Senza categoria

PROTESTA A MONTECITORIO: “SOPRA CI STANNO LORO, L’1% CHE CI VUOLE DISTRUGGERE, SOTTO CI SIAMO NOI!”

protesta-a-montecitorio:-“sopra-ci-stanno-loro,-l’1%-che-ci-vuole-distruggere,-sotto-ci-siamo-noi!”
Spread the love

di Adalberto Gianuario

Dopo mesi di aperture annunciate e poi dilazionate, diverse sigle e associazioni legate ai settori messi in ginocchio dalle misure restrittive si sono date appuntamento in piazza di fronte alla sede del Parlamento.

Fin dall’inizio della manifestazione la tensione si è fatta tangibile: troppo acuta la disperazione di chi si vede tolto il diritto sancito dal primo articolo della Costituzione, troppo evidenti le incongruenze e le contraddizioni di una normativa di cui non si fa fatica a percepire gli effetti positivi sulla salute ma che in compenso stanno stritolando interi settori dell’economia italiana, portando alla disperazione migliaia di famiglie.

Così, dopo i primi interventi dal palco, è partita una prima carica della polizia verso un gruppo di manifestanti colpevole di aver rimosso una transenna che impediva l’accesso alla piazza.

Dopo queste prime schermaglie è salito sul palco l’attore Enrico Montesano, che ha tentato di placare gli animi: “Stiamo calmi, non facciamo azioni avventate che potrebbero solo danneggiarci. Non esistono più destra e sinistra, esiste solo chi sta sopra e chi sta sotto”.

Nonostante i tentativi di rasserenare gli animi, sull’altro lato della piazza è poi partita un’altra carica, più decisa e prolungata della precedente.

Tra i tanti rappresentanti delle categorie intervenuti dal palco, hanno preso la parola anche il deputato Vittorio Sgarbi e il senatore Gianluigi Paragone, entrambi solidali con i ristoratori del “M.I.O.”, che dopo i tanti tentativi di instaurare un dialogo e arrivare a un compromesso con le istituzioni, hanno deciso di riapparecchiare i propri tavoli e riaprire a pranzo e a cena.

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€287.754 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!


Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

io sono con voi…lottiamo per la libera informazione

Rendiamo sana e accessibile a tutti l’informazione libera e indipendente!!


Forza ragazzi!

Una gocciolina per un Oceano di Bene. Grazie!

Che questo sia il segno di come in questo momento così buio siamo chiamati a costruire non soltanto un’informazione indipendente, ma anche una cultura e un’arte indipendente.

Tante piccole persone che, in tanti piccoli paesi, fanno tante piccole cose, possono cambiare il volto del mondo

0 commenti su “PROTESTA A MONTECITORIO: “SOPRA CI STANNO LORO, L’1% CHE CI VUOLE DISTRUGGERE, SOTTO CI SIAMO NOI!”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: