milano

Un anno in stato di emergenza: il 31 gennaio 2020 il governo firma la delibera che prepara l’Italia all’epidemia di coronavirus

un-anno-in-stato-di-emergenza:-il-31-gennaio-2020-il-governo-firma-la-delibera-che-prepara-l’italia-all’epidemia-di-coronavirus
Spread the love

“È dichiarato, per 6 mesi dalla data del presente provvedimento, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”, si legge nella delibera del Consiglio dei ministri datata 31 gennaio 2020. Il giorno prima l’Oms aveva fatto altrettanto, mettendo in allarme gli Stati di tutto il mondo. Ecco cosa scrivevamo e dicevamo in quei giorni

| 31 Gennaio 2021

“Considerata l’attuale situazione di diffusa crisi internazionale determinata dalla insorgenza di rischi per la pubblica e privata incolumità connessi ad agenti virali trasmissibili, che stanno interessando anche l’Italia”, è necessario assumere in modo immediato “iniziative di carattere straordinario ed urgente, per fronteggiare adeguatamente possibili situazioni di pregiudizio per la collettività presente sul territorio nazionale”. Per questo, “è dichiarato, per 6 mesi dalla data del presente provvedimento, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”. Sono parole che rimarranno scolpite nella storia quelle contenute nella delibera del Consiglio dei ministri pubblicata in Gazzetta ufficiale esattamente un anno fa, il 31 gennaio 2020. Un provvedimento di soli tre commi con cui l’Italia entra ufficialmente in stato di emergenza per il “nuovo coronavirus“, quando il Covid-19 è ancora una minaccia poco conosciuta, nata in un mercato di Wuhan, in Cina, e ben lontana dal cambiare le vite dei cittadini di tutto il mondo.

Proprio in quelle ore, nel nostro Paese vengono identificati i primi casi positivi: si tratta di una coppia di cinesi partita dalla provincia cinese dell’Hubei e giunta nella Capitale per una vacanza. Nella notte fra il 29 e il 30 gennaio marito e moglie, di 67 e 66 anni, vengono rintracciati e subito trasferiti all’ospedale Spallanzani, sin da subito in trincea per la lotta al virus. La sera stessa il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prende parte a una conferenza stampa per dare l’annuncio agli italiani: “Abbiamo due casi accertati di coronavirus in Italia”. Le misure sono immediate: “Il ministro Speranza ha già adottato un’ordinanza che chiude il traffico aereo da e per la Cina. Siamo il primo Paese dell’Ue ad adottare una misura cautelativa di questo genere”. In realtà, come abbiamo scoperto nel corso dell’anno, il virus stava già circolando in tutto il pianeta da mesi, Italia compresa. E tutti i provvedimenti adottati prima del lockdown di inizio marzo sono serviti a ritardare solo di qualche settimana l’inevitabile.

Che i governi di tutto il mondo fossero ignari di ciò che ci aspettava lo dimostrano le parole del premier pronunciate quel giorno: “Non c’è nessun motivo di creare panico e allarme sociale“, avverte Conte. “Posso assicurarvi che in questo momento siamo in Italia nella linea di massimo rigore in funzione preventiva. Siamo nella condizione di poter tranquillizzare tutti i cittadini, la situazione è assolutamente sotto controllo. Ma non significa che ci stiamo appagando nelle prime misure”. E così gli altri ministri, i sindaci, le autorità europee e tutti gli altri leader dei Paesi occidentali. Solo a posteriori sappiamo che il virus stava già entrando nelle case di milioni di persone e che negli ospedali si moltiplicavano i casi di polmoniti bilaterali sospette. L’allarme in ogni caso non è stato sottovalutato: l’esecutivo dichiara lo stato di emergenza il giorno dopo dopo l’emergenza internazionale proclamata dall’Organizzazione mondiale di sanità. “La Cina – dice il 30 gennaio 2020 il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus – ha preso straordinarie misure per fare fronte all’emergenza del virus 2019-nCoV, ha isolato il virus, lo ha sequenziato e ha condiviso i dati con tutti. Dobbiamo ringraziare tutti coloro che hanno lavorato ininterrottamente per tutto questo tempo”. Poi chiarisce che in quel momento non è possibile immaginare quanto grande sarà l’epidemia. Da qui la decisione di mettere in allerta gli Stati di tutto il mondo.

Nel corso delle settimane successive, tutti adottano misure sempre più severe. A partire dall’Italia, che fa da apripista con il blocco dei voli per la Cina, le risorse per contrastare il virus e l’istituzione delle prime zone rosse. Oltre al 31 gennaio 2020, infatti, l’altra data storica da cerchiare sul calendario è quella del 17 febbraio, quando un uomo di 38 anni residente a Castiglione d’Adda, in provincia di Lodi, si presenta all’ospedale civico di Codogno accusando sintomi influenzali. Gli viene diagnosticata una leggera polmonite, ma al peggioramento delle sue condizioni viene sottoposto al tampone diagnostico nonostante non abbia avuto alcun contatto con cittadini rientrati dalla Cina. Tutto grazie all’intuizione di una dottoressa, Annalisa Malara, che va oltre quanto previsto dai protocolli sanitari. Si tratta di Mattia Maestri, il paziente 1, primo caso accertato in Italia di Covid-19 non collegato con Wuhan. Nel giro di poche settimane tutto il Paese avrebbe sperimentato il significato della parola “lockdown”, il peso dei bollettini quotidiani della protezione Civile, i contagi a livelli incontenibili e i morti in costante salita. Il resto è storia.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Vaccini Covid, in Italia somministrate quasi 2 milioni di dosi. Von der Leyen: “Astrazeneca consegnerà 9 milioni di fiale in più”

next


0 commenti su “Un anno in stato di emergenza: il 31 gennaio 2020 il governo firma la delibera che prepara l’Italia all’epidemia di coronavirus

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: