US Open al via: per l’Italia ecco Francesco Molinari e Guido Migliozzi

A Brookline, in Massachusetts, il field è stellare. Rahm difende il titolo, Scheffler punta una nuova impresa

A Brookline, in Massachusetts, per sfidare i migliori al mondo e provare a raggiungere l’impresa. Dal 16 al 19 giugno, al The Country Club (tra i circoli di golf più antichi degli Stati Uniti), nella 122esima edizione dello US Open, terzo Major maschile del 2022, l’Italia sarà rappresentata da Francesco Molinari e Guido Migliozzi. A difendere il titolo vinto nel 2021 sarà lo spagnolo Jon Rahm mentre Phil Mickelson sogna di completare il Grande Slam (in un evento per lui stregato che lo ha visto classificarsi secondo per ben sei volte). Non ci sarà Tiger Woods (il grande assente) che proverà a rientrare in campo a luglio in Scozia per la 150esima edizione del The Open. Con lo US Open che metterà in palio 12.500.000 dollari, di cui 2.250.000 andranno al vincitore.

F.Molinari e Migliozzi, allo US Open per stupire – Nel 2021, Francesco Molinari e Guido Migliozzi sono stati tra i protagonisti dello US Open. Il torinese ha ottenuto il suo miglior risultato (13/o) in carriera nel torneo, mentre il vicentino (all’epoca dei fatti al debutto in un Major) s’è classificato quarto dopo una gara da incorniciare. Un anno dopo, Chicco Molinari e Migliozzi proveranno a stupire negli Stati Uniti. Il piemontese giocherà i primi due round al fianco dell’americano Stewart Cink (vincitore del The Open nel 2009) e dell’inglese Laird Shepherd (amateur), mentre il veneto troverà il sudafricano Branden Grace e il canadese Mackenzie Hughes.

Da Scheffler a Rahm, il field è stellare – Da Scottie Scheffler, numero 1 mondiale, a Rahm, secondo nel world ranking e campione in carica. E’ un field stellare quello riguardante la 122esima edizione dello US Open. Dove Scheffler punta a diventare il sesto giocatore a vincere il The Masters e lo US Open nello stesso anno. Mentre Rahm ambisce a calare il bis di successi consecutivi nell’evento (Brooks Koepka, con le affermazioni nel 2017 e nel 2018, è stato l’ultimo a riuscire in questa impresa). Tra i favoriti della vigilia anche il nordirlandese Rory McIlroy (terzo al mondo), reduce dal successo al Canadian Open e vincitore dello US Open nel 2011. Chance pure per lo statunitense Justin Thomas, che nel 2022 ha già conquistato il PGA Championship.

Cinque Top 10 nelle ultime cinque edizioni: è questo il ruolino di marcia allo US Open (dal 2017 al 2021) di Xander Schauffele (medaglia d’oro ai Giochi di Tokyo) che ora insegue il bersaglio grosso. Da Patrick Cantlay a Collin Morikawa, questi e tanti altri i possibili protagonisti di un evento super. Con Mickelson chiamato a sfatare un autentico tabù e l’inglese Matthew Fitzpatrick che torna sul campo dove, nel 2013, ha fatto suo lo US Amateur Championship. Mancherà invece Woods, l’unico ad aver vinto lo US Junior Amateur (1991, 1992 e 1993), lo US Amateur (1994, 1995 e 1996) e lo US Open (2000, 2002 e 2008).

Corsi e ricorsi storici. In campo (156 i concorrenti) ci sarà inoltre Sean Jacklin, figlio del campionissimo Tony (che nel 1970 si affermò quale primo europeo a conquistare lo US Open). E su questo percorso (che ospiterà per la quarta volta lo US Open) nel 1913 ci fu il trionfo (da dilettante) di Francis Ouimet. Un’impresa che s’è trasformata poi in un film, “Il più bel gioco della mia vita” (Usa, 2005), tratto dal romanzo The Greatest Game Ever Played di Mark Frost.

Il torneo in diretta su Sky Sport Arena e in streaming su NOW – Lo US Open sarà trasmesso in diretta su Sky Sport Arena e in streaming su NOW. Prima giornata: giovedì 16 giugno dalle ore 18:00 all’1:00.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: