attualità

“Sei donna, non puoi stare qui”. La denuncia di Aurora dei The Jackal: “Mi hanno cacciato dalla Partita del cuore”

“sei-donna,-non-puoi-stare-qui”.-la-denuncia-di-aurora-dei-the-jackal:-“mi-hanno-cacciato-dalla-partita-del-cuore”
Spread the love

L’accusa al Dg Pecchini, che smentisce

Fabio Calcagni — 25 Maggio 2021

“Sei donna, non puoi stare qui”. La denuncia di Aurora dei The Jackal: “Mi hanno cacciato dalla Partita del cuore”

“Da quando in qua le donne giocano a calcio?”, e poi “sei donna, non puoi stare qui”. Sarebbero queste le parole pronunciate da Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Italiana Cantanti, per allontanare Aurora Leone dal tavolo ‘per soli uomini’ riservato ai membri della rappresentativa che questa sera scenderà in campo per la ‘Partita del cuore’ all’Allianz Stadium di Torino.

La comica casertana di 22 anni, membro del collettivo The Jackal, ha denunciato l’accaduto tramite alcune stories su Instagram girate assieme a Ciro Priello, altro membro dei The Jackal e vincitore della prima edizione italiana di “LoL”, convocato anche lui per la partita tra cantanti e Campioni per la Ricerca che andrà in onda stasera su Canale5. 

Inizialmente Aurora e Ciro pensano di dover lasciare il tavolo perché appartenenti alla squadra avversaria, ma Pecchini avrebbe precisato che era solo la Leone a dover lasciare il tavolo in quanto donna, Priello al contrario era il benvenuto.

I toni si sarebbero quindi alzati, la 22enne ha ricordato al Dg della Nazionale Cantanti di esser stata ufficialmente convocata, di aver preso un treno da Napoli a Torino per poter partecipare e di aver anche ricevuto la richiesta delle misure per le divise ufficiali. A tutto questo Pecchini avrebbe risposto così: “Ma tu il completino te le puoi mettere pure in tribuna, che c’entra. Le donne non giocano. Queste sono le nostre regole e se non le volete rispettare dovete uscire da qua” e ancora “non farmi spiegare perché non puoi stare seduta qui, tu non puoi e basta”.

Ciro Priello e Aurora Leone, ovviamente, non parteciperanno alla partita, pur invitando i followers a contribuire alla causa della Partita del cuore. “Sono successe cose che hanno dell’incredibile — ha aggiunto Ciro, visibilmente sconvolto sui social -. Aurora è stata vittima di una vera e propria violenza, una violenza su di lei in quanto donna che non poteva stare al tavolo dei giocatori pur essendo anche lei una giocatrice convocata per partecipare alla Partita del Cuore prevista domani (oggi, ndr)”.

Una ricostruzione dei fatti smentita, anche se con poche informazioni, dalla Nazionale Cantanti. “Alessandra Amoroso, Madame, Jessica Notaro, Gianna Nannini, Loredana Berté, Rita Levi di Montalcini, sono solo alcuni dei nomi – recita il comunicato ufficiale – delle tantissime donne che, dal 1985 (anno in cui abbiamo giocato a San Siro, per la prima volta, contro una compagine femminile) , hanno partecipato e sostenuto i nostri progetti. Il nostro staff è quasi interamente composto da donne, come quest’anno sono donne le conduttrici e la terna arbitrale della “partita del cuore”.

Quindi la difesa dalle accuse dei The Jackal: “ Nazionale Italiana Cantanti, non ha mai fatto discriminazioni, di sesso, fama, genere musicale, colore della pelle , tipo di  successo , e followers . C’è solo una cosa – prosegue – nella quale non è mai scesa a compromessi: Noi non possiamo accettare ARROGANZA, MINACCE, MALEDUCAZIONE , E VIOLENZA VERBALE DAI NOSTRI OSPITI”.

Una story che dopo poche ore è però scomparsa dal profilo Instagram della Nazionale.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.

© Riproduzione riservata

0 commenti su ““Sei donna, non puoi stare qui”. La denuncia di Aurora dei The Jackal: “Mi hanno cacciato dalla Partita del cuore”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: