attualità

RECOVERY FUND? “IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO DOPO IL WEEK END” – Gianluigi Paragone

recovery-fund?-“il-piu-grande-spettacolo-dopo-il-week-end”-–-gianluigi-paragone
Spread the love

ROMA 13/01/2021 – Pochi giorni fa il Presidente della Commissione Finanze della Camera, Luigi Marattin ha avvertito che il Recovery Fund è vincolato a delle forti condizionalità, esattamente come il MES.

Per il senatore di Italexit Gianliugi Paragone, la dichiarazione di Marattin non è stata però una sorpresa: “Noi viviamo in una bolla di finzione, ma era già scritto nero su bianco che il Recovery Fund, esattamente come il MES e come il programma SURE avessero delle condizionalità” – e prosegue – “Marattin ha soltanto ammesso quello che era scritto nei trattati e che chiunque poteva andarsi a leggere”.

Dopo la riflessione sul Recovery, Paragone analizza lo schema di Governo che si è evidenziato negli ultimi anni attraverso quello che si potrebbe definire lo stato di eccezione permanente: “Quando eravamo

dentro la crisi finanziaria avevano incolpato le famiglie e le imprese per aver vissuto al di sopra delle proprie possibilità. Così arrivarano gli economisti, i tecnici, i Monti. E adesso sono mesi e mesi che stanno dicendo agli italiani che la colpa non è del virus, dell’incapacità del Governo, dell’OMS: la colpa è dei cittadini che non si autoimpongono il lockdown. E adesso succederà che qualche ristoratore ribelle, che denuncia la cretineria assoluta delle disposizioni contenute nei DPCM dovrà sentirsi un untore”.

Paragone termina poi con una riflessione sulla Gran Bretagna, che ha appena concluso

il proprio percorso di uscita dall’Unione Europea: “Vinceranno la partita, perché hanno una moneta e si sono finalmente ripresi la loro sovranità”.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€14.850 of €100.000 raised

2021: ECCO LE COSE CHE ABBIAMO FATTO E QUELLE CHE VORREMMO FARE

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!


Claudio Messora

Vi sto seguendo volentieri

Una voce alternativa si è resa assolutamente indispensabile.

Un aiuto minimo per riuscire ad aiutare tutte le realtà alternative come la vostra che ci aiutano a essere informati e a mantenere retta la via!

0 commenti su “RECOVERY FUND? “IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO DOPO IL WEEK END” – Gianluigi Paragone

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: