attualità

Cade il telefono nella vasca, morta a 13 anni: il caso-choc e le cifre, perché è una strage

cade-il-telefono-nella-vasca,-morta-a-13-anni:-il-caso-choc-e-le-cifre,-perche-e-una-strage

Aveva appoggiato il telefono in carica sul bordo della vasca: Celestine, 13 anni, è morta per un arresto cardiorespiratorio provocato da una scossa elettrica poi risultata fatale. L’incidente domestico è avvenuto lo scorso 29 novembre a Mâcon in Saona e Loira, un dipartimento francese della regione Borgogna-Franca Contea. Insieme alla vittima, come spiega Leggo, c’era anche un’altra adolescente, colpita pure lei dalla scossa. Quest’ultima, però, è riuscita a salvarsi ed è stata dimessa martedì dall’ospedale della città.

 

 

 

Celestine, invece, era stata ricoverata d’urgenza a Lione. Ma alla fine non ce l’avrebbe fatta, stando a quanto riporta il quotidiano locale Le Journal de Saône-et-Loire. Una volta arrivati sul luogo dell’incidente, gli agenti di polizia della squadra anticrimine avevano cercato di rianimare la ragazza che era in arresto, senza però riuscirci. “È stato un banale incidente, ma dalle conseguenze terribilmente gravi”, ha confessato a Jsl la madre della giovane, mentre vagava disperata per i corridoi dell’ospedale.

 

 

 

Questo episodio, comunque, non rappresenta un caso isolato. Secondo l’Osservatorio nazionale della sicurezza elettrica, infatti, ogni anno in Francia si registrano 40 decessi per folgorazione e circa 3mila elettrificazioni. In un messaggio di prevenzione, la Direzione generale per la concorrenza, i consumi e il controllo delle frodi ha raccomandato di caricare i dispositivi elettronici all’esterno di ambienti umidi e soprattutto di non utilizzare dispositivi di questo tipo nella vasca da bagno o nella doccia.

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: