cronaca

Dolce&Gabbana rinunciano alla sfilata dal vivo per la moda uomo: “Penalizzati dalle restrizioni per il Covid”

dolce&gabbana-rinunciano-alla-sfilata-dal-vivo-per-la-moda-uomo:-“penalizzati-dalle-restrizioni-per-il-covid”
Spread the love

La pandemia imperversa e spazza via le sfilate dal vivo della settimana della moda uomo che tiene banco dal 15 al 19 gennaio. Persino i Dolce&Gabbana, strenui difensori dello show in passerella, hanno dovuto annullare il loro evento previsto per sabato 16. In un comunicato spiegano che, causa Covid, “sono venute a mancare le condizioni indispensabili per realizzare la nostra sfilata – per cui – abbiamo pertanto deciso di cancellare lo show dedicato all’uomo”. Quella dei Dolce&Gabbana era una delle cinque sfilate dal vivo (anche se chiuse la pubblico) annunciate a dicembre.

L’elenco comprendeva anche Fendi, Etro, K-way e Solid Homme. Ma anche su questo fronte le cose sono cambiate. Infatti, Fendi e Etro confermano le sfilate ma a porte chiuse e quindi senza pubblico. Per K-way, new entry nel calendario di Milano, vale sempre la formula della sfilata online però con al massimo 30 persone a bordo passerella. Quella di K-way è una presenza importante per Milano perché l’evento si terrà in via della Aprica 12, a ridosso del futuro Scalo Farini, dove è in corso di ristrutturazione un immobile post-industriale di 4 mila metri quadrati che diventerà la sede del BasicVillage, la creatura di Marco Boglione, l’imprenditore torinese a capo del gruppo BasicNet, proprietario anche del marchio Kappa. In via dell’Aprica ci sarà uno spazio eventi, con ristorante e quartier generale. In calendario non ci sono Armani, Versace e Missoni perché presenteranno uomo e donna insieme alle sfilate di febbraio.



La moda, costretta a fare i conti con il Covid, andrà quindi tutta online, in diretta, tra l’altro, su molti schermi piazzati intorno al Duomo. “Questa settimana si inserisce in un quadro di risposte concrete al mutato panorama del fashion system – spiega Carlo Capasa, il presidente della Camera – . In momenti di crisi, la resilienza ci permette di modificare le cose in extremis, e di andare avanti”. Come nella precedente edizione dedicata alla donna, la Camera mette a disposizione una piattaforma “che ospita sia i progetti digitali che le sfilate fisiche” e che ha avuto un enorme successo nel mondo, con 45 milioni di persone che hanno seguito in streaming gli eventi di Milano.

Venerdì prossimo ad aprire la kermesse sarà Ermenegildo Zegna. Sabato tra i nomi di spicco figurano Eleventy, Church’s, Fendi con la sua attesissima sfilata online, Kiton e Iceberg. La domenica ha un calendario ricco che include, tra gli altri, Prada, Msgm, Etro “a porte chiuse”, Tod’s, Sunnei e K-way. Per Msgm, il marchio di Massimo Giorgetti, si annuncia un video che parla il linguaggio dei giovani sullo sfondo di montagne innevate. Lunedi sarà la volta di Solid Homme, Woolrich e altri, martedì, happy end con Les Hommes. In accoppiata con la moda, dal 13 al 19 gennaio, va online Fashion Film Festival Milano, fondato e diretto da Costanza Cavalli Etro.

0 commenti su “Dolce&Gabbana rinunciano alla sfilata dal vivo per la moda uomo: “Penalizzati dalle restrizioni per il Covid”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: