puntarelle,-ʼnduja-e-caprino-tra-lingue-di-suocera

Puntarelle, ʼnduja e caprino tra lingue di suocera

Puntarelle, ʼnduja e caprino tra lingue di suocera

La millefoglie originale si prepara con la pasta sfoglia. Noi abbiamo giocato stratificando le lingue di suocera, una specialità piemontese. E se non vi sentite architetti, decostruite e gustate uno strato alla volta

Ingredienti

  • 320 g caprino vaccino oppure robiola cremosa
  • 200 g puntarelle
  • 50 g ʼnduja (salame piccante spalmabile, specialità calabrese)
  • 30 g mandorle pelate
  • 4 lingue di suocera (schiacciate friabili e sottili, tipo larghi grissini, specialità piemontese)
  • olio extravergine di oliva
  • ghiaccio
  • aglio
  • sale

Durata:  25 min

Livello: Facile

Dosi: 4 persone

Per la ricetta di questa millefoglie alternativa, puntarelle, ʼnduja e caprino tra lingue di suocera, iniziate amalgamando il caprino con la ’nduja ottenendo una crema.

Mondate le puntarelle (conservate però le foglie esterne), tagliatele a listerelle nel senso della lunghezza e immergetele in acqua fredda così che acquistino croccantezza.

Frullate le foglie esterne tenute da parte (30 g circa) con le mandorle pelate, un pezzetto di aglio, 120 g di olio, un pizzico di sale e un cubetto di ghiaccio (servirà a mantenere il colore brillante e a rendere cremoso il pesto).

Dividete le lingue di suocera in 3 parti ciascuna, poi montate 4 millefoglie appena prima di servirle: distribuite la crema di caprino e la ’nduja, un po’ di puntarelle e qualche goccia di pesto su ciascuna parte di lingua di suocera e poi sovrapponetele.

Ricetta: Joëlle Néderlants, Foto: Riccardo Lettieri, Styling: Beatrice Prada


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: