amazon-web-services-e-ferrari,-insieme-per-cloud-e-intelligenza-artificiale

Amazon Web Services e Ferrari, insieme per cloud e intelligenza artificiale

A Maranello si spinge forte sul processo di innovazione. Dopo l’annuncio della nomina di Benedetto Vigna come nuovo Ad, ora c’è la scelta di Amazon Web Services, come fornitore ufficiale di cloud, machine learning e intelligenza artificiale.

Un accordo a tutto campo, che comprederà sia la F1 che il mondo delle supercar stradali, le competizioni GT, il Ferrari Challenge (il campionato monomarca delle Rosse) e tutte le attività della fabbica, per “ottimizzare la progettazione e i test delle sue auto, offrendo ai clienti le esperienze di guida più emozionanti possibili”. Alla Ferrari, si sa, il lato ludico è importantissimo. Così la casa di Maranello si avvarrà di AWS anche per lanciare una piattaforma digitale di coinvolgimento dei fan, attraverso la sua app mobile, per raggiungere centinaia di milioni di fan in tutto il mondo con contenuti esclusivi e personalizzati. 

“La Ferrari – spiegano ad Amazon – sfrutterà il nostro Elastic Compute Cloud, con una gamma di tipi di istanze specializzate per un efficiente calcolo ad alte prestazioni (HPC), per eseguire simulazioni complesse che testano le prestazioni delle auto in un’ampia varietà di condizioni di guida e scenari di gara. Come parte di questo lavoro, Ferrari userà istanze basate su AWS Graviton2, che offrono costantemente fino al 40% di prestazioni migliori rispetto alle istanze comparabili basate su x86 della generazione attuale. Inoltre, attingendo alla scala virtualmente illimitata delle risorse HPC di AWS, Ferrari può eseguire migliaia di simulazioni simultaneamente per ottenere approfondimenti molto più velocemente di quanto sia mai stato possibile prima eseguendo simulazioni in un ambiente on-premises”.

(fotogramma)

Lo scopo di tutto questo è anche capire come i componenti di ogni macchina si comportano nelle condizioni del mondo reale. Non è un caso che – per sostenere questo enorme lavoro di simulazioni – Ferrari utilizzerà Amazon Simple Storage Service (Amazon S3) e AWS Lake Formation per raccogliere, catalogare ed elaborare in modo rapido e sicuro centinaia di petabyte (1 petabyte equivale a mille terabyte, a un milione di gigabyte) di dati. Ferrari esaminerà i fattori che influenzano le prestazioni dell’auto e la gestione del guidatore, come la temperatura del motore a diverse velocità del veicolo, i modelli di vibrazione del veicolo su diverse superfici stradali e i carichi delle sospensioni che influenzano la presa del veicolo su strada. Utilizzando i servizi AWS per ottenere una visione olistica delle prestazioni dell’auto, Ferrari può offrire ai propri clienti esperienze di guida più emozionanti, ma anche più sicure e affidabili”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: