attualità

Quattromila startup in cerca d’autore: Venezia, uno «show-room» alquanto innovativo

Quattromila startup, provenienti da oltre 60 Paesi del mondo. Grandi numeri per una “vetrina”, o meglio «show-room»: così come Aldo Cazzullo ha definito Venezia. Una descrizione del Veneto con baricentro a Padova che sta facendo molto discutere il mondo culturale e imprenditoriale (due insiemi ancora poco sovrapponibili) del Veneto. E a volte i fatti – di cronaca – sembrano suggerire risposte. Ecco quindi che la seconda call for ideas di VeniSIA, chiusa il 30 giugno, finalizzata a individuare startup innovative italiane e internazionali che avranno l’opportunità di realizzare un progetto di Co-Innovation insieme alle aziende partner, con l’obiettivo di offrire idee e soluzioni tecnologiche innovative per la sostenibilità ambientale e, in particolare, per fare di Venezia un polo di attrazione per giovani talenti provenienti da tutto il mondo, ha ottenuto 3.967 candidature.

Ma cos’è VeniSIA? VeniSIA – Venice Sustainability Innovation Accelerator è un acceleratore di innovazione sostenibile, con sede a Venezia presso lo Strategy Innovation Hub del Dipartimento di Management di Università Ca’ Foscari e dedicato allo sviluppo di idee di business e soluzioni tecnologiche in grado di affrontare il cambiamento climatico e altre sfide ambientali. La piattaforma è uno dei primi progetti attivi nell’ambito della Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità, costituita a marzo con l’obiettivo di promuovere un modello ambientale, economico, sociale e urbanistico per lo sviluppo sostenibile del Comune di Venezia e della Laguna Veneta. Uno dei cuori più innovativi di una città che pare sempre sul punto di morire ma che forse guarda al futuro più di molte altre.

«Le candidature giunte quest’anno sono state in numero ben superiore alle attese, il triplo rispetto alla prima edizione del 2021. Questo non può che renderci orgogliosi e confermarci il grande valore e il riconoscimento a livello internazionale di questa iniziativa» commenta il professor Carlo Bagnoli, direttore scientifico del progetto e anima di VeniSIA. «Grazie ai giovani talenti provenienti da tutto il mondo e alle loro soluzioni innovative sui temi del Climate Change e della Circular Economy, Venezia diventa luogo ideale in cui testare e lanciare le migliori idee che disegneranno un ambiente più sostenibile per i prossimi anni. VeniSIA è anche uno dei primi progetti operativi della neonata Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità: la nostra idea è di trasformare Venezia nella più antica città del futuro».

Call for Ideas 2022: le sette challenge

Per il programma 2022 sono state individuate sette challenge, su cui le startup candidate si misureranno. La prima è relativa alla Low-carbon Mobility, per soluzioni su veicoli elettrici o a basse emissioni, ma anche per infrastrutture innovative e hub intermodali. Quindi il tema dei materiali innovativi e sostenibili, ad esempio calcestruzzi per asset energetici, packaging per materiale elettrico, ma anche per abbigliamento tecnico e dispositivi di protezione. La terza sfida è focalizzata su soluzioni per aumentare l’engagement degli stakeholder e la social acceptance di impianti di energie rinnovabili. La quarta sfida riguarda applicazioni di Data Analytics, Artificial Intelligence e tecnologie IoT per l’elaborazione, l’analisi e il monitoraggio di parametri climatici – come ad esempio l’aumento del livello del mare o l’erosione costiera – da un punto di vista predittivo. Le Supply Chain sostenibili, per ridurre l’impatto ambientale attraverso la digitalizzazione e l’automazione, sono al centro della quinta sfida. Quindi il tema dell’economia circolare e del Waste Management, ad esempio per riciclare la plastica o per il trattamento di acque di scarico. Infine Smart Cities e Communities è la challenge per proporre edifici sostenibili, piattaforme IoT per città intelligenti, soluzioni per comunità circolari, per il turismo sostenibile e per l’inclusione digitale.

Parte ora la seconda fase di selezione: l’attività prosegue con un pre-screening dei progetti e interviste face-to-face ai candidati, a cui seguiranno un assessment relativo alle tecnologie proposte e all’analisi della compatibilità delle tecnologie stesse con le necessità delle aziende partner. Per alcuni mesi, i team delle startup selezionate potranno trasferirsi in città dando vita a una comunità internazionale che farà di Venezia stessa un acceleratore. Il programma 2022 ambisce ad attrarre più di 40 “innovatori residenti”, che lavoreranno insieme ai partner di VeniSIA sull’accelerazione di idee e soluzioni, venendo coinvolti in progetti pilota, in attività di community building, e, soprattutto, agevolati nelle spese di vitto e alloggio. Tutte le startup selezionate dalla call avranno accesso al programma di scaleup offerto da VeniSIA. Per le sole startup finaliste è previsto un premio di 20mila euro.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: