milano

Kitikaka (di governo) – Si balla l’Hully Draghy allo Sky Calcio Club di Fabio Caressa

kitikaka-(di-governo)-–-si-balla-l’hully-draghy-allo-sky-calcio-club-di-fabio-caressa
Spread the love

Il ritmo del Kitikaka di oggi è questo (ascolta il brano prima di leggere il kiti)

“Se prima eravamo in due a ballare l’hully draghy, adesso siamo in tre a ballare l’hully draghy/Se prima eravamo in tre a ballare l’hully draghy, adesso siamo in quattro a ballare l’hully draghy/Se prima eravamo in quattro a ballare l’hully draghy, adesso c’è Caressa che ci suona un ritornello”.

A Sky Calcio Club va già in scena il governo Draghi. Altro che maratona Mentana. Altro che cazziatone alla Varriale. Altro che corazziere gola profonda nel boudoir di Mattarella. Basta guardare il Club, la domenica alle 22.45 su Sky 201, 202, 203… (boh! chi capisce la sciarada delle numerazioni dei canali Sky può spiegarcelo nei commenti più sotto) per capire dove è nato lo spirito dell’ammucchiatona per Marione nostro. Nel programma condotto da Fabio Caressa non c’è mai un diniego, un dissenso, una pernacchietta di disapprovazione, un’ospite che sbatte una scarpa sul tavolo al grido di “Savona ministro”.

Tutto fila via felpato, al lume di una lampada Churchill, tra un delicato sorso di Porto e un’aspirata dolce di Montecristo. Ma soprattutto tutti danno ragione a tutti che nemmeno alle ultime consultazioni al Quirinale. Luca Marchegiani, che in realtà è il cantante Edoardo Vianello sotto mentite e calve spoglie, nonché autore del nuovo Hully Draghy che fa da sottofondo a questa puntata di Kitikaka, apre le danze. “Cristiano Ronaldo, Immobile e Ibrahimovic sono tutti in crescita”. E lo zio Bergomi, molto ragiuniere lumbardo: “Eh si si”. Tocca a Giuseppe Conte/Sandro Piccinini (identici l’aplomb di chi la sa lunga ma non troppo e la riga con ciuffo laterale dell’ex premier) sferrare la sciabolata: “Lo Spezia ha fatto il colpaccio!”. E Billy Costacurta, di fianco a lui, un po’ l’Italia Viva fascinosa e moderna del momento: “Si, sì, è vero”.

A questo punto è il padrone di casa, con quel viso impenetrabile da ex Goldman Sachs e le apparizioni pubbliche ridotte a zero se non “In cucina con Benedetta” (quella marchigiana, of course) a vedere se ci saranno veti sulle sue proposte: “Anche il Torino è in ripresa”. E Piccinini/Conte: “Già, è vero”. Lui che non vuole un ministero si smarca subito, ma sempre in clima di unità nazionale: “La Lazio difende bene”. Bergomi alla ricerca di un ministero pesante ma senza disfare il dialogo costruttivo: “Anche l’Inter”. Costacurta ricuce con qualche sottosegretario: “Eh sì, sì”.

Una piccola smagliatura ma le consultazioni con abbordaggio morbido a prezzo calmierato continuano in armonia. Tocca a Caressa entrare nella fase pleonastica del programma di governo: “Del resto il campionato l’anno scorso si fermò due mesi”. Bergomi: “Esatto!”. Costacurta rilancia: “E adesso comincia la Champions”. Caressa: “Eh sì”. Costacurta ha capito che avrà dicasteri di peso: “Atalanta e Lazio hanno impegni grossi in Champions”. E Bergomi, a compimento dell’asse politico del Nord: “Eh certo”. Piccinini/Conte, quasi in autoanalisi: “Tutti c’hanno le pause”. Caressa draghianamente comprensivo: “Certo, come no”. Piccinini allora prova ad allargarsi sul Recovery e Mes(si): “E se giocassero Leao, Calhanoglu, Rebic e Ibrahimovic insieme?”. Il silenzio invade lo studio. Mugugni. Muggiti. Mattarella telefona preoccupatissimo. La von der Leyen sta azionando il pulsantino rosso dello spread. “Noooooo”, fanno in coro tutti quanti. Piccinini mesto: “Come non detto”. Ci pensa allora il premier in pectore Caressa a ricucire ogni strappo: “Le aspettative contano”. Costacurta: “Eh sì”. Piccinini: “Certo”. Bergomi: “Alla grande, come no?”. E Marchegiani fischietta: “Se prima eravamo in cinque a ballare l’hully draghy, adesso siamo in sei a ballare l’hully draghy/se prima eravamo in sei…” (ad libitum)

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Ogni maledetto lunedì o come direbbe Fonseca: ‘Oggi è lunedì perché ieri era domenica’

next


0 commenti su “Kitikaka (di governo) – Si balla l’Hully Draghy allo Sky Calcio Club di Fabio Caressa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: