attualità

“Putin teme la rivoluzione colorata”. Lucio Caracciolo: cosa c’è dietro l’operazione in Ucraina

“putin-teme-la-rivoluzione-colorata”.-lucio-caracciolo:-cosa-c’e-dietro-l’operazione-in-ucraina

Putin teme la rivoluzione colorata, cioè un cambio di regime a Mosca”: Lucio Caracciolo ha parlato degli ultimi sviluppi della guerra in Ucraina nello studio di Lilli Gruber a Otto e mezzo, su La7. Il direttore di Limes, in particolare, ha spiegato: “Quella a cui stiamo assistendo è soprattutto la sfida della Russia all’ordine americano, una sfida aperta, bellica e destinata a cambiare il mondo”. Secondo lui, però, è molto importante prendere una posizione definitiva: “Se non decidiamo cosa fare in questo contesto, rischiamo di essere lasciati allo sbando”.

 

 

 

Parlando delle ripercussioni che questa situazione può avere sulla politica dei singoli Paesi, Caracciolo è passato a parlare delle elezioni francesi. E ha detto di essere rimasto colpito da un aspetto in particolare: “Sono morti tuti i partiti della quinta repubblica, e una democrazia senza partiti per me è una democrazia molto discutibile”. Un problema che, a suo dire, riguarderebbe anche l’Italia, vittima di “un sistema politico spappolato”.

 

 

 

Ospite del talk, poi, il giornalista ha parlato anche delle manifestazioni organizzate oggi per celebrare il 25 aprile. E ha criticato le contestazioni ai danni degli Stati Uniti e della Nato. Lo stesso Enrico Letta è stato definito “servo della Nato”. A tal proposito, Caracciolo ha detto: “Non si capisce cosa c’entri il 25 aprile con la guerra in Ucraina. Sovrapponiamo – come se fosse sempre presente – il passato all’attualità, mescoliamo tutto”.

 

 

 

0 commenti su ““Putin teme la rivoluzione colorata”. Lucio Caracciolo: cosa c’è dietro l’operazione in Ucraina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: