ESTERO

Il genocidio armeno: quelle marce della morte nel deserto che cancellarono uomini, donne e bambini

il-genocidio-armeno:-quelle-marce-della-morte-nel-deserto-che-cancellarono-uomini,-donne-e-bambini
Spread the love

E’ la notte del 24 aprile 1915, a Costantinopoli, capitale dell’Impero ottomano. Tra le strade e le abitazioni dove gli armeni vivono e lavorano, comincia il terrore. Nelle case irrompe la polizia e, in poche ore, vengono arrestati 650 notabili. L’accusa: “Sono portatori di sentimenti nazionali ostili al governo centrale”.

0 commenti su “Il genocidio armeno: quelle marce della morte nel deserto che cancellarono uomini, donne e bambini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: