attualità

“Avete capito cosa ha detto?”. L’ambasciatore svela il “messaggio cifrato” di Putin alla parata: che cosa ci aspetta

“avete-capito-cosa-ha-detto?”.-l’ambasciatore-svela-il-“messaggio-cifrato”-di-putin-alla-parata:-che-cosa-ci-aspetta

L’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci ha passato in rassegna gli undici minuti in cui Putin ha cercato di arringare la folla nella Piazza Rossa. E di fatto tra le pieghe del discorso c’è qualcosa che va oltre la retorica militare e la propaganda. Secondo l’ambasciatore, come riporta ilMessaggero, in quel messaggio ci sarebbe un sotto testo particolare che va decifrato.

 

 

E secondo Nelli Feroci il messaggio cifrato è diretto all’Occidente. Ma vediamo meglio questa analisi delle parole dello Zar: “È stato molto breve, con alcune conferme di cose che sapevamo già, mentre più interessante è ciò che non ha detto”. Infatti, secondo l’ambasciatore, il mancato annuncio della mobilitazione generale è un segnale chiaro: Putin non vuole innalzare il punto di scontro. “non c’è stata escalation nelle parole, e questo è positivo. Si potrebbe quasi interpretarlo come il segno che qualcosa sta maturando, che Putin apra uno spiraglio per una sospensione delle ostilità o quanto meno l’avvio di una seria forma di interlocuzione con Zelensky e l’Occidente”, afferma Nelli Feroci.

 

 

Poi arriva il messaggio cifrato che Putin avrebbe rivolto all’occidente: “Implicitamente, ha escluso il ricorso all’arma nucleare. Restano il duro attacco agli Stati Uniti e alla Nato e, ovviamente, la coreografia e la messa in scena nella Piazza Rossa come segnale di riaffermazione della potenza russa. In concreto non cambia nulla, rispetto alle previsioni di sviluppo nelle prossime settimane. Putin ha evitato di indicare i suoi obiettivi, e tanto meno dove e quando vorrà fermare l’offensiva sul terreno”. Infine l’ambasciatore si lascia andare a una “profezia” su cosa possa accadere sul terreno di battaglia nelle prossime settimane: “I missili su Odessa dove ieri c’era Michel, che ha dovuto ripararsi in un rifugio, accendono un grande punto interrogativo. Putin vorrà fermarsi con l’occupazione del Donbass e del corridoio che lo lega alla Crimea, o vorrà conquistare Odessa e precludere all’Ucraina l’accesso al mare?”. 
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: