Senza categoria

UNA COMUNITÀ BASATA SULLA LEGGE DI RISONANZA #Corrispondenze

una-comunita-basata-sulla-legge-di-risonanza-#corrispondenze
Spread the love

Come prima accezione della parola “corrispondenza”, la Treccani indica “il corrispondere o il corrispondersi, come rapporto reciproco fra elementi diversi“. Proseguendo nei significati, l’enciclopedia fa riferimento al contraccambiare di sentimenti o affetti: “Celeste è questa corrispondenza d’amorosi sensi“, scriveva Ugo Foscolo. Poi c’è la corrispondenza intesa come scambio epistolare tra persone, come quella che abbiamo iniziato con voi all’indirizzo [email protected] . In moltissimi ci avete scritto.

In fin dei conti la vita è corrispondenza tra persone ed eventi. Perché incontriamo in un certo momento della nostra vita proprio quella persona? Perché viviamo proprio quella esperienza?

Per Charles Baudelaire tutto in Natura è in corrispondenza: le parole, i suoni, i colori, i profumi si rispondono, legati tra di loro in una sorta di dialogo. Spetta al poeta interpretarne i simboli, coglierne i messaggi e i legami profondi.

La Natura è un tempio dove colonne vive

lasciano a volte uscire confuse parole;

l’uomo vi passa attraverso foreste di simboli

che l’osservano con sguardi familiari.

Come echi lunghi che da lontano si fondono

in una tenebrosa e profonda unità

vasta quanto la notte e quanto la luce,

i profumi, i colori e i suoni si rispondono.

Ci sono profumi freschi come carni infantili,

dolci come oboi, verdi come praterie

– e altri corrotti, ricchi e trionfanti,

che hanno l’espansione delle cose infinite,

come l’ambra, il muschio, il benzoino e l’incenso

che cantano gli abbandoni dello spirito e dei sensi.

Nella poesia “Corrispondenze“, Baudelaire sembra dirci che la realtà che vediamo ne nasconde una più profonda, in cui ogni elemento è legato reciprocamente ed è possibile accedere a questa realtà più profonda solo se non ci limitiamo a una conoscenza razionale di essa, ma se ci connettiamo a frequenze più elevate dello spirito, facendo affidamento sull’intuizione e sulla sensibilità.

Come echi lunghi che da lontano si fondono

in una tenebrosa e profonda unità

vasta quanto la notte e quanto la luce,

i profumi, i colori e i suoni si rispondono.

Come echi lunghi che da lontano si fondono in una tenebrosa e profonda unità …” scrive Baudelaire.

Ma non è che il poeta francese avesse intuito a livello sensoriale le scoperte della fisica quantistica?

Prendiamo l’entanglement quantistico o correlazione quantistica, un effetto straordinario che stupì anche Albert Einstein.

In che cosa consiste?

Due particelle che sono state in risonanza, perché in origine frammenti di un’unica particella, vengono separate e allontanate tra di loro. Se uno scienziato fa qualcosa su una delle particelle, sollecitandone un cambiamento, istantaneamente anche l’altra particella ne risente, pur se distante. E tale modificazione è istantanea, quindi, è come se le due particelle, seppur distanti, siano ancora unite.

Nella realtà, allora, le cose ci sembrano separate, ma, a un livello più profondo, non lo sono. Siamo tutti uniti!



Come raggiungere una conoscenza più profonda della realtà in cui tutti siamo uno?

In “Love”, la più famosa opera d’arte di Alexander Milov, sono raffigurati un uomo e una donna separati, accovacciati con la schiena l’uno contro l’atro, senza guardarsi. Milov rappresenta i loro corpi come una gabbia di ferro. Al loro interno, albergano due bambini che si toccano le mani attraverso le grate e che si illuminano di notte. L’artista ucraino vuole rivelare a tutti noi che un bambino, dedito all’amore e alla purezza e voglioso di entrare in risonanza con il mondo, vive dentro ognuno di noi.

Bisogna prendersi cura di lui e dargli voce. Se lo facessero tutti, il mondo intero cambierebbe? È questa la rivoluzione che siamo chiamati a compiere? Se siamo in tanti a sentirne la necessità, la rivoluzione è allora già iniziata?

Del resto, a livello collettivo, i sogni diventano realtà quando entrano in risonanza con i sogni e le aspirazioni di milioni di persone.

love milov

Allora adesso spazio ai nostri sogni e alle nostre corrispondenze.

Non è inferno vedere le mie figlie ridere

Non è inferno sentire l’amore di mio marito

Non è inferno il grazie dei pazienti che aiuto

Non è inferno la messa la domenica nel santuario di Santa Maria delle grazie a Chiavari dove andiamo a piedi passeggiando tra gli ulivi. Da là solo il blu del mare , il verde del bosco, i giochi di luce e Dio.

Chiara

 “Che cosa non è inferno ?”

Tutto ciò che c’è di bello.

Non c’è posto per l’inferno :

L’universo, è riempito d’amore;

lo spazio, è costellato di meraviglie;

e il tempo, è scaduto

per il fuoco eterno.

Lorenzo

Non è inferno l’abbraccio di tua figlia con D.S.A. che gioisce con te perché può andare a scuola in presenza.

 Roberto

Per tutta la vita ho vagato nel mondo, sola, convinta oramai di essere unico esemplare, tra gli umani, di una razza aliena. Abbandonata qui, chissà per quale motivo…

Improvvisamente, ma dopo più di cinquant’anni , mi ritrovo catapultata in una nuova società (piccola, ristretta) fatta di esseri a me simili, dove parlano la mia stessa lingua ed io la loro. Ce ne sono altri che vagavano, come me, in cerca di altri come loro. Persone. Persone che vogliono cambiare il mondo, che non si sottometteranno in silenzio io non sono più sola! L’inferno non è adesso, l’inferno sarebbe tornare alla vita di prima.

Silvia.

Sentire la presenza di persone consapevoli che, pur nella difficoltà degli eventi, non rinunciano alla loro umanità.

Sentire la fatica condivisa con gli uomini di buona volontà”.

Maria Luisa

Ciao. Bellissima la rubrica e bravo tu … Quante cose belle e interessanti.

Grazie.

Ecco per me non è inferno svegliarmi al mattino e potere vedere la luce del giorno, camminare sulle mie gambe e usare le mie mani per tutte le buone e utili azioni quotidiane.

Fatti scontati, a cui si da’ poca importanza e per i quali si ha scarsa considerazione e poca gratitudine, ma che così ovvie non sono, almeno non per tutti su questa terra.

Per me non è inferno andare a letto la sera e riguardare al giorno trascorso, agli errori fatti che spero di non ripetere ancora, a tutto ciò che ho e alla meraviglia di ciò che sarà … Chissà …

Per me non è inferno avere imparato nella vita a vedere il bicchiere mezzo pieno e non quello mezzo vuoto.

Per me non è inferno sapere che non sono sola a credere che un mondo migliore è ancora possibile e che posso attingere informazioni da canali liberi come byoblu.

Grazie per il vostro prezioso lavoro.

Marilena

AIUTACI A COMPENSARE GLI ABBONAMENTI RUBATI DA YOUTUBE

€93.281 of €100.000 raised

Youtube ha rubato alla TV dei cittadini migliaia di abbonamenti e ci ha tolto la possibilità di fare pubblicità. Vogliono soffocarci perché siamo “dannosi”. Omettono di dire che in realtà siamo “dannosi” solo per loro e per la loro brutale bramosia di controllo. Siamo invece aria fresca e pura per i cittadini.

Stiamo lavorando da mesi alla conversione delle entrate di Byoblu e di DavveroTV a formule che il potere non può controllare, ma abbiamo bisogno di comprare ancora un po’ di tempo. Siamo sul ring e non abbiamo finito di combattere.

Solo tu puoi suonare quel gong e permetterci di fare un altro round, perché il potere, che nulla ammette se non se stesso, non deve averla vinta: la tv dei cittadini deve continuare ad esistere. Devono capire che tutti i loro soldi non sono niente di fronte alla determinazione dei cittadini che si organizzano per fare da soli.

Siamo centinaia di migliaia. Forse milioni… Diamo una risposta secca. In cambio avrete qualcosa che neanche loro possono comprare: la libertà! Vi daremo programmi ancora migliori e ancora più coraggiosi. Noi non abbiamo paura di essere “controversi”.

Comprateci solo un altro po’ di tempo!


Claudio Messora

Vi seguo con molto interesse e vorrei suggerirvi di mostrare, ogni tanto, i video della dottoressa Loretta Bolgan. Grazie. Umberto Fortunati

Grazie per il vostro impegno.

Era ora di sentire una voce vera

0 commenti su “UNA COMUNITÀ BASATA SULLA LEGGE DI RISONANZA #Corrispondenze

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: