attualità

Mascherine all’aperto, il Cts dà l’ok a toglierle: ipotesi addio il 28 giugno

mascherine-all’aperto,-il-cts-da-l’ok-a-toglierle:-ipotesi-addio-il-28-giugno
Spread the love

Erano obbligatorie dall’8 ottobre 2020

Rossella Grasso — 21 Giugno 2021

LUNGOMARE DI BARI RAGAZZI  SENZA MASCHERINE
LUNGOMARE DI BARI RAGAZZI SENZA MASCHERINE

Il via libera del Cts c’è: non sarà più obbligatorio indossare le mascherine all’aperto. Bisognerà sempre tenerle con sé da indossare in caso di assembramento. La data in cui si potranno togliere non è ancora certa ma si pensa o a lunedì 28 giugno o al successivo 5 luglio. Il Cts non ha espresso una data precisa, su questo sarà il governo a decidere.

Ma la campagna vaccinale incalza e non sembra ci siano troppe differenze epidemiologiche per cui le due date previste non fanno toppo la differenza. Potrebbe dunque chiudersi così l’incubo della mascherina che gli italiani sono costretti a indossare dall’8 ottobre 2020. Lo stabilì un decreto dell’allora premier Giuseppe Conte. Erano i tempi dell’inizio della seconda ondata, quando i 3mila contagi quotidiani spaventavano tutti.

La mascherina si rese obbligatoria sia in luoghi all’aperto che al chiuso “fatta eccezione per le abitazioni private e per le circostanze in cui sia garantito un isolamento continuativo rispetto a persone non conviventi”, esentando dall’obbligo solo “i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva, i bambini di età inferiore ai sei anni e i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina”.

A breve la mascherina sarà solo un ricordo, quello da tenere in borsa o in tasca e da tirare fuori solo all’occorrenza. Era stato il presidente del Consiglio Mario Draghi ad annunciare l’invio della richiesta dopo aver sottolineato che “altri Paesi lo hanno già fatto”. Ora è arrivato il via libera.

Si dovrà tuttavia rispettare le regole sul distanziamento. Probabilmente bisognerà indossare al mascherina quando si entra nei negozi, stessa regola per chi va nei centri commerciali. Per i locali pubblici valgono le regole già in vigore. Se si sta al chiuso si può togliere la mascherina quando si è seduti al tavolo mentre bisogna metterla quando ci si alza per andare al bagno, per uscire o per avvicinarsi alla cassa.

È presumibile che sarà mantenuta per il personale dei locali pubblici anche quando impegnato all’aperto, però su questo aspetto bisognerà aspettare le decisioni del Governo.

Rimane obbligatorio viaggiare con naso e bocca coperti. Su aerei e treni le regole non cambiano, anche tenendo conto che la capienza dei vagoni è stata portata all’80 per cento. Alla fermata dell’autobus si può togliere la mascherina, ma una volta saliti a bordo bisognerà mantenerla per la durata del tragitto. Si tratta infatti di un luogo chiuso e dunque non sono previste eccezioni.

Giornalista professionista e videomaker, ha iniziato nel 2006 a scrivere su varie testate nazionali e locali occupandosi di cronaca, cultura e tecnologia. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Tra le varie testate con cui ha collaborato il Roma, l’agenzia di stampa AdnKronos, Repubblica.it, l’agenzia di stampa OmniNapoli, Canale 21 e Il Mattino di Napoli. Orgogliosamente napoletana, si occupa per lo più video e videoreportage. E’ autrice del documentario “Lo Sfizzicariello – storie di riscatto dal disagio mentale”, menzione speciale al Napoli Film Festival.

© Riproduzione riservata

0 commenti su “Mascherine all’aperto, il Cts dà l’ok a toglierle: ipotesi addio il 28 giugno

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: