spettacolo

Arriva MINA SETTEMBRE: una donna empatica che “ha sempre la testa e il cuore in movimento”

arriva-mina-settembre:-una-donna-empatica-che-“ha-sempre-la-testa-e-il-cuore-in-movimento”
Spread the love

Mina Settembre arriva su Rai 1 in prima serata e in prima visione assoluta da domenica 17 gennaio 2021. Il secondo appuntamento è lunedì 18 gennaio 2021 e la messa in onda continua poi la domenica sera. La fiction, per la regia di Tiziana Aristarco, vanta di una protagonista guidata dall’empatia e dal desiderio di aiutare gli altri. Mercoledì 13 gennaio 2021 noi di Tvserial.it abbiamo l’onore di prendere parte alla presentazione stampa via videochiamata. Grazie alla partecipazione degli attori Serena Rossi (Mina Settembre), Giuseppe Zeno (Domenico), Giorgio Pasotti (Claudio), Marina Confalone (Olga), della produttrice Paola Lucisano, del vicedirettore di Rai Fiction Ivan Carlei e della regista Tiziana Aristarco scopriamo qualcosa in più su questo progetto.

Serena Rossi: Mina Settembre è stata una “esperienza molto forte”

Dopo pochissimi giorni la messa in onda Io sono Mia, arriva per Serena Rossi la proposta per Mina Settembre. Questa fiction è definita proprio da lei parte di me per quasi un anno” perché la lavorazione è iniziata lo scorso gennaio e poi interrotta a causa dell’emergenza sanitaria. Un progetto entrato nel cuore di Serena Rossi, una “esperienza molto forte per tantissimi motivi” a partire dalle persone che ha avuto intorno. In primis rivela che con la regista Tiziana Aristarco si è creato un legame magico. In generale, sul set, “ognuno di loro mi ha insegnato qualcosa” racconta Serena Rossi. Il personaggio ha una missione profonda: va anche contro la legge mossa dalla voglia di aiutare gli altri. Questo aspetto è molto delicato in questo momento storico in cui c’è un grande desiderio di solidarietà.

Mina Settembre e la pandemia come “occasione per essere tutti uniti”

Serena Rossi condivide l’entusiasmo per Mina Settembre che è “un progetto nel quale tutti abbiamo messi il cuore”. Con una dolcezza toccante, cercando di guardare il bicchiere mezzo pieno, dice la sua su come il Covid-19 abbia cambiato qualcosa nella vita tra colleghi. Nonostante la tragicità della situazione, la pandemia è vista dall’attrice come unaoccasione per essere tutti uniti. Affrontandola insieme hanno potuto “alleggerire delle paure che avevamo”.

Marina Confalone: Olga “nel contrasto con il prossimo si sente viva”

continua a leggere dopo la pubblicità

Mina Settembre Serena Rossi E Marina Confalone Che Interpretano Mina E Olga Credits Rai
Mina Settembre Serena Rossi E Marina Confalone Che Interpretano Mina E Olga Credits Rai

L’opposto del personaggio di Mina Settembre è sua mamma: Olga. È interpretata da Marina Confalone. La madre della protagonista sorveglia la figlia in modo opprimente. Se Mina non avesse lasciato il marito, probabilmente, troverebbe un altro motivo per cui lamentarsi. Così Olga “nel contrasto con il prossimo si sente viva”, racconta la sua interprete. Non bisogna cadere nel tranello, però: non è un personaggio cattivo. Con il procedere della storia, piano piano, emerge una sua grande tristezza. Per questo motivo Olga ha deciso di sedersi su una sedia a rotelle e chiamarsi fuori gioco.

Tiziana Aristarco: Mina “ha sempre la testa e il cuore in movimento”

Proprio queste caratteristiche – la staticità e il chiudersi nel proprio guscio – sono l’opposto di quello che è Mina Settembre. La regista Tiziana Aristarco la descrive così: “una donna empatica, che ha sempre la testa e il cuore sempre in movimento”. Questo movimento non è raccontato solamente dal suo percorso interiore, ma anche fisico. Mina fa fatica, tutti i giorni, per affrontare la vita. Cammina, si sposta per la città, non si tira mai indietro. Di fatto è “una Mina che cammina” in modo che il movimento si possa percepire anche a livello visivo e non solo simbolico.

Il triangolo amoroso: Mina tra Domenico (Giuseppe Zeno) e Claudio (Giorgio Pasotti)

Mina Settembre è una fiction a cui non manca la vena romantica. Le vicende sono incorniciate in un triangolo amoroso. Mina è contesa tra Domenico (Giuseppe Zeno) e Claudio (Giorgio Pasotti). Secondo Giuseppe Zeno la “conflittualità” è alla base di tante storie, da sempre. È come “essere o non essere”. L’interprete del suo rivale in amore nella fiction è d’accordo. Per Giorgio Pasotti il “triangolo è un archetipo della cinematografia e non solo”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Secondo Giorgio Pasotti “era difficile in questa serie riuscire a trovare delle persone adatte per poter rendere credibile – al tempo stesso anche far affezionare” il pubblico ai personaggi di questo triangolo amoroso. “Prendere Giuseppe Zeno, Serena Rossi e il sottoscritto era alquanto rischioso e io stesso avevo anche dei dubbi”, ma coglie l’occasione di ringraziare Paola Lucisano – la produttrice che l’ha fortemente voluto. Giorgio Pasotti si è “ricreduto” in merito ai suoi timori di “rischiare di cadere nel banale” arrivando lui e Giuseppe Zeno da mondi molto diversi. Differente è la storia dell’approccio dell’interprete di Domenico a questa serie. Durante la conferenza stampa ringrazia la regista Tiziana Aristarco perché “quando sono stato convocato per il provino non ho letto nessuna esitazione nei suoi occhi. È stata determinata e forte nel volermi”: lui ha accettato questo ruolo con altrettanto entusiasmo.

Dopo quella che la regista definisce “violentissima” l’interruzione a causa del Covid-19, le riprese di Mina Settembre ripartono con una nuova energia. Ora la fiction è pronta per entrare nelle case e nel cuore di ognuno di noi portando con sé alcune parole chiave: “fierezza”, “dinamismo” e tanta “empatia”.

Mina Settembre è una coproduzione RAI FICTION – IIF Italian International Film. Va in onda su Rai 1 a partire da domenica 17 gennaio 2021 in prima visione assoluta.

0 commenti su “Arriva MINA SETTEMBRE: una donna empatica che “ha sempre la testa e il cuore in movimento”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: