Connect with us

Hi, what are you looking for?

attualità

“Così reggiamo la massimo fino a Natale”. Covid, la profezia del mago dei numeri. Scenario: “Peggio della prima ondata”

“cosi-reggiamo-la-massimo-fino-a-natale”-covid,-la-profezia-del-mago-dei-numeri.-scenario:-“peggio-della-prima-ondata”

Senza terza dose di vaccino, la situazione Coronavirus è destinata a peggiorare drasticamente in Italia. “Possiamo reggere solo fino a Natale”, è l’avvertimento di Roberto Battiston, fisico e coordinatore dell’Osservatorio epidemiologico dell’Università di Trento. Non parla da virologo, quale non è, ma da “mago dei numeri: “I vaccini hanno contenuto i danni delle varianti e l’Italia regge – spiega al Quotidiano nazionale -. Ma è un discorso che vale fino a Natale, quando di questo passo è presumibile avremo 25-30mila nuovi contagi giornalieri: se le terze dosi non avranno ingranato e non sarà partita la campagna degli under 12, allora ci potrebbero essere serie difficoltà”.

 

 

 

 

“I 7 milioni di non immunizzati sono una mina vagante, se di questi si ammalasse il 5-10% sarebbe un disastro peggiore della prima ondata“, analizza riguardo ai no vax. “In questo momento la frazione di infetti che finiscono in ospedale è del 2,5%, molto di meno rispetto a un anno fa, quando era del 7%. Se abbiamo gli ospedali scarichi – nonostante una risalita della curva che non dà segnali di frenata, con un ritmo medio di nuovi infetti di 7-8mila al giorno e una crescita media settimanale di 2mila contagi – è grazie all’79% di italiani vaccinati (sul totale), alle mascherine e al Green pass“.

 

 

 

L’immagine, alla vigilia dell’inverno, è inquietante: “C’è un fiume in piena contenuto da alti argini, ma il livello dell’acqua in aumento da 3 settimane ha iniziato a esondare. Mantenendo una crescita costante, che è ipotizzabile duri per diverse settimane, arriveremo a Natale con 25-30mila casi al giorno. E, sempre al ritmo attuale, il sistema ospedaliero reggerà l’urto. Per arrivare al 10% delle occupazioni in Terapia intensiva serviranno 5-6 settimane, mentre per quanto riguarda il 15% delle aree non critiche, ci vorranno circa 9 settimane”.

 

 

 

 

 

Questo è il limite temporale per intervenire con una nuova campagna vaccinale, conclude Battiston, compresi gli under 12: “Dovremmo arrivare a decine di milioni di terze dosi per sentire gli effetti. Serviranno settimane per implementare queste due misure che consentirebbero in poco tempo di abbassare l’epidemia”. Però, avverte, c’è un’altra ipotesi: “Se l’epidemia si diffondesse tra i 7 milioni di non vaccinati, con un 5-10% di ammalati, il sistema sanitario sarà in ginocchio perché i numeri esplodono, come è avvenuto in Inghilterra e Germania“.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

cronaca

Teresa Mannino si rese protagonista di uno spiacevole episodio di infedeltà, la stessa comica non si è mai nascosta ed ammise il suo gesto...

attualità

Nel tempo sono state diverse le riviste di moda che hanno riempito gli scaffali delle edicole in Italia. Tra le varie, andiamo a vedere...

attualità

Facendo un piccolo bilancio della tua vita cosa ne verrebbe fuori? Un successo clamoroso, seppur interiore, la soddisfazione personale e la consapevolezza di sé stessi,...

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: