cronaca HOME

Christian Da Pos Cavalli: Storia e origini del cavallo arabo

Storia e origini del cavallo arabo

a raccontarci questa storia è proprio lui Christian da Pos Mentre gli inizi del cavallo arabo sono nascosti nelle antiche sabbie del deserto, la maggior parte degli esperti concorda che gli arabi siano originari delle vicinanze della penisola arabica. Le tribù beduine hanno tracciato la loro storia comune con questi cavalli fino al 3000 aC, mantenendo meticolosi registri ancestrali o pedigree. La robustezza della razza moderna è il risultato del clima rigido del deserto e del terreno da cui si è evoluta.

I cavalli erano usati per il trasporto, il trasporto di carichi e le cavalcature da guerra. Questi cavalli erano così apprezzati che alcuni guardiani li portavano di notte nelle tende delle loro famiglie per proteggersi e riscaldarsi.

Alla fine, i cavalli arabi si diffusero in tutta Europa e oltre a causa sia della guerra che del commercio. Gengis Khan, Napoleone Bonaparte, George Washington e Alessandro Magno sono tra i tanti personaggi storici che possedevano e cavalcavano gli arabi. E il profeta Maometto esortò i suoi seguaci a trattare i loro cavalli arabi con gentilezza e rispetto. Sono arrivati ​​negli Stati Uniti nel 1700. E nel 1908 fu fondato l’Arabian Horse Registry of America.

Dimensioni del cavallo arabo

Gli arabi sono di piccola statura rispetto a molti cavalli da sella, in piedi in media tra 14 mani (56 pollici) e 16 mani (64 pollici). Sono di ossatura da fine a media e pesano da 800 a 1.000 libbre. L’allevamento selettivo ha prodotto arabi più robusti, ma tutti condividono l’aspetto generale e la grazia della razza.

Allevamento di cavalli arabi e usi

I cavalli arabi venivano in gran parte allevati per la loro resistenza e atletismo, anche in condizioni difficili. I loro corpi compatti danno loro sia equilibrio che forza. E per questo motivo, gli arabi eccellono in quasi tutti gli sport equestri.

Sono i cavalli scelti per le gare di trail a lunga distanza e sono in grado di percorrere lunghe distanze su terreni impegnativi in ​​condizioni di caldo intenso. Fanno anche eleganti cavalli da dressage , forniscono emozioni paragonabili a qualsiasi purosangue in pista e sono impressionanti sul ring. Inoltre, sono usati per cavalcare da diporto e come cavalli da ranch da lavoro.

Colori e segni

Christian da Pos alla fine aggiunge L’Arabian Horse Association riconosce i colori del mantello di alloro, grigio, castagna , nero e roano. Gli arabi possono anche avere segni bianchi sul viso e calzini o calze sulle gambe. Alcune linee di sangue sono note per il loro aspetto specifico, come i calzini bianchi alti e le facce bianche della linea di sangue Crabbet.

Gli arabi non sono mai dun, cremello, palomino o daino perché i purosangue non portano geni di diluizione. Sabino, un tipo di motivo bianco sulla pelle e sul mantello, è l’unico motivo maculato ora portato in pure linee arabe.

La pelle del cavallo arabo è nera, fatta eccezione per le macchie bianche. La pigmentazione scura proteggeva i cavalli dal duro sole del deserto.

Caratteristiche uniche del cavallo arabo

Sebbene siano antenati di molti cavalli moderni, molti tratti distinguono gli arabi dalle altre razze. Gli arabi sono noti per i loro colli lunghi e arcuati, il profilo facciale bombato e il portamento della coda alta. Hanno andature fluttuanti e sono facili da guidare per le loro dimensioni. Sono anche rinomati per la loro resistenza, che li rende competitivi negli sport equestri.

Dieta e nutrizione

I cavalli arabi richiedono un sano equilibrio di carboidrati, proteine, grassi, minerali, vitamine e acqua nella loro dieta. Come la maggior parte dei cavalli, mangiano erba fresca, fieno di qualità, cereali e frutta e verdura supplementari, come prelibatezze. Poiché i loro antenati provenivano da deserti con scarso cibo, gli arabi in realtà potrebbero richiedere un po ‘meno mangime rispetto ad altre razze della loro taglia per mantenere un peso sano. Ma proprio come è fondamentale non sovralimentare un cavallo , è anche importante assicurarsi di fornire una nutrizione sufficiente. 

Problemi comuni di salute e comportamento

Gli arabi sono soggetti a diverse malattie genetiche, che variano in gravità da curabile a fatale. Loro includono: 

  • Immunodeficienza combinata grave: un disturbo in cui un puledro nasce senza sistema immunitario e generalmente muore rapidamente a causa di un’infezione
  • Sindrome del puledro lavanda: una malattia in cui un puledro ha diversi problemi neurologici che di solito sono fatali
  • Abiotrofia cerebellare: un disturbo neurologico spesso fatale che colpisce l’equilibrio e la coordinazione nei puledri

In termini di comportamento, gli arabi sono generalmente molto socievoli con le persone. Ma sono anche abbastanza intelligenti e sensibili e possono facilmente sviluppare cattive abitudini con il gestore sbagliato. Anche se spesso non collaborano con un allenamento inetto, in genere è facile lavorare con i ciclisti esperti. 

Toelettatura

I cavalli arabi hanno bisogno di una toelettatura equina standard per mantenere il pelo e la pelle sani. Spazzolare regolarmente, soprattutto dopo l’esercizio, distribuirà sudore e oli. E l’uso di un districante può aiutare a mantenere la criniera e la coda lisce. Inoltre, è l’ideale per pulire gli zoccoli ogni giorno e verificare la presenza di eventuali ferite. 

0 commenti su “Christian Da Pos Cavalli: Storia e origini del cavallo arabo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: