attualità

“Ora mi devo fermare”. Cosa si nasconde dietro queste tristi parole di Loredana Bertè

“ora-mi-devo-fermare”.-cosa-si-nasconde-dietro-queste-tristi-parole-di-loredana-berte

“Il 3 maggio dopo il concerto di Bologna mi sono rotta una costola“: inizia così il racconto di Loredana Bertè sui social. La cantante ha spiegato di essersi esibita nelle date successive per non far angosciare i suoi fan: “Non volevo farvi preoccupare o creare ulteriore spostamenti nelle date del tour, quindi ho fatto tutti i successivi concerti in programma fino ad adesso, soffrendo in silenzio ma felice di essere con voi”. Ora, però, è arrivato il momento dello stop.

 

 

 

Aver cantato in quelle condizioni non ha aiutato la cantante, come lei stessa ha confermato: “In ospedale mi avevano dato minimo 20 giorni di riposo assoluto, cosa che non ho fatto, e quindi la costola non si è rimessa a posto, come ieri mi hanno spiegato alla visita di controllo. Ormai il dolore è troppo forte, e mi hanno sconsigliato di continuare a sollecitare la costola per 2h di seguito per un intero concerto”. Di qui la decisione di sospendere il tour e posticipare la data di Reggio Emilia a settembre 2022. Sul profilo della cantante, comunque, è stato precisato che i biglietti resteranno validi. In alternativa verrà garantito il rimborso.

 

 

 

La Bertè, però, ha voluto fare una puntualizzazione che ha sorpreso i suoi fan: Loredana infatti non rifiuterà l’invito della collega Gianna Nannini e si esibirà allo Stadio Artemio Franchi di Firenze il prossimo 28 maggio con un suo brano. A tal proposito ha detto: “Per fortuna lì dovrò fare solo una canzone non un intero concerto, per un solo brano ce la farò!“.

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: