SPORT

Denise Pipitone, nuova lettera anonima: “Voglio la verità”

denise-pipitone,-nuova-lettera-anonima:-“voglio-la-verita”
Spread the love

Denise Pipitone, nuova lettera anonima inviata in una nota trasmissione tv: c’è chi dice di conoscere bene la famiglia Corona

Quasi diciassette lunghi anni di silenzi che hanno fatto impantanare l’inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone. Ma negli ultimi ultimi due mesi pare che la cortina di silenzio sulla vicenda, l’omertà di chi forse aveva visto ma ha sempre taciuto, stiano crollando e la verità potrebbe essere più vicina.

(Screenshot Rai)

Le nuove indagini da parte della procura stanno vagliando diverse piste e ora spunta anche una nuova lettera anonima diversa da quella inviata a ‘Chi l’ha visto?’ e all’avvocato Frazzitta. Questa volta è stata mandata alle trasmissione ‘Ore 14’, su Rai Due, e Milo Infante ne ha letto alcuni brani dicendo che comunque è già stata inviata agli inquirenti di Marsala.

Il mittente, che non è rimasto anonimo anche se per ovvi motivi il suo nome non è stato svelato, sembra sapere molti particolari sulla famiglia di Anna Corona (la moglie del padre naturale di Denise). E la sua missione è chiara: “Io voglio la verità su Denise… Non sono un collaboratore di giustizia e mai lo sarò. Ho frequentato molto Mauro Corona ma ripeto non sarò mai un collaboratore di giustizia”.

Il nuovo presunto testimone dice di avere molto da svelare per tutelare se stessi e la sua famiglia e scrive una frase che sembra rispuntare dal passato: “Donne e bambini non si toccano“. Il codice della vecchia mafia che non li metteva mai di mezzo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, spunta un nuovo mistero: cosa c’era in quella casa?

Denise Pipitone, nuova lettera anonima: tira di nuovo in ballo la famiglia di Anna Corona

Quello che traspare dalla nuova lettera anonima è il clima pesante a Mazara del Vallo e il ruolo della famiglia Corona in alcune oscure vicende che affondano le radici nel passato. Già la scorsa settimana un testimone intervistato a ‘Chi l’ha Visto?’ aveva detto di conoscere molto da vicino quella famiglia. “Ho lavorato con loro, parlo di lavoro sporco non lavoro pulito. A Mazara quasi tutti temono queste persone avendo traffici illeciti, queste persone si difendono tra di loro”, aveva raccontato.

Claudio Corona (Screnshot Rai)

Secondo quell’uomo sia Claudio Corona che la sua famiglia godrebbero di una protezione speciale, di appoggi importanti e anche su questo sta indagando la procura. L’uomo però, raggiunto per una breve dichiarazione, aveva respinto ogni accusa dicendo che non esistono motivi per avere paura della sua famiglia. Tutti particolari che rimangono da chiarire.

0 commenti su “Denise Pipitone, nuova lettera anonima: “Voglio la verità”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: