c’e-uno-youtuber-al-quirinale:-i-dati-di-12-anni-del-canale-video-del-presidente

C’è uno youtuber al Quirinale: i dati di 12 anni del canale video del presidente

Il 17 giugno 2009 il Quirinale apriva il suo canale YouTube. Fino a quel momento i video erano stati pigramente ospitati dal sito istituzionale. Ma a un certo punto qualcuno deve aver capito che quella piattaforma, che era già entrata a far parte del mondo di Google, aveva un senso. E il senso era: il presidente della Repubblica è di tutti e deve poter arrivare a tutti. La partenza fu molto felpata: il primo video caricato, il 17 giugno appunto, fu il discorso di Capodanno del presidente Giorgio Napolitano del 2009, casomai qualcuno lo avesse perso. 

Un vero boom ottenuto senza snaturare la nostra istituzione più importante, senza ammiccare al linguaggio dei social, ma semplicemente documentando le attività del presidente. Lo dimostra la classifica, ufficiosa, dei video più visti dove svettano le visite ufficiali negli Stati Uniti, in Russia e Cina e il discorso di fine anno del 2018 ma anche il cambio della guardia al femminile in occasione della giornata mondiale delle donne del 2018. Un utente su tre dei video del Quirinale ha fra i 18 e i 34 anni, segno che la piattaforma sta servendo ad avvicinare la presidenza alle nuove generazioni anche per via di video meno formali come quelli che raccontano il dietro le quinte della vita nel palazzo o i gioielli artistici custoditi. Insomma, il canale funziona. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, potremmo dire che c’è uno youtuber al Quirinale. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: