attualità

Meteo, “ogni speranza è svanita”: allarme ai massimi livelli, “cosa accadrà domani”

meteo,-“ogni-speranza-e-svanita”:-allarme-ai-massimi-livelli,-“cosa-accadra-domani”

Un caldo atroce, con pochi precedenti. Una massa d’aria rovente che ha spinto le temperature ben oltre i 40° in Spagna e Francia si sta spostando e sta raggiungendo l’Italia. Si sperava che il transito fosse veloce, seguito da temporali, ma ogni speranza è svanita. Ma secondo gli esperti di 3bMeteo non sarà così. Anzi, il peggio deve ancora venire.

Dopo il caldo torrido di questo weekend, i picchi delle temperature sono attesi per domani, lunedì 20 giugno. “La nuova settimana sarà caratterizzata quasi interamente da sole e caldo in intensificazione a cui faranno da contorno pochi temporali, più che altro sulle zone alpine. Solo nel weekend si potrà assistere al passaggio di un fronte atlantico più organizzato che potrebbe portare un calo termico più sostanzioso ma la tendenza è da confermare. Dunque ci si prepara per temperature davvero eccezionalmente elevate per il mese di giugno con pochi precedenti negli ultimi 20 anni”, scrive 3bMeteo.

La cosiddetta “fiammata africana” coinvolgerà l’intera Italia, aumentando le temperature-record raggiunte negli ultimi giorni. Lunedì ci sarà sole ovunque, al massimo un poco di instabilità sull’arco alpino orientale, con rapidi temporali pomeridiani tra Trentino Alto Adige e alto Friuli. “Per il resto anticiclone con temperature che potranno superare la soglia dei 36/37°C sulla Val Padana e localmente anche in Sardegna. Martedì ancora con qualche fugace temporale pomeridiano sulle Alpi e sole prevalente altrove ma peggiore sotto il profilo climatico con temperature che potranno raggiungere i 40°C sulla Sardegna e superare anche i 37/38°C sulla Val Padana”, aggiungono da 3bMeteo. Anche a Milano, per la giornata di lunedì, sono previste temperature fino a 37 gradi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: