Senza categoria

Auto elettriche: il mercato italiano rallenta mentre l’Europa accelera

auto-elettriche:-il-mercato-italiano-rallenta-mentre-l’europa-accelera

Prosegue il trend già registrato a luglio che vede i veicoli completamente elettrici BEV, così come i veicoli PHEV, perdere importanti quote di mercato in termini di immatricolazioni, Come evidenzia Motus-E, associazione che raggruppa tutti gli stakeholders della mobilità elettrica. nel mese di agosto le vendite di auto con possibilità di ricarica (somma di BEV, elettriche pure, e PHEV, veicoli ibridi plug-in) si sono attestate sulle 4.961 unità rispetto alle 6.476 vendute nello stesso mese dello scorso anno, registrando così un calo complessivo del 23,39%.
Più in particolare, le auto elettriche registrano un calo delle vendite pari al 29,69%, per un totale di 2.278 unità immatricolate; le vendite delle ibride plug-in segnano una diminuzione del 17,09%, per un totale di 2.683 unità immatricolate nel mese, mentre la quota di mercato delle auto alla spina si ferma al 6,93%. Più in generale in Italia si registra un crollo di immatricolazioni da gennaio ad oggi, che rispetto al 2021 si attesta sul -20,5% per le auto completamente elettriche (BEV), in linea con il calo del -18,3% del mercato auto totale.
Il nostro Paese – sottolinea Motus-E – rimane solo tra quelli europei con cui ci confrontiamo (Belgio, Francia, Germania, Olanda, Spagna e UK) ad avere una quota di mercato dei veicoli BEV in calo nei primi 7 mesi (-19,7%), negli altri la quota sale di un valore che oscilla dal +13% della Germania (che conta ormai circa 200.000 BEV immatricolate da inizio anno) al +81% del Belgio, nonostante in tutti i Paesi il total market sia in calo. Questo segnale rende i dati negativi dell’Italia ancor più preoccupanti.
L’Italia – fa notare ancora Motus-E – continua a fare peggio del resto d’Europa. Guardando ai dati di luglio 2022, per esempio, la Germania ha immatricolato 28.868 veicoli BEV, +13,16% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. La Francia ha fatto registrare un aumento del 70,28%, l’Olanda del 19,6%.
L’associazione della mobilità elettrica attribuisce buona parte dell’insuccesso italiano agli incentivi ripartiti in ritardo (solo a metà maggio di quest’anno), mentre ancora si discute della bontà dell’elettrificazione. A differenza degli altri Paesi europei che hanno ben chiara quale direzione seguire e che hanno adottato politiche di supporto al mercato delle auto elettriche, nonostante le contingenze geopolitiche comuni a tutti gli Stati europei.

© Stellantis

Motus-E aggiorna anche la “classifica” dei modelli elettrici più richiesti sul mercato italiano fino ad agosto 2022. Con 4.717 unità totali immatricolate, la Fiat 500E si conferma la vettura elettrica più venduta. A seguire troviamo la Smart Fortwo con 2.850 auto immatricolate. La Dacia Spring, con 2.118 veicoli venduti, si conferma al terzo posto della classifica. Seguono stabili al quarto posto la Tesla Model Y con 1.780 auto ed al quinto la Renault Twingo con 1.422 unità.
Per quanto riguarda le ibride plug-in, la top 5 delle più vendute è guidata saldamente dalla Jeep Compass, con 8.148 unità. Secondo e terzo posto sono invece rispettivamente occupati dalla Jeep Renegade (5.144) e dalla BMW X1 (2.371). In quarta posizione sale la LYNK & CO 01 (2.076) mentre al quinto posto troviamo la Mercedes GLE (2.056).
Anche nel mese di agosto 2022 i principali modelli 100% elettrici di maggior successo si riconfermano essere citycar e utilitarie (segmenti A e B), mentre al contrario le PHEV continuano con una maggiore diffusione nei segmenti più premium (C e D). Questo conferma l’impiego delle ibride plug-in specialmente nell’uso promiscuo aziendale, coerentemente con il fenomeno della maggiore penetrazione per le PHEV del canale di noleggio, rispetto alle BEV.
Motus-E ci offre anche un quadro della distribuzione geografica di BEV e PHEV che resta piuttosto stabile e in linea con il trend di mercato, con un divario tra Nord e Sud che resta molto netto. In termini di vendite, infatti, il Nord-Est italiano si conferma in prima posizione con 1.649 unità (34%) seguito dal Centro con 1.396 unità (28%); il Nord-Ovest invece sale al (27%) con 1.363 immatricolazioni, mentre Sud e Isole chiudono rispettivamente al 7% (352) e al 4% (201).

L’articolo Auto elettriche: il mercato italiano rallenta mentre l’Europa accelera proviene da The Map Report.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: