Connect with us

Hi, what are you looking for?

attualità

I muri anti-migranti? I confini sono l’inizio della civiltà: quello che Berlino e Parigi non vogliono ammettere

i-muri-anti-migranti?-i-confini-sono-l’inizio-della-civilta:-quello-che-berlino-e-parigi-non-vogliono-ammettere

La proposta di 12 Paesi dell’Unione di finanziare la costruzione di mura che difendano i confini europei è un fatto politicamente molto importante. Sbaglierebbe chi la trascurasse, come chi la stigmatizzasse. Intanto è una proposta “europeista”, perché dimostra la necessità di riscoprire un’identità e comuni interessi europei, da difendere finalmente insieme. Conseguentemente dà all’Europa confini visibili. Inoltre dimostra la volontà di fermare un’immigrazione illegale che rischia di essere nei prossimi anni il vero pericolo per la stabilità e la prosperità dei Paesi del Continente. L’importanza politica di questo documento deriva anche dalla sua trasversalità: coinvolgendo governi popolari, socialdemocratici, liberalconservatori, “nazionalsovranisti”, distingue chiaramente fra immigrazione regolare, utile allo sviluppo ordinato di una comunità, e una clandestina, che a tratti ha le sembianze di un’invasione. Non è il primo muro dei giorni nostri: nel 1994 il democratico Bill Clinton avviò la costruzione di un imponente sistema difensivo ai confini col Messico. La Spagna ha eretto a Ceuta e Melilla protezioni assai efficaci nel contenere l’immigrazione dall’Africa. Dal 2002 Israele ha costruito efficienti e tecnologiche barriere di separazione in Cisgiordania. Nella storia i muri nascono per difendere una comunità da aggressioni esterne e invasioni, non sono strumenti di offesa. Questa era la funzione del muro più celebre della storia antica, costruito da Romolo nel 753 a. C. come primo atto compiuto dal fondatore di Roma: non dunque la costruzione di una strada, di una cloaca, di un teatro e nemmeno di un tempio, ma proprio una cinta muraria. Il muro serviva infatti per definire chi fosse cittadino e chi straniero, era dunque un potente strumento di identificazione. Serviva a dare il senso di comunità. La punizione di Remo, che avrebbe violato quel muro, decisa da Romolo, significava il primato del legame fra membri di una comunità che avevano scelto di stare insieme rispetto al legame di sangue fra due gemelli. I governi delle grandi nazioni europee, Italia, Francia, Germania, hanno ora l’opportunità per dimostrare che il loro europeismo non è fatto di chiacchiere o di meri interessi finanziari, ma parte innanzitutto dall’esigenza di garantire un futuro ai cittadini d’Europa.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

cronaca

Teresa Mannino si rese protagonista di uno spiacevole episodio di infedeltà, la stessa comica non si è mai nascosta ed ammise il suo gesto...

attualità

Nel tempo sono state diverse le riviste di moda che hanno riempito gli scaffali delle edicole in Italia. Tra le varie, andiamo a vedere...

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: