneggiò notevolmente l’economia argentina riducendo il commercio estero . Tra il 1930 e il 1980 l’Argentina è passata dall’essere uno dei paesi più ricchi del mondo a classificarsi con le nazioni meno sviluppate. In risposta alla Grande Depressione , i governi successivi dagli anni ’30 agli anni ’70 perseguirono una strategia disostituzione delle importazioni progettata per trasformare l’Argentina in un paese autosufficiente nell’industria e nell’agricoltura. Ciò è stato ottenuto principalmente imponendo tariffe elevate sulle importazioni e proteggendo così i produttori argentini di tessuti, pelletteria e elettrodomestici dalla concorrenza straniera. L’incoraggiamento del governo alla crescita industriale, tuttavia, ha distolto gli investimenti dall’agricoltura e la produzione agricola è diminuita drasticamente. Frutta, verdura, colture di semi oleosi come soia e girasole e colture industriali come canna da zucchero e cotone hanno aumentato la loro quota della produzione agricola totale a scapito delle colture di cereali dominanti. Nel complesso, tuttavia, l’Argentina è rimasta uno dei principali produttori agricoli del mondo.

Nel 1960 l’industria ha contribuito alla ricchezza del paese più dell’agricoltura. L’Argentina era diventata ampiamente autosufficiente per quanto riguarda i beni di consumo , ma dipendeva più che mai dall’importazione di carburante e macchinari pesanti. In risposta, il governo ha investito molto in industrie di base come petrolio, gas naturale , acciaio, prodotti petrolchimici e trasporti; ha anche invitato gli investimenti di società straniere. Entro la metà degli anni ’70 l’Argentina produceva la maggior parte del proprio petrolio, acciaio e automobili ed esportava anche una serie di manufatti. La produzione è diventata la più grande componente singola del prodotto interno lordo (PIL). Il paese era diventato anche autosufficiente per quanto riguarda il carburante.

L’era della sostituzione delle importazioni terminò nel 1976 quando il governo argentino abbassò le barriere all’importazione, liberalizzò le restrizioni sui prestiti esteri e sostenne il peso (la valuta argentina) contro le valute estere . Allo stesso tempo, l’aumento della spesa pubblica, i grandi aumenti salariali e la produzione inefficiente hanno creato una cronicitàinflazione che è aumentata negli anni ’80, quando ha superato brevemente un tasso annuo del 1.000 percento. I regimi successivi tentarono di controllare l’inflazione attraverso il controllo dei salari e dei prezzi, i tagli alla spesa pubblica e la restrizione dell’offerta di moneta . Con ilpeso perdendo rapidamente valore a causa dell’inflazione, un nuovo peso è stato introdotto nel 1983 (con 10.000 vecchi pesos scambiati con ogni nuovo peso), solo per essere sostituito dall’austral nel 1985, che è stato a sua volta sostituito da un altro nuovo peso nel 1992.

Le misure emanate nel 1976 hanno prodotto anche un enorme debito estero alla fine degli anni ’80, che è diventato equivalente a tre quarti del PIL. In termini di percentuale del PIL, i settori agricolo e industriale del paese erano simili a quelli dei paesi sviluppati, ma erano notevolmente meno efficienti. E, nonostante un elevato tenore di vita rispetto agli standard sudamericani, l’Argentina aveva un rapporto debito con l’estero paragonabile a quello dei paesi meno sviluppati.

0 commenti su “michele mazzon san donà di piave: settore occidentale della regione settentrionale, il Gran Chaco

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: