attualità

Maxi-prelievo, il 65% del tuo reddito: la promessa con cui Fratoianni “uccide” il Pd

maxi-prelievo,-il-65%-del-tuo-reddito:-la-promessa-con-cui-fratoianni-“uccide”-il-pd

L’alleanza Letta-Fratoianni-Bonelli già pregusta l’esproprio proletario. Nel programma dei due super-alleati del Partito Democratico è scritto nero su bianco quello a cui punta la sinistra: un maxi-prelievo fiscale (fino al 65% dei redditi) per finanziare sussidi e sprechi. “Una follia in perfetto stile comunista“, la chiama Pasquale Napolitano sul Giornale citando alcuni punti del programma elettorale di Sinistra Italiana e Verdi Europa. Si legge infatti che a sinistra propone di “applicare un’aliquota mobile crescente che arrivi al 65 per cento per i redditi superiori ai 10 milioni di euro“, ma anche “di aumentare la tassazione sui patrimoni superiori a 5 milioni di euro, con un’imposta progressiva che cresca fino al due per cento oltre i 50 milioni”. 

 

 

Insomma la patrimoniale che in qualche modo si trova anche nel programma del Pd con Enrico Letta che vorrebbe introdurre un prelievo sui grandi patrimoni per finanziare una dote di 10mila da destinare ai 18enni. E poi c’è la tassazione al 100 per cento sugli extra profitti delle aziende che non riguarda solo quelle che operano nel settore energetico su cui si trovano d’accordo sia il leader del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte che il segretario della Cgil Maurizio Landini. Poco importa, fa notare Napolitano, se la misura di tassare gli extraprofitti si sia rivelata un buco nell’acqua (a oggi dei 10 miliardi previsti, lo Stato ne ha incassato solo uno) vista la difficoltà a esigerli. Landini rilancia la tassa sui profitti, proponendo di estendere la misura anche a imprese che non operano nel campo energetico, come banche e aziende farmaceutiche, aumentando il prelievo dal 25 per cento al 100 per cento. Ma non è finita qui: il trio Letta-Fratoianni-Bonelli vuole l’abolizione dei jet privati e la tassa sui beni di lusso. L’obiettivo del Pd e degli alleati, programma elettorale alla mano, sarebbe quello di effettuare in Italia una massiccia operazione di redistribuzione della ricchezza.

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: