attualità

«The eye has to travel»: omaggio a Diana Vreeland

«the-eye-has-to-travel»:-omaggio-a-diana-vreeland
Spread the love

È come se ogni fibra del nostro corpo risentisse dell’assenza di movimento e della carenza di stimoli. Dei colori che cambiano con il variare del panorama, della luce che assume un’intensità e un’inclinazione diversa a seconda del punto dell’emisfero in cui ci troviamo. Tutto il corpo risponde alle condizioni atmosferiche in cui viene immerso, ma è l’occhio che dà l’impulso alla mente e che conserva il ricordo anche quando il profumo è svanito e i colori nei quali siamo immersi sono gli stessi ai quali ci siamo assuefatti dopo un anno di pandemia. Mancano gli impulsi, gli imprevisti ai quali rispondere con rapidità, lo stupore dato dalla novità e tutte le incredibili idee che solo la vista di un paesaggio e di un contesto nuovi possono dare.

Bella Hadid, protagonista della campagna di Michael Kors ispirata a Diana Vreeland

L’occhio deve viaggiare, “The eye has to travel” è uno dei motti più celebri di Diana Vreeland, la storica giornalista e imperatrice della moda che nel corso della sua carriera ha lavorato per testate come Vogue e Harper’s Bazaar. È a lei che si è ispirato lo stilista statunitense Michael Kors per la nuova campagna  primaverile. Chiuso in casa per mesi come tutto il resto della popolazione mondiale, ha riflettuto sulle parole di quella che è stata la sua musa dagli inizi della sua carriera a oggi. Kors ha sentito la mancanza del viaggio e ha cercato di condurre gli spettatori in un tour immaginario.

Per questo la campagna pubblicitaria per la primavera 2021 di Michael by Michael Kors è il racconto di un viaggio. Il video e i fotogrammi portano gli spettatori a vivere una giornata perfetta a New York, che comincia con un giro in barca sull’Hudson River, prosegue con una visita all’American Museum of Natural History, all’Empire Diner e a Central Park. Il tutto vissuto assieme alla jet-setter per eccellenza, Bella Hadid.

La campagna Michael Kors ispirata alla massima di Diana Vreeland: «The eye has to travel»

La campagna incoraggia la fuga attraverso l’immaginazione e le immagini, così come l’idea di riscoprire i tesori nel proprio cortile di casa. «Viaggiare è qualcosa che mi ha sempre ispirato – spiega lo stilista Michael Kors – Anche ora che non possiamo spostarci possiamo fuggire verso destinazioni lontane su Instagram, possiamo guardare vecchie foto e possiamo riscoprire le città e i paesi in cui viviamo. Abbiamo tutti bisogno di questo cambio di prospettiva. Come diceva Diana Vreeland, “L’occhio deve viaggiare”».

0 commenti su “«The eye has to travel»: omaggio a Diana Vreeland

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: