ESTERO

Giallo sulla morte di una diplomatica svizzera a Teheran

giallo-sulla-morte-di-una-diplomatica-svizzera-a-teheran
Spread the love

TEHERAN – E’ mistero sulla morte di una diplomatica dell’ambasciata della Svizzera a Teheran di 51 anni, trovata morta questa mattina ai piedi di uno dei grattacieli del quartiere di Kamranieh, nella zona Nord della città. La donna era il primo segretario dell’ambasciata del Paese elvetico, che cura anche gli interessi degli Stati Uniti nel Paese.

Dalla chiusura dei rapporti diplomatici avvenuta dopo la Rivoluzione islamica del 1979, Washington si affida a Berna per curare i suoi interessi in Iran. Secondo il portavoce della “National Emergency Medical Service Organization” iraniana, Mojtaba Khaledi, la donna sarebbe deceduta diverse ore prima del ritrovamento. Non è chiaro se la morte sia dovuta a un atto doloso, a un incidente oppure a un suicidio.

La morte della diplomatica svizzera giunge in un periodo molto delicato per l’Iran. Il Paese sta cercando infatti di rilanciare l’accordo sul nucleare e da alcuni mesi sta conducendo colloqui indiretti con gli Stati Uniti nell’ambito della Commissione mista del Piano globale d’azione congiunto (Jcpoa) a Vienna. Teheran è inoltre nel pieno di uno scontro interno a poco più di un mese dalle elezioni presidenziali del 18 giugno che oppone i Guardiani della rivoluzione e il governo uscente guidato dal presidente Hassan Rouhani.

Il ministro degli Esteri svizzero, Ignazio Cassis, ha affermato di essere “scioccato dalla tragica morte” della diplomatica ed esprime le sue “più profonde condoglianze alla famiglia”.

0 commenti su “Giallo sulla morte di una diplomatica svizzera a Teheran

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: