attualità

Quelle giravolte degli ex comunisti diventati atlantisti

quelle-giravolte-degli-ex-comunisti-diventati-atlantisti

Le Metamorfosi di Ovidio? Nulla rispetto alle metamorfosi dei comunisti italici, comprese le più recenti con le quali sono diventati “pasdaran” dell’ortodossia atlantica, severi censori del pacifismo e predicatori umanitari. E questo senza mai riconoscere l’errore di essere stati comunisti al tempo dell’Urss di Breznev e Andropov. Anzi ritengono di avere tutti i titoli per dare lezioni oggi di atlantismo e umanitarismo. Prendiamo l’editoriale (sul Corriere della sera di venerdi) di Walter Veltro ni, il quale è una persona gentile, intelligente e piacevole, ma in quel pezzo ha cucinato un confuso minestrone in cui riesce a cantare le lodi del Nord Vietnam comunista che combatteva contro «l’invasione straniera» degli Usa e – al tempo stesso – le lodi dei soldati Usa che sbarcarono in Italia e in Normandia per combattere contro il nazifascismo (non furono due “invasioni” per la libertà?). Un inno combattente in cui Veltroni rinfaccia (senza nominarli) a Santoro e compagni il passato, ma dimenticando il suo. E il suo non è il passato di uno qualsiasi: Veltroni – iscrittosi alla Fgci nel 1970 è stato poi uno dei dirigenti nazionali del Partito Comunista Italiano quando ancora c’era l’Urss e il blocco comunista (la vicenda degli euromissili e di Comiso è degli anni ’80 e Veltroni c’era). Il Pci era un “partito fratello” di quel Pcus da cui vengono Putin e la classe dirigente russa di oggi. Quel Pcus a cui obbediva il Pci togliattiano, a lungo finanziato da Mosca (per capire quando finirono i finanziamenti bisogna leggere “Oro da Mosca” di Valerio Riva e non solo “L’oro di Mosca” di Gianni Cervetti). Da chi è stato parte della storia comunista ci si aspetta una riflessione vera sulla classe dirigente post-comunista che oggi governa a Mosca e sulle macerie lasciate dal comunismo. Prima di tuonare per tutto un editoriale contro la presunta «indifferenza» che Veltroni imputa a chi non condivide le sue attuali idee «atlantiste» sull’Ucraina, dovrebbe spiegarci quanto fu «indifferente» il suo Pci nei confronti degli orrori dell’Urss e regimi compagni.

 

 

«LA SOLUZIONE MIGLIORE»

Negli anni Settanta, quando lui era un militante comunista, già sapevamo tutto, già era uscito “Arcipelago Gulag” e sull’Unità e poi su Rinascita, nel febbraio ’74, Giorgio Napolitano, a nome del Pci, scriveva che l’espulsione del dissidente Solzenicyn era «la soluzione migliore» perché lo scrittore aveva «finito per assumere un atteggiamento di “sfida” allo Stato sovietico e alle sue leggi» e «non c’è dubbio che questo atteggiamento – al di là delle stesse tesi ideologiche e dei già aberranti giudizi politici di Solzenicyn – avesse suscitato larghissima riprovazione nell’Urss». Napolitano, che allora si scagliava contro «l’antisovietismo», è il simbolo autorevole del passaggio dal Pci filosovietico (lui fu dirigente del Pci al tempo di Togliatti) all’atlantismo più zelante. Ma senza mai fare autocritiche. Nella sua “autobiografia politica” del 2005 intitolata “Dal Pci al socialismo europeo” neanche cita mai Solzenicyn. Carlo Ripa di Meana, nel 2008, alla morte dello scrittore russo, su “Critica sociale”, in un articolo intitolato “Solzenicyn e il silenzio del Quirinale”, scriveva: «Avevo sommessamente suggerito, qualche mese fa, al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che nel 1974, allora responsabile della cultura del Pci, su l’Unità, aveva rumorosamente applaudito all’esilio comminato a Solzenicyn che, va ricordato, aveva già passato otto anni nel Gulag nell’immediato dopoguerra, che in una prossima occasione, o in forma privata o nel corso di una visita di Stato, chiedesse un incontro a Solzenicyn, ormai molto in là con gli anni e malato, per chiudere una pagina nera. Così non è stato. In questi ultimi giorni, mentre in tutto il mondo si sono ascoltate voci di statisti, di rimpianto e di riconoscenza per la grandezza di quest’ uomo e della sua vita, da Roma-Quirinale è venuto un silenzio arido, privo di umanità». Veltroni nel 2008 era il segretario del Pd: si espresse mai sulla vicenda? È sicuro che la storia dei post-comunisti – di cui è parte – oggi legittimi i suoi moniti umanitari sulla presunta «indifferenza» altrui? Oltretutto è un’accusa inaccettabile perché chi si oppone all’invio di armi, come i cattolici, lo fa perché vuole la pace per gli ucraini e lo fa dando loro ogni possibile aiuto umanitario (del resto bisogna anche non essere indifferenti ai costi pesantissimi che i bellicisti vorrebbero imporre agli italiani).
Quando si ha un tale passato comunista certamente si può evolvere e cambiare, ma bisognerebbe almeno evitare di andare a fare prediche agli altri sull’indifferenza, l’Occidente e la libertà.

 

 

GLI EX DELL’UNITÀ

Il Corriere della Sera, che oggi è guidato da giornalisti che vengono dall’Unità, a cominciare dal direttore, si distingue per fanatismo occidentalista. Talleyrand – che di cambi di casacca era esperto – consigliava: «Surtout pas trop de zèle». Anche perché si rischia il cortocircuito. Un intellettuale progressista francese, Robert Redeker, di recente ha osservato: «La simpatia degli europei è legittimamente attratta dall’Ucraina e dalla sua resistenza all’invasione, mentre questa resistenza esprime tutto ciò che gli europei hanno rifiutato negli ultimi decenni, quella cultura alla moda ridicolizzata e che l’istruzione scolastica ha cercato di distruggere: il sentimento della nazione, l’amore per la patria, della terra, il senso del sacrificio militare, la difesa dei confini, la sovranità e la libertà». È questa anche la contraddizione dei post-comunisti italici. Sono passati dall’apologia del cosmopolitismo apolide all’esaltazione del nazionalismo ucraino. Ma il nazionalismo non è lo spirito nazionale, come la polmonite non è il polmone. Il nazionalista impone la sua patria sulle altre. Il patriota ama tutte le patrie. È legittimo e nobile che gli ucraini si difendano dall’invasore. Ma non si può esaltare quel nazionalismo ucraino che dal 2014 ha combattuto le regioni russofone. Somiglia al nazionalismo russo che oggi nega l’Ucraina. Patrie, non nazionalismi. http://www.antoniosocci.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: