Senza categoria

La Russia prende ancora di mira i giganti tech della Silicon Valley: multe a Apple e Google

la-russia-prende-ancora-di-mira-i-giganti-tech-della-silicon-valley:-multe-a-apple-e-google

Questa settimana le autorità russe hanno multato Apple e Google. Si tratta dell’ultima repressione del Cremlino nei confronti dei giganti della tecnologia americana in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Fatti principali

  • Il servizio federale anti-monopolio russo, secondo Reuters, prevede di multare Apple di un importo indeterminato per presunte violazioni dell’antitrust, affermando in una dichiarazione che Apple “ha abusato della sua posizione dominante nel mercato della distribuzione di app iOS”, secondo Reuters.
  • L’annuncio arriva il giorno dopo che il regolatore dei media russo Roskomnadzor ha multato Google di 374 milioni di dollari per non aver rimosso da Youtube i contenuti che si discostano dalla narrativa di guerra approvata dal Cremlino.
  • Sebbene la multa di Apple non sia direttamente correlata con la guerra, sembra essere parte di una più ampia repressione dell’azienda. Arriva infatti una settimana dopo che le autorità russe hanno multato Apple di circa $ 35.000 per presunte violazioni dei dati. La prima sanzione di questo tipo mai comminata ad Apple nel paese, secondo l’Associated Press.
  • Apple e Google non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di Forbes.

BACKGROUND

La Russia ha bloccato l’accesso a Twitter, Instagram e Facebook a marzo. Google ha sospeso tutte le vendite di annunci in Russia all’inizio di marzo, ma ha continuato a gestire i suoi servizi gratuiti come la ricerca e YouTube. Apple ha invece sospeso tutte le vendite in Russia. A dicembre le autorità russe hanno multato Meta $ 27 milioni e Google $ 98 milioni per i rispettivi rifiuti di eliminare i contenuti dalle loro piattaforme.

A marzo il parlamento russo ha approvato una legge che rende illegale criticare l’invasione dell’Ucraina e persino discutere alcuni fatti sulla guerra. Pena la reclusione fino a 15 anni. Il Cremlino è impegnato in una saga in corso con Wikipedia perché si è rifiutata di cambiare la voce in lingua russa dell’invasione ucraina per conformarsi alle rigorose leggi sull’informazione della Russia.

FATTO SORPRENDENTE

A maggio, la filiale russa di Google ha dichiarato di voler dichiarare bancarotta dopo che le autorità hanno sequestrato il suo conto bancario.

A COSA GUARDARE

Il dubbio è se le compagnie americane pagheranno davvero le multe. Lo scorso anno Alphabet e Meta hanno pagato alle autorità russe centinaia di migliaia di multe per violazioni dei contenuti. Ma nessuno dei due ha commentato se intendono pagare le loro multe multimilionarie e la bancarotta di Google potrebbe essere un segnale che non intendono pagare.

L’articolo La Russia prende ancora di mira i giganti tech della Silicon Valley: multe a Apple e Google è tratto da Forbes Italia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: