Senza categoria

L’ONU lancia un crowdfunding per evitare un disastro ambientale

l’onu-lancia-un-crowdfunding-per-evitare-un-disastro-ambientale

L’Onu ha lanciato la campagna “UN Plan for the FSO Safer Tanker Stop the Red Sea Catastrophe”, per mettere al sicuro la FSO Safer, la petroliera che dal 2015 è bloccata nel Mar Rosso, al largo della costa yemenita, di cui avevamo parlato qualche tempo fa, ed evitare così un disastro ambientale.
Con i suoi 376 metri di lunghezza, la nave è una pericolosissima bomba ecologica a orologeria, che potrebbe cedere o esplodere da un momento all’altro, lasciando 8 milioni di persone senza acqua, in un Paese già messo in ginocchio da una grave emergenza umanitaria.
Se dovessero riversarsi in mare gli 1,1 milioni di barili di greggio, quattro volte la quantità di petrolio rilasciata dalla Exxon Valdez nel Golfo dell’Alaska nel 1989, ci sarebbero conseguenze catastrofiche non solo per lo Yemen, ma anche per l’Arabia Saudita, l’Eritrea e Gibuti.

La fuoriuscita di petrolio dalla Safer distruggerebbe barriere coralline incontaminate, esporrebbe milioni di persone all’aria altamente inquinata e ridurrebbe drasticamente risorse come cibo, carburante e altri rifornimenti salvavita allo Yemen, dove 17 milioni di persone vivono già in condizioni di povertà estrema. Le Nazioni Unite hanno organizzato una colletta per mettere insieme un’operazione con cui trasferire i barili di greggio su un’altra nave. Si tratta di un’operazione dal costo totale di circa 80 milioni di dollari, di cui 60 sono già stati raccolti dai paesi membri.
Ora, per radunare i resentanti i restanti 20 milioni, le Nazioni Unite hanno optato per una soluzione del tutto inedita per un’emergenza come questa: far partire un crowdfunding con l’obiettivo di raggiungere gli 80 milioni di dollari entro la fine del mese.

La proposta arriva da David Gressly, il coordinatore delle Nazioni Unite per lo Yemen per “incoraggiare le persone di tutto il mondo a contribuire alla raccolta di 5 milioni di dollari in donazioni individuali entro la fine di questo mese in modo che i lavori possano iniziare a luglio”.
Per prendere parte al crowdfunding con una donazione è possibile collegarsi a questo link.

L’articolo L’ONU lancia un crowdfunding per evitare un disastro ambientale proviene da The Map Report.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: