Connect with us

Hi, what are you looking for?

BUSINESS

Ecco quanto vale il patrimonio di Dolly Parton, regina americana della musica country

ecco-quanto-vale-il-patrimonio-di-dolly-parton,-regina-americana-della-musica-country

A metà degli anni ’70 Elvis Presley, allora nel bel mezzo del suo ritorno in scena, si avvicinò a Dolly Parton. Voleva fare una cover di I Will Always Love You, singolo di Parton in vetta alle classifiche nel 1974. Avere il re del rock and roll sulla copertina di uno dei suoi brani sembrava un gioco da ragazzi.

Ma c’era un problema: il manager di Presley voleva che firmasse oltre la metà dei diritti di pubblicazione. Parton si rifiutò. Da quando ha fondato la sua casa editrice musicale nel 1966, ha mantenuto quasi tutti i suoi diritti di pubblicazione, il che significa che le è stata pagata una royalty più alta ogni volta che una delle sue canzoni viene riprodotta o interpretata. Non aveva intenzione di cambiare, nemmeno per il re del rock. L’affare quindi saltò.

Quasi due decenni dopo, Whitney Houston ha interpretato la canzone, e Parton ha fatto suoi quei lucrosi diritti di pubblicazione. Ogni volta che viene trasmesso il brano alla radio, acquistato come cassetta o utilizzato in un film, Parton riceve una fee per la pubblicazione.

Quella canzone l’ha resa molto ricca: “Quando è uscita la versione della Houston, ho guadagnato abbastanza soldi per comprare Graceland”, ha detto a Country Music Television nel 2006. (In realtà, non ha comprato Graceland ma ha investito i diritti d’autore della canzone in una comunità nera a Nashville, acquistando un complesso di uffici lì).

Un catalogo milionario

Proprio quel tipo di astuta mentalità imprenditoriale ha aiutato Parton a costruire una fortuna pari secondo le stime a 350 milioni di dollari. E mentre il suo catalogo musicale ne costituisce circa un terzo, la sua più grande risorsa è Dollywood, il parco divertimenti a Pigeon Forge, nel Tennessee, che ha cofondato 35 anni fa. Una delle numerose mosse fatte da Parton, che ha dimostrato di essere una donna d’affari di talento, oltre a una cantautrice.

All’età di 75 anni, Parton è più richiesta che mai. Nel 2019 ha firmato un accordo con la società IMG per espandere il suo marchio in prodotti di consumo. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo album per le vacanze in 30 anni e ha recitato nel film di Netflix Christmas on the Square. Il suo film Dolly Parton’s Heartstrings: These Old Bones è stato nominato per un Emmy Award a luglio 2020. Il mese scorso, ha lanciato il suo primo profumo chiamato “Scent from Above”, presentato in una bottiglia luccicante. Parton ha anche esteso il suo target a una generazione più giovane: ha raggiunto 5,2 milioni di follower su Twitter e 4,3 milioni su Instagram, dove è diventata virale l’anno scorso dopo aver scatenato un meme.

Nata nel 1946 in una baita nelle zone rurali del Tennessee, Parton è cresciuta guardando suo padre che si dava da fare come mezzadro, coltivatore di tabacco e operaio edile, e ascoltando sua madre cantare mentre si prendeva cura dei suoi 12 figli. Ha iniziato a esibirsi da bambina, prima in chiesa e poi nelle stazioni televisive e radiofoniche locali, prima di trasferirsi a Nashville il giorno dopo il diploma di scuola superiore, nel 1964, per intraprendere una carriera nel settore.

Ha iniziato come cantautrice, co-scrivendo successi country con suo zio. Inizialmente, è stata ingaggiata dalla Combine Music, ma quando quel contratto è scaduto nel 1966, la ventenne Parton ha preso una delle decisioni aziendali più importanti della sua carriera: fondare con lo zio la sua casa editrice.

Da allora in poi, Parton, che ha occupato per 25 volte la prima posizione nella classifica Hot Country Songs di Billboard, è diventata proprietaria dei diritti di pubblicazione. Dal suo album di debutto, Hello I’m Dolly del 1967, fino al suo ultimo, A Holly Dolly Christmas del 2020, Parton ha insistito per mantenere la piena proprietà dei suoi diritti di pubblicazione e, a eccezione di una manciata di brani, li possiede ancora tutti.

Quella decisione si è rivelata premonitrice. Mentre investitori come Universal Music e Hipgnosis hanno iniziato a strappare i diritti di brani come quelli di Bob Dylan (in un accordo del valore di 325 milioni) e Paul Simon (250 milioni), il valore di quelli di musica popolare ha raggiunto il suo massimo storico. La libreria di Parton di oltre tremila crediti di canzoni, inclusi successi come 9 to 5 e Jolene, secondo quanto riferito, porta nelle sue casse tra i 6 milioni e gli 8 milioni in pagamenti di royalty ogni anno. Forbes stima che il catalogo di cui è proprietaria valga circa 150 milioni di dollari.

Il parco di divertimenti più visitato del Tennessee

Il suo ingresso nel mondo dei parchi di divertimento è stata un’altra saggia decisione. Nel 1986 ha cercato di utilizzare alcuni dei milioni che aveva guadagnato come star della musica country e investire nella sua città natale. Ha collaborato con Herschend Family Entertainment per trasformare il loro parco divertimenti del Tennessee orientale, Silver Dollar City, in Dollywood, costruendo luoghi a tema come il ristorante di Aunt Granny, il teatro Back Porch da 450 posti e la corsa in rafting Smoky Mountain River Rampage.

Con così tanti fan nello stato in cui Parton è cresciuta e il suo autentico legame con le vicine Smoky Mountains, il parco è stato un successo. Nella sua prima stagione, Dollywood ha attirato 1,3 milioni di visitatori, un aumento del 75% rispetto alla stagione di Silver Dollar City dell’anno precedente. Il parco è ora l’attrazione turistica più visitata del Tennessee, attirando circa 3 milioni di visitatori all’anno. La quota del 50% di Parton vale circa 165 milioni di dollari secondo le stime di Forbes.

“È un pezzo di America”, afferma Evan Weiss, direttore operativo della società di consulenza LW Hospitality Advisors, che ha lavorato a progetti nella regione.

Dal 1986, il parco a tema si è ampliato: la società ha speso 110 milioni di dollari in aggiunte e Parton è comproprietaria del vicino parco acquatico Splash Country (la quota di Parton vale circa 20 milioni di dollari), il DreamMore Resort and Spa (15 milioni di dollari) e otto ristoranti e teatri con ristoranti nella zona. La Dollywood Company sta attualmente lavorando alla costruzione di un altro hotel, l’HeartSong Lodge & Resort di Dollywood, nella regione, come il primo di un investimento decennale da 500 milioni di dollari nelle sue proprietà.

Anche se può sembrare contraddittorio, la pandemia potrebbe aver effettivamente aiutato Dollywood, afferma il consulente per l’ospitalità Weiss, data la posizione del parco nel mercato. Sebbene all’inizio l’attrazione abbia perso mesi di entrate, una volta riaperta nel giugno 2020, inizialmente con una capacità limitata e con l’aggiunta di centinaia di stazioni di disinfettante per le mani, è diventata un’attrazione turistica di riferimento per i viaggiatori della regione che desideravano un vacanza all’aria aperta senza rischi e senza la necessità di prendere un aereo. “Il mercato drive-to-staycation è in fiamme, e lo è diventato dallo scorso anno”, afferma Weiss.

Secondo un sondaggio di Morning Consult di fine luglio incentrato sul ritorno alla normalità, il 75% degli americani ha affermato di sentirsi al sicuro e a proprio agio durante un viaggio su strada, mentre solo il 41% afferma di essere a proprio agio con i voli nazionali e il 30% è a proprio agio con voli internazionali. Pigeon Forge, nel Tennessee, è entrata nell’elenco 2021 delle destinazioni di tendenza per Tripadvisor grazie alla sua crescente popolarità tra i viaggiatori.

Ma il coronamento del successo di Parton negli ultimi due anni ha poco a che fare con la musica, la recitazione o i parchi a tema: nell’aprile 2020, ha annunciato un regalo di 1 milione di dollari alla Vanderbilt University per aiutare la ricerca sul coronavirus; sette mesi dopo, un rapporto del New England Journal of Medicine ha rivelato come quei soldi abbiano contribuito a finanziare il vaccino di Moderna.

“Vaccino, vaccino, vaccino, vaccino, ti prego, non esitare”, ha cantato sulle note di Jolene. “Vaccino, vaccino, vaccino, vaccino, perché una volta che sei morto è troppo tardi.”

L’articolo Ecco quanto vale il patrimonio di Dolly Parton, regina americana della musica country è tratto da Forbes Italia.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

World

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum.

BUSINESS

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione.

Politics

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae.

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: