attualità

“Di chi è la colpa”: Binotto, la frase sul disastro Ferrari fa scoppiare la rivolta dei tifosi

“di-chi-e-la-colpa”:-binotto,-la-frase-sul-disastro-ferrari-fa-scoppiare-la-rivolta-dei-tifosi

Giornata amara per la Ferrari al GP d’Ungheria: Sainz è arrivato quarto dietro a Verstappen, Hamilton e Russell, mentre Leclerc solo sesto. Le due rosse giù dal podio hanno deluso le aspettative che si erano create dopo l’ottimo risultato ottenuto ieri in qualifica. Ad analizzare la gara è stato il team principal Mattia Binotto, che non ha voluto sentir parlare di strategia sbagliata: “Ci aspettavamo tutti un risultato diverso, il problema non è stata la strategia ma la macchina che non è andata. Sainz ha fatto la stessa strategia di Hamilton e lui ha chiuso secondo. Se oggi la macchina ci fosse stata non saremmo qui a parlare di strategia, oggi è mancato tutto”.

 

 

 

Per Binotto, insomma, non ci sono dubbi: “Analizzeremo tutto, ma soprattutto perché la macchina non avesse il passo giusto. Oggi la macchina non ha funzionato per come l’abbiamo vista venerdì e in questo inizio di stagione, non abbiamo tenuto il passo di Red Bull e Mercedes. Non ho risposte, ma qualcosa non avrà funzionato correttamente”.

 

 

 

Intanto monta la rivolta contro di lui sui social. C’è chi invoca le sue dimissioni, chi parla di “disastro” e “gestione imbarazzante” e anche chi fa notare come Leclerc a fine gara abbia detto l’opposto rispetto a quanto affermato da Binotto: “Non sono contento. Avevamo una buona macchina. Ero confidente con l’auto. Abbiamo perso tantissimo tempo con la scelta delle hard”.

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: