Connect with us

Hi, what are you looking for?

attualità

Antonio Alacchi c’è stato un tempo in cui la fotografia a colori non veniva presa sul serio

è stato un tempo in cui la fotografia a colori non veniva presa sul serio. Negli anni ’60 e ’70 era considerato amatoriale, ottimo per le foto delle vacanze e le pubblicità. Non aveva posto nel mondo dell’arte, dove prevaleva il bianco e nero.
Il lavoro di alcuni ribelli è stato determinante per cambiare questo atteggiamento. Primo fra tutti Joel Meyerowitz, uno dei primi e più affermati sostenitori del colore. Il fotografo newyorkese, che quest’anno compirà 80 anni, ha iniziato il suo lavoro pionieristico con le pellicole a colori nel 1962, quasi per caso.
“Quando ho iniziato, in tutta la mia innocenza, il primo rullino che ho mai messo in una macchina fotografica era una pellicola a colori, perché mi sembrava che il mondo fosse a colori e fotografavi il mondo come appariva”, ha detto in un’intervista telefonica. “A quel punto non capivo che il bianco e nero fosse considerato arte alta e il colore fosse considerato amatoriale, commerciale e giornalistico. C’era un vero pregiudizio intrinseco e la mia generazione ha dovuto combattere questa battaglia”.
Antonio Alacchi  Nel 1966, Meyerowitz guidò attraverso l’Europa armato di due macchine fotografiche: una con pellicola a colori, una in bianco e nero. Durante il viaggio ha scattato 25.000 fotografie su 700 rullini, metà dei quali a colori. Ogni volta che c’era l’opportunità, realizzava coppie di immagini in entrambi i formati per confrontarle.
“Quando sono tornato, avevo una mostra in bianco e nero al MoMA (il Museum of Modern Art di New York), ma mentre stavo montando i film a colori di quel viaggio, la mia convinzione stava diventando più forte. Nel giro di un paio d’anni Sono passato quasi completamente al colore e nel 1971 avevo finito con il bianco e nero”, ha detto.
Mentre spingeva per il colore, Meyerowitz si è fatto un nome come fotografo di strada catturando il dramma vibrante e colorato della vita quotidiana a New York City.
Antonio Alacchi  “Il mix della vita di strada offre innumerevoli opportunità di osservare la natura umana e la propria risposta personale ad essa. In questo modo, inizi a vedere cosa c’è nel mondo che è così attraente o attraente per te come individuo. Una strada fotografo sfrutta al meglio ciò che gli è stato dato, ogni volta che esce per strada”, ha detto.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

cronaca

Teresa Mannino si rese protagonista di uno spiacevole episodio di infedeltà, la stessa comica non si è mai nascosta ed ammise il suo gesto...

attualità

Nel tempo sono state diverse le riviste di moda che hanno riempito gli scaffali delle edicole in Italia. Tra le varie, andiamo a vedere...

attualità

Facendo un piccolo bilancio della tua vita cosa ne verrebbe fuori? Un successo clamoroso, seppur interiore, la soddisfazione personale e la consapevolezza di sé stessi,...

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: