milano

Oppo A94 5G, recensione. Smartphone dalle solide certezze

oppo-a94-5g,-recensione.-smartphone-dalle-solide-certezze
Spread the love

Nonostante in fondo conoscessimo già l’Oppo A94 5G, arrivato in altri mercati con il nome di Oppo F19 Pro+ 5G, questa ventata d’aria fresca nella fascia media del mercato ha portato con sé elementi che riusciranno ad accontentare moltissimi utenti. Il fatto di puntare su caratteristiche “sicure” e realizzare uno smartphone ben bilanciato, senza strani eccessi alla ricerca del fattore wow, sarà stata una buona strategia per Oppo?

Design

Oppo A94 5G ha un design che potrebbe a prima vista deludere un po’ gli utenti. In realtà c’è molto da apprezzare in questo smartphone che si va a collocare in una fascia di mercato medio bassa ma che comunque non sfigura accanto ai top dal prezzo decisamente maggiore.

Le cornici cromate sono in plastica lucida e, come la scocca sul retro, raccolgono forse più impronte di quelle che mi piacerebbe vedere su uno smartphone. La parte posteriore di Oppo A94 5G è realizzata in plastica ma sfido chiunque a distinguerla senza un’analisi davvero attenta dal singolo pezzo di vetro Corning Gorilla Glass 5 che protegge le fotocamere.

In sostanza siamo di fronte ad un prodotto semplice, elegante e davvero concreto, che non cerca di stupire con un design particolare e polarizzante. Devo ammettere che ritornare ad utilizzare uno smartphone così piccolo, sottile (7,8mm) e leggero (173g), se paragonato ai top di gamma che ho avuto modo di provare di recente, è stato un vero piacere.

Oppo nella confezione di A94 5G include anche una cover in TPU trasparente che ha la particolarità di coprire in parte il modulo fotografico sporgente per proteggerlo da eventuali graffi.

Display

Purtroppo non c’è nulla da fare, se avete utilizzato anche solo per un periodo di tempo di alcune settimane uno smartphone con frequenza di aggiornamento a 90Hz oppure 120Hz è davvero difficile tornare indietro.

Oppo A94 5G si affida ad un pannello AMOLED dalla diagonale di 6,43 pollici e che copre oltre il 90% della parte frontale del prodotto. Con una risoluzione di 1080 x 2400 pixel, una luminosità di picco di 800 nit e il supporto ai contenuti HDR è davvero difficile trovare qualcosa di cui potersi lamentare in questo affollato settore di mercato.

L’unica vera mancanza, che tuttavia si percepisce solo se provenite da uno smartphone decisamente recente e forse più costoso di questo, è una frequenza di aggiornamento più elevata. Calcolando però il target a cui questo prodotto è rivolto e il fatto che comunque chi deciderà di acquistare Oppo A94 5G proviene probabilmente da uno smartphone anch’esso a 60Hz, non è un qualcosa di cui vi accorgerete.

È vero, esistono alternative con display LCD (e alcuni persino AMOLED) che raggiungono i 90Hz o persino i 120Hz anche allo stesso prezzo di questo Oppo, ma posso assicurarvi che la qualità dei colori, i contrasti e l’ottima resa di questo display piatto non vi faranno rimpiangere nemmeno per un secondo tali specifiche.

Un vantaggio di avere un pannello AMOLED è quello di poter montare un comodo lettore di impronte digitali ottico sotto al display, fino a qualche anno fa considerato fantascienza e oggi disponibile anche per gli smartphone più economici. Detto questo, l’area di riconoscimento è ampia e sufficiente mentre la velocità di sblocco di certo non primeggia.

Prestazioni

Un’altra delle specifiche che, per lo meno su carta, potrebbe far storcere il naso ad alcuni utenti più informati e appassionati del settore è la presenza di un processore Mediatek.

Storicamente sappiamo come i chip Exynos di Samsung e gli Snapdragon di Qualcomm siano sempre stati preferibili a confronto, a volte per le prestazioni in relazione al prezzo, altre perché i chip Mediatek venivano spesso montati sui primi dispositivi in arrivo nel nostro mercato dalla Cina, i quali non venivano supportati correttamente o avevano un software a dir poco discutibile.

Il chip Mediatek Dimensity 800U scelto da Oppo per questo dispositivo si è comportato egregiamente in questa settimana che ho avuto modo di trascorrere con A94. Accoppiato a 8GB di RAM LPDDR4X e a 128GB di memoria interna espandibile fino a 256GB tramite uno slot dedicato (senza rinunciare quindi alle caratteristiche Dual SIM), il chip si è dimostrato perfettamente in grado di gestire ogni situazione possibile.

Il corpo di Oppo A94 5G è ottimizzato per migliorare la dissipazione del calore, pur mantenendo un design sottile e leggero. Tre strati di piastre di grafite e tubi di alluminio e rame altamente conduttivi sono utilizzati per migliorare la dissipazione del calore del dispositivo. Inoltre, è stato usato un nuovo metodo di dissipazione del calore della batteria che aumenta la superficie per dissipare meglio il calore.

Per tornare al discorso delle prestazioni dei chip Mediatek in confronto alla concorrenza, il Dimensity 800U ha dato davvero prova che Oppo A94 5G è all’altezza degli smartphone che ho avuto modo di provare con chip Snapdragon 765G. League of Legends Wild Rift impostato a 60fps con i “bordi neri dei personaggi” attivati non ha assolutamente alcuna incertezza e lo smartphone rimane freddo anche dopo più di un’ora di gioco. Davvero un buon risultato!

Oppo A94 utilizza quello che l’azienda chiama 360° Antenna 3.0, ovvero un sistema di copertura a 360° che assicura che lo smartphone abbia un’ottima ricezione indifferentemente da come viene afferrato o utilizzato.

Lo smartphone ha il vantaggio di supportare le reti 5G sia SA che NSA, cosa che lo rende a prova di futuro. Anche se al momento non vi spostate abitualmente in delle aree raggiunte dal segnale di nuova generazione, in futuro potrà tornarvi molto comodo.

Per quanto riguarda il sistema audio dello smartphone c’è poco da dire: è presente un unico speaker mono dal volume elevato e dalla qualità sufficiente ma che non vi sorprenderà, mentre fortunatamente è stato mantenuto un jack da 3,5mm per le cuffie.

Comparto fotografico

…che fa delle funzioni software e della versatilità d’uso i suoi punti di forza. Se andiamo ad analizzare la scheda tecnica, infatti, troviamo quattro fotocamere che su carte sono nella media ma non hanno nulla di eccezionale o unico:

  • Fotocamera principale – 48MP, sensore OV48B 1/2″, f/1.7, lenti 6P, 25mm
  • Fotocamera ultragrandangolare – 8MP, sensore Hi-846 1/4″, f/2.2, lenti 5P, 16mm
  • Fotocamera monocromatica – 2MP, sensore 1/5″, f/2.4, 3P
  • Fotocamera Macro – 2MP, sensore 1/5″, f/2.4, 3P

Come la maggior parte degli smartphone di questa fascia di prezzo, Oppo ha optato per includere una fotocamera principale ad alto numero di megapixel e una secondaria ultragrandangolare, rinunciando ad un vero e proprio teleobiettivo che viene sostituito dallo zoom digitale effettuato sul sensore principale. È una soluzione che funziona fino a bassi livelli di zoom ma non aspettatevi di poter godere di incredibili dettagli al livello di zoom massimo.

Come ho sottolineato più volte di recente, sarebbe stato forse più utili impiegare il budget delle due fotocamere ausiliarie da 2MP per migliorare la qualità delle due fotocamere principali o per l’aggiunte di un vero teleobiettivo ma sembra che questa sia ormai una battaglia persa.

Detto questo, le immagini catturate da Oppo A94 5G hanno una buona qualità, in linea con gli standard del mercato. Non eccellono e non deludono, è uno smartphone che fa quello che promette di fare senza bisogno di puntare ad un conteggio estremo dei megapixel oppure su particolari sensori studiati ad-hoc per attirare l’attenzione.

Per sopperire a questa mancanza di originalità, in fondo sono davvero molti gli smartphone che utilizzano praticamente lo stesso array di sensori, Oppo ha deciso di puntare forte sulla versatilità e unicità del proprio software.

Oppo A94 5G è infatti in grado di aumentare la luminosità del 26% e la saturazione del 35% quando si registrano video di note grazie alla modalità Ultra Night Video, ad esempio. Lo smartphone è capace di registrare video in HDR e può persino unire queste due funzioni assieme in Night HDR Video.

Focus Lock permette di mantenere a fuoco il soggetto selezionato anche se in movimento, in modo da non perdere mai uno scatto e Dual-View permettono di registrare utilizzando contemporaneamente due sensori differenti.

Ovviamente non mancano i miglioramenti automatici delle immagini grazie all’utilizzo dell’AI Scene Enhancement 2.0 e le funzioni di personalizzazione dell’effetto bokeh. La modalità notte possiede ora tre diversi preset per dare un look unico alle vostre immagini notturne.

Il discorso vale anche per la fotocamera frontale da 16MP con lente f/2.4, la quale si comporta in maniera ottima in condizioni di buona luminosità ma perde velocemente dettagli in situazioni indoor oppure al calar del sole.

Software

Il software che gestisce lo smartphone è lo stesso che abbiamo potuto provare negli altri modelli recenti del brand. Per quanto mi riguarda questa è qualcosa che spesso si dà per scontato. L’ultima versione di ColorOS basata su Android 11 è infatti ricca di personalizzazioni e funzioni davvero interessanti che rendono l’utilizzo del dispositivo un vero piacere. Non ho mai nascosto che si tratta di una delle skin Android degli ultimi anni che preferisco.

Ovviamente chi si trova legato alla grafica di Android stock dovrà mandare giù qualche piccolo rospo, in quanto Oppo ha davvero personalizzato moltissimi aspetti del sistema operativo di Google. Una volta lasciati da parte i preconcetti e data una possibilità a ColorOS vi assicuro che non ne sarete affatto delusi!

È un vero piacere constatare anche come Oppo non abbia preso la decisione di installare del bloatware sul dispositivo stringendo accordi con varie aziende per abbassare il prezzo finale dello smartphone. L’esperienza d’uso è veloce e pulita sin dal primo avvio, anche gli utenti meno esperti non saranno travolti da un carico di app inutili che mai apriranno.

Ricarica e autonomia

Ad Oppo bisogna dare moltissimo merito per la sua tecnologia di ricarica. Non solo l’azienda è stata tra le prime (se non la prima in assoluto) a sperimentare con l’utilizzo di una batteria a doppia cella per velocizzare i tempi di ricarica degli smartphone, ma è tra le aziende che più si impegnano per rendere disponibili queste novità davvero utili all’utente finale a più persone possibili.

Oppo A94 5G è infatti dotato della tecnologia di ricarica VOOC Flash Charge 4.0, la quale permette di raggiungere una velocità di ricarica massima di 30W con il caricatore ed il cavo inclusi nella confezione. Questo è un vantaggio notevole sulla concorrenza che su questa fascia di prezzo molto spesso si ferma a valori decisamente più bassi.

Non che sia comunque necessario ricaricare lo smartphone così spesso come verrebbe comodo fare a tali velocità. Oppo A94 5G ha una batteria interna da 4310mAh che è in grado di resistere tranquillamente ad una giornata, può raggiungere i due giorni di utilizzo con un po’ di parsimonia sull’uso della batteria.

Se abitate in una zona in cui è presente copertura 5G sappiate che lo smartphone collegandosi a tale rete diventerà leggermente più energivoro, tuttavia anche in questo caso arrivare a sera è quasi sempre assicurato, sempre che non decidiate di abbandonarvi a lunghissime sessioni di gioco a cui nessun prodotto può reggere per l’intera giornata.

Conclusioni

Se siete alla ricerca di uno smartphone di fascia media che vi dia delle certezze e non vi sorprenda, in questo caso né in negativo né in positivo, Oppo A94 5G è una scelta sicura. Da agli utenti esattamente quello che promette senza strafare sbilanciandosi su un’area di competenza magari lasciando non curati dettagli in un’altra.

Il software lo conosciamo bene ed è adatto a tutti, è molto curato e piacevole da utilizzare. La batteria da 4310mAh è più che sufficiente a farvi raggiungere i due giorni di utilizzo se non giocate e non abitate in un’area coperta dalle reti 5G. La ricarica rapida a 30W è un vero punto di forza.

Oppo A94 5G è elegante, piacevole da maneggiare e relativamente molto leggero. Viene proposto dalla casa madre ad un prezzo di 369,99 euro che ritengo leggermente fuori scala, tuttavia fino al 9 maggio 2021 è attiva una promozione che includerà nel prezzo gli auricolari Oppo Enco Air dal valore di 99 euro, non male se ne avete necessità.

Al calare del prezzo e al comparire dei primi sconti sulle piattaforme di e-commerce come Amazon è uno smartphone che va tenuto d’occhio perché è più soddisfacente di quello che la sua scheda tecnica lascia trasparire.

0 commenti su “Oppo A94 5G, recensione. Smartphone dalle solide certezze

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: