attualità

“Allora mi sono rotto i c…”: l’audio rubato di Gianluca Vacchi, ora tutto è più chiaro

“allora-mi-sono-rotto-i-c…”:-l’audio-rubato-di-gianluca-vacchi,-ora-tutto-e-piu-chiaro

Fa ancora discutere la denuncia dell’ex colf a Gianluca Vacchi. L’imprenditore, noto per essere molto attivo sui social è stato accusato di sfruttare e maltrattare il suo personale. A dare ragione all’ex collaboratrice del 54enne alcuni audio che lo vedrebbero rivolgersi ai suoi domestici. In questi, diffusi da Repubblica, si sente Vacchi alzare la voce contro chi lavora per lui e raccontare a un interlocutore delle presunte inefficienze dei suoi collaboratori domestici arrivando a promettere di “mettergli le mani addosso” oltre a multarli di “cento euro ogni giorno, poi le pagano sommate”. 

 

 

 

“Allora mi sono rotto i cog.., i filippini ogni volta che si dimenticano le cose pagano 100 euro di multa – è la registrazione in mano al quotidiano -. Poi le pagano sommate. Lance si è dimenticato gli occhiali. Ora mi sono scocciato, facciamo una lista e tutte le cose che si dimenticano sono 100 euro di multa”. Ma gli occhiali non erano l’unico motivo di sfogo: “Mi mancano ancora le punture di testosterone. Io mi sono rotto i cog.., non sto scherzando, a costo che se ne vadano via, una multa tutti i giorni. Mi sono proprio rotto i cog….”.

 

 

Sempre secondo la 44enne che ha trascinato l’imprenditore in tribunale, l’uomo li avrebbe costretti a lavorare dalle 10.00 di mattina fino alle 4-5 della notte, ma dovevano spesso andare “a tempo di musica”, eseguire balletti “perfetti” altrimenti si “scatenava la rabbia di Vacchi che inveiva contro i domestici, lanciando il cellulare e spaccando la lampada usata per le riprese”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: