TECNOLOGIA

Privacy e iPhone, Facebook aggira i blocchi di Apple e ci traccia lo stesso

privacy-e-iphone,-facebook-aggira-i-blocchi-di-apple-e-ci-traccia-lo-stesso
Spread the love

A partire da iOS 14.5, le app per iPhone e iPad devono chiedere il permesso agli utenti con un pop-up dedicato prima di tracciarli a fini pubblicitari. A fare le spese di questa decisione sono stati i servizi che basano il proprio modello di business sulla profilazione, come ad esempio Facebook e le altre aziende del gruppo di Menlo Park.

I social controllati da Zuckerberg, uno dei critici più feroci delle novità per la privacy volute da Apple, hanno però già a disposizione altri metodi per raccogliere comunque quanti più dati possibili dagli utenti iPhone, anche quando il tracciamento è stato bloccato tramite il nuovo pop-up. 

Quando si carica una foto scattata con lo smartphone Apple all’interno di Facebook o Instagram, ad esempio, i due servizi sono in grado di leggere tutti i metadati delle foto, incluse le coordinate GPS del luogo in cui è stata scattata. Nella versione dell’immagine che comparirà sui social quei dati vengono adeguatamente eliminati, ma nel frattempo l’app li avrà incamerati per elaborarli, incrociarli, ricombinarli nel profilo pubblicitario dell’utente. 

La posizione GPS di una foto è un dato che può essere utilizzato per abilitare funzioni molto utili, come la ricerca su base geografica all’interno delle foto dell’iPhone o in Google Foto. Tuttavia né Facebook né Instagram usano il dato “EXIF” a questo scopo, ma solo ed esclusivamente per tracciare la localizzazione dell’utente attraverso la posizione GPS delle immagini scattate. Anche qualora l’utente avesse scelto di disattivare lo storico delle posizioni (la “location history”) dalle impostazioni della privacy del social di Zuckerberg.

Come segnalato su Forbes dall’esperto di sicurezza e privacy Zak Doffman, questo uso delle informazioni sulla posizione presenti nelle foto è esplicitato nell’informativa sulla privacy di Facebook: “i dati che raccogliamo”, si legge, “possono includere informazioni nel o sul contenuto fornito dall’utente (metadati), come la posizione di una foto o la data in cui un file è stato creato”. 

L’unico modo per impedire a Facebook e Instagram di raccogliere le informazioni di localizzazione dalle immagini è quello di eliminarle in automatico prima di caricare le foto. Su App Store ci sono applicazioni gratuite che permettono di farlo con semplicità (cercate “exif stripper”). In alternativa si può disattivare la registrazione della posizione della foto dalle opzioni dell’app Fotocamera, perdendo però così la possibilità di cercare le foto nell’iPhone in base alla posizione. Basterebbe invece che iOS integrasse questa possibilità di serie, in una futura versione del sistema operativo, ad esempio con un’opzione che elimini il dato GPS dalle immagini caricate nelle app se l’utente ha scelto di non condividere la posizione o di bloccare il tracciamento.

Nel frattempo, nonostante il successo delle nuove funzioni sulla privacy di iOS 14.5, non è arrivata alcuna spallata al modello di business di Facebook. Mark Zuckerberg e i suoi nei mesi scorsi hanno attaccato a più riprese le scelte di Apple, accusando Tim Cook e i suoi di comportamenti anticoncorrenziali, e suggerendo che a far le spese di questi cambiamenti sarebbero state le piccole imprese che fanno pubblicità tramite la piattaforma social. Durante l’ultima trimestrale, a fine aprile, l’azienda di Menlo Park ha dichiarato che l’impatto dell’App Tracking Transparency (il nome dato da Apple all’insieme di nuove funzioni anti-tracciamento) sarebbe stato “gestibile”, e che non si attendono particolari contraccolpi economici legati ai cambiamenti introdotti da iOS 14.5.

0 commenti su “Privacy e iPhone, Facebook aggira i blocchi di Apple e ci traccia lo stesso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: