Connect with us

Hi, what are you looking for?

GOSSIP

Ambulanza della morte: nuovo arresto a Catania, accuse gravissime

ambulanza-della-morte:-nuovo-arresto-a-catania,-accuse-gravissime

Continua l’inchiesta denominata dai giornalisti e inquirenti “Ambulanza della morte”. I carabinieri della compagnia di Paternò hanno condotto in carcere il secondo barelliere con l’accusa di omicidio ed estorsione aggravata. L’arresto si è svolto su delega della direzione distrettuale Antimafia della Procura di Catania.

Dunque i carabinieri di Paternò hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Agatino Scalisi, indiziato per omicidio volontario pluriaggravato ed estorsione aggravata e continuata. E c’è poi anche l’aggravante del metodo mafioso, dato che gli inquirenti hanno già riscontrato inquietanti collegamenti fra le vicende dell’Ambulanza della morte con le attività illecite del clan Mazzaglia-Toscano-Tomasello.

Un secondo arresto nel caso dell’Ambulanza della morte

Lo scioccante caso dell’ambulanza della morte (Pixabay)

I Mazzaglia, i Toscano e i Tomasello, con cui il barelliere Scalisi si confrontava per il triste business dell’ambulanza della morte, sono mafiosi attivi a Biancavilla. Alleati con il clan Santangelo di Adrano (paese di origine di Scalisi).

Scalisi sarà chiamato a scontare trent’anni di carcere. Intanto la Corte d’Assise di Catania ha condannato con sentenza di primo grado alla pena dell’ergastolo il coimputato Davide Garofalo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Le Iene martedi 25 maggio: dallo scherzo a Khaby Lame, all’ambulanza della morte

Il Garofalo ha già presentato appello. E lo stesso farà di sicuro anche Scalisi. Ma difficilmente i due saranno scagionati. I giudici hanno in mano tantissime prove. E poi ci sono troppe testimonianze che confermano i fatti. I parenti delle vittime sono ancora sul piede di guerra, e non si arrenderanno facilmente.

La ricostruzione della Procura

Le Iene, e l’inchiesta sul caso di Garofalo e Scalisi (Captured)

Secondo i magistrati di Catania Garofalo e Scalisi, entrambi impiegati come sanitari su un’ambulanza privata, avrebbero ucciso dei malati durante il trasporto presso l’ospedale di Biancavilla, con iniezioni di aria per via endovenosa. E tutto ciò per favorire le imprese funebri gestite dalla mafia.

Scalisi, che aveva scelto il rito abbreviato, è stato condannato per un solo episodio: l’omicidio di un’anziana, trasportata in ambulanza il 5 aprile 2014. Garofalo invece è stato già condannato per tre omicidi accertati. In più su entrambi i soggetti incombe il reato di estorsione. E questo secondo delitto sarebbe stato commesso ai danni delle pompe funebri dei fratelli Arena (oggi collaboratori di giustizia), ossia l’agenzia che favorivano con le morti. Del caso si è a lungo interessato il programma Le Iene.

The post Ambulanza della morte: nuovo arresto a Catania, accuse gravissime appeared first on Ck12 Giornale.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

cronaca

Teresa Mannino si rese protagonista di uno spiacevole episodio di infedeltà, la stessa comica non si è mai nascosta ed ammise il suo gesto...

attualità

Nel tempo sono state diverse le riviste di moda che hanno riempito gli scaffali delle edicole in Italia. Tra le varie, andiamo a vedere...

attualità

Facendo un piccolo bilancio della tua vita cosa ne verrebbe fuori? Un successo clamoroso, seppur interiore, la soddisfazione personale e la consapevolezza di sé stessi,...

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: