Senza categoria

Meeting dei Fridays for Future a Torino: “Sciopero globale il 23 settembre, una data speciale per l’Italia”

meeting-dei-fridays-for-future-a-torino:-“sciopero-globale-il-23-settembre,-una-data-speciale-per-l’italia”

A Torino il Meeting europeo dei Fridays for Future, dopo due anni di rinvii causa Covid-19. Al Climate Social Camp, il campeggio dedicato agli attivisti, presenze da tutto il mondo, Ucraina compresa, e poi Uganda, Estonia, Repubblica Ceca e Indonesia, Messico e Germania per un totale di mille attivisti. Greta Thunberg è presente in collegamento. La scelta del capoluogo piemontese non è casuale, ma – spiegano – dovuta al fatto che “Torino detiene il triste primato di città con l’inquinamento atmosferico più alto d’Europa, dove si stima che ogni anno muoiano 900 persone per patologie collegate”. Il Piemonte “sta inoltre vivendo un momento di gravissima siccità e di carenza di neve sulle Alpi, diretta conseguenza del riscaldamento globale”, scrive il movimento.

Quello di Torino è il secondo meeting europeo – il primo si era svolto a Losanna nel 2019. Già comunicata la data del prossimo Sciopero Globale per il Clima, che si terrà il 23 settembre 2022: “Per l’Italia la data è doppiamente significativa, chiederemo che le prossime elezioni siano delle elezioni per il clima”, hanno scritto sui canali social del movimento ambientalista. Nel campeggio dedicato al clima ci sono anche numerosi attivisti provenienti dai Paesi cosiddetti Mapa (Most Affectet People and Areas), ovvero quelle aree del mondo maggiormente colpite dai cambiamenti climatici. Al Parco Colletta hanno a disposizione 8600 metri quadri per le tende da campeggio mentre la zona dedicata agli incontri live occupa 9.4000 mq. Oltre agli incontri con artisti e cantanti, tra gli ospiti ci saranno giornalisti come Agnese Pini, Maurizio Molinari e Riccardo Luna, ma anche Antonello Provenzale, direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del Cnr, Stefano Geuna, rettore dell’Università di Torino e Guido Saracco, rettore del Politecnico di Torino. Nel suo collegamento, Greta Thunberg ha detto: “Sono contenta che le persone possano nuovamente ritrovarsi e stare insieme dopo tutto questo tempo e in un’occasione come questa in cui si può parlare faccia a faccia. È un’opportunità per migliorare il livello della discussione e per conoscersi tutti meglio”. Ha poi lasciato spazio ai temi scelti dai delegati, tra cui la decolonizzazione e il modo migliore per comunicare la crisi climatica.

L’articolo Meeting dei Fridays for Future a Torino: “Sciopero globale il 23 settembre, una data speciale per l’Italia” proviene da The Map Report.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: