attualità

“Pronto a dire sì, ma ha una paura”. Draghi, indiscreto-bomba sul Quirinale: chi sono i franchi tiratori che possono rovinarlo

“pronto-a-dire-si,-ma-ha-una-paura”.-draghi,-indiscreto-bomba-sul-quirinale:-chi-sono-i-franchi-tiratori-che-possono-rovinarlo

Mario Draghi sarebbe pronto a rompere gli indugi per quanto concerne il Quirinale. L’indiscrezione-bomba arriva da Alberto Maggi, che su affaritaliani.it cita “fonti politiche ai massimi livelli” secondo cui il premier avrebbe fatto capire di essere favorevole alla sua elezione a presidente della Repubblica. Il motivo per cui non si è però ancora esposto sarebbero i franchi tiratori, ovvero quei parlamentari che – soprattutto dal lato grillino – potrebbero venir meno alle indicazioni dei rispettivi leader.

 

PER SOSTENERE LA CAMPAGNA DI LIBERO CLICCA QUI E FIRMA LA PETIZIONE: “NO A CHI VUOLE RUBARCI IL QUIRINALE”

 

Secondo Maggi, in questo senso solo la Lega sarebbe “granitica” sul nome di Draghi. Lo stesso non si può dire di 5 Stelle, Forza Italia, Pd, Italia Viva e soprattutto dei tanti ex grillini e del gruppo Misto: “Potrebbero essere in molti a non scrivere ‘Mario Draghi’ sulla scheda – sostiene Maggi – prima di infilarla nell’urna sotto la presidenza di Montecitorio”. Inoltre il precedente di Romano Prodi non è affatto incoraggiante, “con i 101 franchi tiratori che impallinarono l’ex premier e fondatore dell’Ulivo”.

 

 

Quindi Draghi prima di uscire allo scoperto vorrebbe assicurarsi che non finirà vittima di alcun tiro mancino. “È ovvio che se Draghi scende in campo per il Quirinale – scrive Maggi – vista la sua enorme maggioranza, è scontato e naturale che debba passare già alla prima votazione, quando viene richiesta la maggioranza di due terzi dei grandi elettori”.

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: