milano

“Erdogan dittatore”: che la presa di posizione di Draghi stimoli l’Ue a rialzare la testa (nascosta sotto la sabbia)

“erdogan-dittatore”:-che-la-presa-di-posizione-di-draghi-stimoli-l’ue-a-rialzare-la-testa-(nascosta-sotto-la-sabbia)
Spread the love

Erdogan dittatore. In una conferenza stampa spesso gonfia di buone intenzioni, di tanti auspici ma di poche decisioni, una parola chiara e definitiva il presidente del Consiglio l’ha detta. Il capo dello Stato turco è un dittatore anche se si traveste da presidente eletto. E le democrazie devono certo cooperare per tutelare i propri interessi ma non collaborare con chi viola i principi di libertà su cui si fonda la vita dell’Occidente.

L’Europa che spesso copre le sue vergogne con fiumi di ipocrite prese di posizione è stata appena umiliata da Erdogan con l’episodio, di rara scortesia e protervia, della poltrona fatta mancare alla presidente della Commissione von der Leyen durante il recente vertice ad Ankara.

Ci auguriamo che le parole di Draghi la sollecitino a rialzare la testa, spesso tenuta nascosta sotto la sabbia. Con la Turchia, con la Libia, con l’ungherese Orban e con dittatori di altra specie ma di eguale pericolosità come i giganti del web, monopolisti dell’economia digitale, lasciati liberi di non pagare le tasse (o quasi).

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

M5S, la rivoluzione delle parole può essere anche una rivoluzione del pensiero

next


0 commenti su ““Erdogan dittatore”: che la presa di posizione di Draghi stimoli l’Ue a rialzare la testa (nascosta sotto la sabbia)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: