Connect with us

Hi, what are you looking for?

milano

La morte del sindacalista Adil Belakhdim per me è sintomo di un disagio profondo nel Paese

la-morte-del-sindacalista-adil-belakhdim-per-me-e-sintomo-di-un-disagio-profondo-nel-paese

di Fabio Barbieri

Condivido le riflessioni fatte il giorno dopo la morte del sindacalista Adil Belakhdim dall’amico Alvi Torrielli: abbiamo deciso di farlo oggi lontano dal clamore mediatico perché crediamo che ricordare è fondamentale, perché possa non ricapitare.

Di fronte alla notizie del sindacalista travolto ed ucciso da un camionista per forzare il presidio di Biandrate, mille riflessioni si affastellano nelle mente, oltre al dolore per una morte assurda. Al di là del singolo episodio, su cui saranno gli inquirenti a dire l’ultima parola, quello che mi interessa è provare a rispondere ad una domanda, già di per sé inquietante: è stato un attimo di pazzia oppure è il sintomo di un disagio profondo nel Paese? Colpevolizzare la follia sarebbe rassicurante, ma sarebbe solo l’ennesima fuga da una realtà che, quotidianamente, sta presentando il conto.

Ricercando una causa sociale, molti sono gli spunti che emergono: la tensione legata alla pandemia ha logorato tutti noi, l’incertezza del futuro, di cosa accadrà con l’arrivo dell’autunno, il timore che la luce che ora ci sembra di poter veder alla fine del tunnel possa rivelarsi solo un’illusoria fiammella è un pensiero strisciante in fondo alle nostre menti, per non parlare dei problemi economici e lavorativi che emergeranno a breve. Credo, però, che in fondo anche questa sia di per sé una rassicurante valutazione che limita ad un fenomeno devastante ma puntuale, come una pandemia, le problematiche che stanno dietro i molti casi di tensione sociale, di cui quello di Biandrate sembra essere solo un epifenomeno.

Rassicurante perché ci permette di scaricare fuori di noi la responsabilità di quanto sta avvenendo: che colpa abbiamo se un maledetto virus si è diffuso nel mondo, togliendoci la vita sociale, minando il nostro modello economico? Noi siamo solo vittime in questa situazione!

Ma com’era il mondo prima del Covid? Davvero possiamo dire che la colpa sta tutta in quel maledetto coronavirus? O forse il problema sta in un modello sociale ed economico che ci vuole sempre più omologati, che ci allontana dal nostro essere umani per trasformarci in esseri produttivi, la cui unica funzione è contribuire alla creazione di una ricchezza che, oltretutto, si sta sempre più concentrando in poche mani?

Qualche tempo fa una pubblicità consigliava, a fronte di una sempre maggiore difficoltà di un impiegato qualunque a svolgere la crescente mole di lavoro, di prendere un integratore per poter riuscire nell’impresa. Il messaggio è devastante: non rivendicare un’attività lavorativa adeguata, ma piuttosto doparsi per lavorare! Si potrebbe obiettare che, in fondo, era una pubblicità e che l’obiettivo è quello di vendere un prodotto, non di rivendicare migliori condizioni lavorative; ma è l’insieme di messaggi come questi a creare una cultura in cui i diritti dell’uomo sono secondari all’unica legge che non può mai essere messa in discussione: quella del mercato, della produttività ad ogni costo.

La funivia del Mottarone, il ponte Morandi sono solo l’apice di una serie infinita di casi in cui il profitto è stato messo sopra tutto, e sono altrettanto numerosi i casi, con il ricatto occupazionale, di coercizione sui lavoratori perché chiudano un occhio, come dimostrano le tre morti giornaliere sul lavoro!

Tornando ai fatti, l’autista che si è trovato di fronte dei lavoratori che stavano rivendicando migliori condizioni che cosa avrà pensato? Avrà sentito la vicinanza con chi, come lui, quotidianamente lavora in condizioni sempre più dure o invece avrà visto degli ostacoli al conseguimento del sacro obiettivo lavorativo quotidiano? Gli eventi danno una devastante risposta a questo quesito e consegnano a tutti noi un ulteriore interrogativo: stiamo facendo quanto basta per cambiare la società, per renderla più equa, o viviamo passivamente, indignandoci a comando ogni qual volta accadono fatti come questo?

Per citare la frase attribuita a Edmund Burk: “Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all’azione”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.

Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Ex-Ilva Genova, Orlando: “Ho chiesto lo stop alla cassa integrazione e l’azienda ha detto no”

next

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

attualità

Inizia nel segno di Loretta Goggi l’undicesima edizione di Tale e Quale Show. Il talent vip di Rai 1 condotto da Carlo Conti si...

World

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum.

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: